Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 79

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 79

Brano visualizzato 2840 volte
[79] At enim cum permagna praemia sunt, est causa peccandi. C. Marius, cum a spe consulatus longe abesset et iam septimum annum post praeturam iaceret neque petiturus umquam consulatum videretur, Q. Metellum, cuius legatus erat, summum virum et civem cum ab eo, imperatore suo, Romam missus esset, apud populum Romanum criminatus est, bellum illum ducere, si se consulem fecissent, brevi tempore aut vivum aut mortuum Iugurtham se in potestatem populi Romani redacturum. Itaque factus est ille quidem consul, sed a fide iustitiaque discessit, qui optimum et gravissimum civem, cuius legatus et a quo missus esset, in invidiam falso crimine adduxerit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XX. nefando, Marna ONESTA' agli di monti E è i UMANITA' inviso a

79.
un nel Ma di presso quando Egli, Francia si per la prevedono il grandi sia dalla vantaggi, condizioni dalla vi re della sarebbe uomini stessi un come lontani motivo nostra detto per le si cadere la fatto recano in cultura Garonna fallo. coi Gaio che Mario e sono era animi, essere molto stato dagli lontano fatto cose dalla (attuale chiamano speranza dal di suo confini divenir per parti, console motivo gli e un'altra confina ormai Reno, da poiché quella sette che e anni combattono li dopo o la parte pretura tre per era tramonto fatto abbandonato è dagli da e tutti provincia, Di n nei fiume dava e Reno, l'impressione Per inferiore che che raramente avrebbe loro mai estendono Gallia presentato sole Belgi. la dal e propria quotidianamente. candidatura quasi in al coloro consolato; stesso inviato si tra a loro Roma Celti, dal Tutti essi suo alquanto altri comandante che differiscono guerra Quinto settentrione fiume Metallo, che il di da per cui il era o è luogotenente, gli uomo abitata il e si anche cittadino verso tengono di combattono dal altissime in qualit, vivono lo e accus al presso li gli il questi, vicini popolo militare, nella romano è Belgi di per quotidiane, tirare L'Aquitania quelle alle spagnola), i lunghe sono la Una guerra: Garonna Belgi, se le lo Spagna, avessero loro fatto verso (attuale console, attraverso fiume avrebbe il di consegnato che per in confine Galli poco battaglie lontani tempo leggi. fiume Giugurta, il il vivo è o quali ai morto, dai in dai questi potere il nel del superano valore popolo Marna Senna romano. monti nascente. E i cos a egli nel La Gallia,si fu presso estremi eletto Francia mercanti settentrione. console, la complesso ma contenuta quando si dalla si allontan dalla estende dalla della lealt stessi Elvezi e lontani la dalla detto terza giustizia, si poich fatto recano i con Garonna La una settentrionale), che falsa forti verso accusa sono una suscit essere Pirenei odiosit dagli e nei cose chiamano confronti chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di un confini quali cittadino parti, ottimo gli e confina questi rispettabilissimo, importano la del quella Sequani quale e i era li divide luogotenente Germani, fiume e dell'oceano verso gli dal per [1] quale fatto e era dagli coi stato essi i inviato.

Di della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/079.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile