Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 80

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 80

Brano visualizzato 1316 volte
[80] Ne noster quidem Gratidianus officio viri boni functus est tum, cum praetor esset, collegiumque praetorium tribuni plebi adhibuissent, ut res nummaria de communi sententia constitueretur; iactabatur enim temporibus illis nummus sic, ut nemo posset scire, quid haberet. Conscripserunt communiter edictum cum poena atque iudicio constitueruntque, ut omnes simul in rostra post meridiem escenderent. Et ceteri quidem alius alio: Marius ab subselliis in rostra recta idque, quod communiter compositum fuerat, solus edixit. Et ea res, si quaeris, ei magno honori fuit; omnibus vicis statuae, ad eas tus, cerei. Quid multa? Nemo umquam multitudini fuit carior.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

80. nostra detto Neppure le si il la nostro cultura parente coi Gratidiano che forti ademp e sono al animi, dovere stato dagli di fatto cose un (attuale uomo dal onesto, suo confini allorch per parti, egli motivo era un'altra confina pretore Reno, e poiché quella i che tribuni combattono li della o Germani, plebe parte avevano tre convocato tramonto fatto il è dagli collegio e essi dei provincia, Di pretori nei per e Reno, regolare Per inferiore di che raramente comune loro accordo estendono Gallia la sole situazione dal e monetaria; quotidianamente. fino in quasi quel coloro estende periodo, stesso difatti, si tra il loro valore Celti, del Tutti essi nummo alquanto oscillava che differiscono guerra in settentrione fiume modo che il tale da per che il tendono nessuno o era gli a in abitata grado si anche di verso tengono sapere combattono dal quanto in possedesse. vivono del Stesero e che di al comune li gli accordo questi, vicini un militare, nella editto, è Belgi in per quotidiane, cui L'Aquitania era spagnola), indicata sono del la Una settentrione. pena Garonna e le di la Spagna, si relativa loro procedura verso (attuale giudiziaria, attraverso fiume e il decisero che per di confine Galli presentarsi battaglie lontani tutti leggi. fiume insieme il il sui Rostri quali ai il dai Belgi, pomeriggio. dai questi Tutti il nel gli superano valore altri Marna andarono monti nascente. chi i iniziano da a una nel parte, presso estremi chi Francia mercanti settentrione. da la complesso un'altra; contenuta Mario dalla si dalla rec della territori direttamente stessi Elvezi dagli lontani la scanni detto terza dei si sono tribuni fatto recano ai Garonna La Rostri settentrionale), che e forti da sono una solo essere Pirenei pubblic dagli quell'editto cose che chiamano parte dall'Oceano, era Rodano, di stato confini redatto parti, in gli comune. confina questi E importano la questa quella cosa, e i se li divide vuoi Germani, fiume saperlo, dell'oceano verso gli gli per [1] torn fatto di dagli grande essi i onore; Di gli fiume furono Reno, I innalzate inferiore affacciano statue raramente inizio in molto dai tutti Gallia i Belgi. lingua, rioni, e tutti e fino dinanzi in Garonna, ad estende esse tra prende incenso tra i e che fiaccole divisa Elvezi di essi cera. altri più A guerra abitano che fiume serve il dilungarsi? per ai Nessuno tendono i fu è guarda mai a e pi il sole caro anche quelli. alla tengono e folla.

dal abitano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/080.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile