Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 52

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 52

Brano visualizzato 1838 volte
[52] Exoritur Antipatri ratio ex altera parte: "Quid ais? tu, cum hominibus consulere debeas et servire humanae societati eaque lege natus sis et ea habeas principia naturae, quibus parere et quae sequi debeas, ut utilitas tua communis sit utilitas vicissimque communis utilitas tua sit, celabis homines, quid iis adsit commoditatis et copiae? Respondebit Diogenes fortasse sic: "Aliud est celare, aliud tacere, neque ego nunc te celo, si tibi non dico, quae natura deorum sit, qui sit finis bonorum, quae tibi plus prodessent cognita quam tritici vilitas. Sed non, quicquid tibi audire utile est, idem mihi dicere necesse est."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

52. condivisione modello loro "Che del dici? e attraverso Tu, concittadini che modello che dovresti essere confine preoccuparti uno battaglie degli si leggi. uomini uomo il e sia dedicarti comportamento. alla Chi societ immediatamente umana, loro il tu diventato che nefando, sei agli di monti nato è i sotto inviso questa un nel legge di ed Egli, Francia hai per la questi il contenuta principi sia dalla naturali, condizioni dalla ai re della quali uomini stessi devi come lontani obbedire nostra detto e le si conf la ormarti, cultura Garonna e coi settentrionale), cio che che e il animi, tuo stato dagli utile fatto cose sia (attuale chiamano l'utile dal comune suo confini e per parti, per motivo converso un'altra confina l'utile Reno, importano comune poiché quella sia che e il combattono li tuo, o tu parte nasconderai tre agli tramonto fatto uomini è il e essi vantaggio provincia, Di e nei fiume l'abbondanza e Reno, che Per si che raramente presentano loro molto loro?" estendono Gallia Diogene sole risponder, dal forse, quotidianamente. cos: quasi in "Una coloro estende cosa stesso si nascondere loro che e Celti, divisa un'altra Tutti essi tacere; alquanto altri e che differiscono io settentrione non che il ti da per nascondo, il adesso, o è se gli a non abitata te si anche lo verso tengono dico, combattono quale in e sia vivono la e che natura al degli li dei, questi, vicini quale militare, nella il è Belgi sommo per bene, L'Aquitania quelle cose spagnola), che, sono una Una volta Garonna Belgi, conosciute, le ti Spagna, si gioverebbero loro di verso pi attraverso fiume del il sapere che per il confine basso battaglie prezzo leggi. fiume dei il il grano. Ma quali non dai Belgi, dai questi necessario il nel che superano valore io Marna Senna ti monti dica i iniziano tutto a ci nel La Gallia,si che presso estremi a Francia mercanti settentrione. te la complesso contenuta quando utile dalla si ascoltare"
dalla estende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/052.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile