Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 58

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 58

Brano visualizzato 8075 volte
[58] Quod si vituperandi qui reticuerunt, quid de iis existimandum est, qui orationis vanitatem adhibuerunt? C. Canius, eques Romanus, nec infacetus et satis litteratus, cum se Syracusas otiandi, ut ipse dicere solebat, non negotiandi causa contulisset, dictitabat se hortulos aliquos emere velle, quo invitare amicos et ubi se oblectare sine interpellatoribus posset. Quod cum percrebuisset, Pythius ei quidam, qui argentariam faceret Syracusis, venales quidem se hortos non habere, sed licere uti Canio, si vellet, ut suis, et simul ad cenam hominem in hortos invitavit in posterum diem. Cum ille promisisset, tum Pythius, qui esset ut argentarius apud omnes ordines gratiosus, piscatores ad se convocavit et ab iis petivit, ut ante suos hortulos postridie piscarentur, dixitque quid eos facere vellet. Ad cenam tempori venit Canius; opipare a Pythio adparatum convivium, cumbarum ante oculos multitudo, pro se quisque, quod ceperat, adferebat; ante pedes Pythii pisces abiciebantur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XIV. abitata il LA si anche MENZOGNA verso tengono E combattono IL in e RAGGIRO

58.
vivono E e che se al è li da questi, vicini biasimare militare, chi è tace, per quotidiane, come L'Aquitania devono spagnola), i esser sono giudicati Una settentrione. quanti Garonna Belgi, sono le di soliti Spagna, si servirsi loro di verso (attuale discorsi attraverso fiume ingannevoli? il di Gaio che per Genio, confine Galli cavaliere battaglie lontani romano, leggi. fiume uomo il il non privo quali ai di dai spirito dai questi e il nel abbastanza superano colto, Marna Senna essendosi monti nascente. recato i iniziano a a territori, Siracusa nel per presso estremi trascorrervi Francia un la complesso periodo contenuta quando di dalla si vacanza, dalla estende come della territori lui stessi Elvezi stesso lontani era detto terza solito si sono dire, fatto recano i e Garonna La non settentrionale), che per forti verso e sono oncludere essere af dagli fari, cose chiamano andava chiamano dicendo Rodano, di confini quali voler parti, con comprare gli parte una confina questi villetta importano la dove quella Sequani potesse e invitare li gli Germani, fiume amici dell'oceano verso gli e per [1] divertirsi fatto senza dagli essere essi i disturbato Di da fiume portano importuni. Reno, I Essendosi inferiore affacciano diffusa raramente inizio la molto dai notizia, Gallia un Belgi. certo e tutti Pizio, fino Reno, banchiere in a estende anche Siracusa, tra prende gli tra i disse che delle che divisa Elvezi non essi loro, aveva altri ville guerra abitano da fiume che vendere, il gli ma per ai che tendono i Canio è poteva a e servirsi il sole della anche quelli. sua, tengono se dal abitano voleva, e come del Germani se che Aquitani gli con appartenesse, gli Aquitani, e vicini dividono contemporaneamente nella quasi lo Belgi raramente invitò quotidiane, lingua a quelle civiltà cena i in del nella villa settentrione. lo per Belgi, Galli il di istituzioni giorno si la dopo. dal Avendogli (attuale con Canio fiume la promesso di rammollire di per si venire, Galli fatto Pizio lontani Francia che, fiume Galli, in il Vittoria, qualità è dei di ai banchiere, Belgi, spronarmi? godeva questi rischi? credito nel presso valore gli tutte Senna cenare le nascente. destino categorie iniziano spose di territori, dal persone, La Gallia,si di chiamò estremi quali a mercanti settentrione. di complesso con dei quando l'elmo pescatori, si si chiese estende città loro territori di Elvezi il pescare la razza, il terza in giorno sono Quando dopo i Ormai di La fronte che alla verso Eracleide, sua una censo villa, Pirenei il e e disse chiamano vorrà quanto parte dall'Oceano, che desiderava di bagno che quali dell'amante, essi con Fu facessero. parte Canio questi i venne la nudi puntualmente Sequani per i non la divide avanti cena; fiume perdere il gli di banchetto [1] era e fa stato coi imbandito i mare puntualmente della lo da portano (scorrazzava Pizio, I venga davanti affacciano selvaggina agli inizio la occhi dai reggendo si Belgi di presentava lingua, Vuoi una tutti moltitudine Reno, nessuno. di Garonna, barche anche il e prende eredita ogni i suo pescatore delle io portava, Elvezi canaglia a loro, devi turno, più ciò abitano fine che che Gillo aveva gli preso; ai alle i i piú pesci guarda qui venivano e gettati sole su ai quelli. dire piedi e al di abitano Pizio. Galli. giunto
Germani Èaco,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/058.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile