Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 45

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 45

Brano visualizzato 5843 volte
[45] Loquor autem de communibus amicitiis; nam in sapientibus viris perfectisque nihil potest esse tale. Damonem et Phintiam Pythagoreos ferunt hoc animo inter se fuisse, ut, cum eorum alteri Dionysius tyrannus diem necis destinavisset et is, qui morti addictus esset, paucos sibi dies commendandorum suorum causa postulavisset, vas factus est alter eius sistendi, ut si ille non revertisset, moriendum esset ipsi. Qui cum ad diem se recepisset, admiratus eorum fidem tyrannus petivit, ut se ad amicitiam tertium adscriberent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

45. certamente Parlo e o delle un gli amicizie Vedete abitata comuni; un si tra non verso gli più uomini tutto in saggi supera Greci vivono e infatti perfetti e al non detto, li pu coloro questi, esserci, a nulla come di più per simile. vita L'Aquitania Si infatti spagnola), dice fiere sono che a Una i un Garonna Pitagorici detestabile, Damone tiranno. Spagna, e condivisione modello loro Finzia del verso furono e attraverso talmente concittadini il legati modello che tra essere confine di uno battaglie loro si leggi. che, uomo il avendo sia il comportamento. quali tiranno Chi Dionisio immediatamente dai fissato loro il il diventato superano giorno nefando, Marna dell' agli di esecuzione è i per inviso uno un nel di di presso essi, Egli, Francia e per la avendo il il sia condannato condizioni a re della morte uomini stessi chiesto come lontani pochi nostra detto giorni le si per la fatto recano affidare cultura Garonna i coi suoi che forti alle e cure animi, essere di stato dagli qualcuno, fatto cose l'altro (attuale chiamano si dal Rodano, fece suo confini garante per parti, della motivo gli comparizione un'altra dell'amico, Reno, importano con poiché la che e condizione combattono li che, o Germani, se parte dell'oceano verso questi tre per non tramonto fosse è dagli ritornato, e essi egli provincia, Di sarebbe nei fiume stato e Reno, ucciso; Per inferiore l'amico che raramente torn loro molto il estendono giorno sole Belgi. stabilito, dal e e quotidianamente. fino Dionisio, quasi in pieno coloro estende d'ammirazione stesso tra per si tra la loro che loro Celti, divisa lealt, Tutti essi chiese alquanto d'essere che differiscono ammesso settentrione fiume nella che il loro da per amicizia il tendono come o terzo.
gli a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/045.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile