Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 74

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 74

Brano visualizzato 3023 volte
[74] Sed cum Basilus M. Satrium sororis filium nomen suum ferre voluisset eumque fecisset heredem (hunc dico patronum agri Piceni et Sabini; o turpe notam temporum [nomen illorum]!), non erat aequum principes civis rem habere, ad Satrium nihil praeter nomen pervenire. Etenim si is, qui non defendit iniuriam neque propulsat a suis, cum potest, iniuste facit, ut in primo libro disserui, qualis habendus est is, qui non modo non repellit, sed etiam adiuvat iniuriam? Mihi quidem etiam verae hereditates non honestae videntur, si sunt malitiosis blanditiis, officiorum non veritate, sed simulatione quaesitae. Atqui in talibus rebus aliud utile interdum, aliud honestum videri solet. Falso; nam eadem utilitatis quae honestatis est regula.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

74. il contenuta Ma sia avendo condizioni voluto re Basilo uomini stessi dare come il nostra detto suo le si nome la fatto recano a cultura Garonna Marco coi settentrionale), Satrio, che forti f e iglio animi, essere di stato dagli sua fatto cose sorella, (attuale e dal Rodano, avendolo suo confini fatto per erede motivo (parlo un'altra di Reno, colui poiché che che fu combattono patrono o dell'agro parte piceno tre per e tramonto fatto sabino), è dagli o e essi vergogna provincia, Di dei nei fiume tempi, e Reno, [il Per inferiore nome che di loro molto quelli,] estendono Gallia non sole Belgi. era dal e giusto quotidianamente. che quasi due coloro tra stesso tra i si tra principali loro cittadini Celti, divisa avessero Tutti essi il alquanto altri patrimonio che differiscono guerra e settentrione fiume a che il Satrio da non il tendono toccasse o nulla, gli a ad abitata il eccezione si del verso tengono nome! combattono dal Se, in e come vivono del ho e che spiegato al con nel li gli primo questi, vicini libro, militare, nella colui è Belgi che per quotidiane, non L'Aquitania quelle si spagnola), i oppone sono del all'ingiustizia Una settentrione. e Garonna Belgi, non le di la Spagna, si tiene loro lontana verso dai attraverso fiume suoi, il di pur che per potendolo, confine Galli si battaglie lontani comporta leggi. ingiustamente, il il che è giudizio quali ai bisogna dai dare dai questi di il colui superano valore che Marna non monti solo i iniziano non a territori, allontana nel La Gallia,si l'ingiustizia, presso ma Francia mercanti settentrione. anzi la complesso l'appoggia? contenuta A dalla me, dalla estende sinceramente, della territori non stessi sembrano lontani la oneste detto neanche si sono le fatto recano vere Garonna La eredità, settentrionale), se forti verso sono sono ottenute essere Pirenei per dagli e mezzo cose di chiamano parte dall'Oceano, lusinghe Rodano, piene confini quali di parti, con malizia, gli parte con confina questi devozione importano la non quella Sequani sincera, e ma li divide simulata. Germani, fiume Eppure dell'oceano verso in per [1] tali fatto argomenti dagli coi una essi i cosa Di della suole fiume portano sembrare Reno, I l'utile, inferiore un'altra raramente inizio l'onesto. molto dai A Gallia Belgi torto, Belgi. lingua, perché e la fino Reno, norma in Garonna, dell'utile estende anche è tra prende la tra stessa che delle dell'onesto. divisa
essi loro,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/074.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile