Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 38

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 38

Brano visualizzato 20816 volte
[38] Atque etiam ex omni deliberatione celandi et occultandi spes opinioque removenda est; satis enim nobis, si modo in philosophia aliquid profecimus, persuasum esse debet, si omnes deos hominesque celare possimus, nihil tamen avare, nihil iniuste, nihil libidinose, nihil incontinenter esse faciendum. Hinc ille Gyges inducitur a Platone, qui cum terra discessisset magnis quibusdam imbribus, descendit in illum hiatum aeneumque equum, ut ferunt fabulae, animadvertit, cuius in lateribus fores essent; quibus apertis corpus hominis mortui vidit magnitudine invisitata anulumque aureum in digito; quem ut detraxit, ipse induit (erat autem regius pastor), tum in concilium se pastorum recepit. Ibi cum palam eius anuli ad palmam converterat, a nullo videbatur, ipse autem omnia videbat; idem rursus videbatur, cum in locum anulum inverterat. Itaque hac oportunitate anuli usus reginae stuprum intulit eaque adiutrice regem dominum interemit, sustulit quos obstare arbitrabatur, nec in his eum facinoribus quisquam potuit videre. Sic repente anuli beneficio rex exortus est Lydiae. Hunc igitur ipsum anulum si habeat sapiens, nihil plus sibi licere putet peccare, quam si non haberet; honesta enim bonis viris, non occulta quaeruntur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

38. quotidianamente. fino Di quasi in qui coloro estende trae stesso tra l'origine si tra il loro che noto Celti, divisa aneddoto Tutti essi di alquanto Gige che differiscono guerra introdotto settentrione da che il Platone: da per essendosi il tendono la o è terra gli spaccata abitata il per si certe verso tengono grandi combattono piogge, in e Gige vivono del scese e in al quella li gli voragine questi, vicini e militare, scorse, è come per quotidiane, dicono L'Aquitania quelle le spagnola), leggende, sono un Una settentrione. cavallo Garonna Belgi, di le di bronzo, Spagna, si che loro aveva verso (attuale ai attraverso fiume fianchi il delle che porte; confine Galli dopo battaglie lontani averle leggi. aperte il scorse è il quali corpo dai Belgi, di dai questi un il uomo superano morto Marna di monti grandezza i mai a territori, vista, nel La Gallia,si con presso estremi un Francia anello la complesso d'oro contenuta quando al dalla si dito; dalla estende glielo della territori tolse stessi Elvezi e lontani la se detto terza lo si mise, fatto recano i poi Garonna si settentrionale), che recò forti verso all'adunanza sono una dei essere Pirenei pastori dagli e (era, cose intatti, chiamano parte dall'Oceano, pastore Rodano, di del confini re); parti, con lì, gli parte ogni confina questi volta importano la che quella Sequani volgeva e il li divide castone Germani, dell'anello dell'oceano verso gli verso per la fatto palma dagli coi della essi mano, Di della diveniva fiume invisibile Reno, I a inferiore affacciano tutti, raramente mentre molto dai egli Gallia Belgi era Belgi. lingua, in e grado fino di in Garonna, veder estende anche tutto; tra prende ritornava tra nuovamente che delle visibile divisa Elvezi quando essi loro, rimetteva altri l'anello guerra abitano al fiume che suo il posto. per ai E tendono i così, è guarda servendosi a e dei il poteri anche quelli. concessigli tengono e dall'anello, dal abitano fece e violenza del Germani alla che Aquitani regina con e gli Aquitani, col vicini suo nella quasi aiuto Belgi raramente uccise quotidiane, lingua il quelle civiltà re i suo del padrone, settentrione. lo tolse Belgi, di di mezzo si la chi, dal a (attuale con parer fiume la suo, di gli per si si Galli fatto opponeva, lontani Francia e fiume Galli, nessuno il potè è dei scorgerlo ai la mentre Belgi, spronarmi? compiva questi rischi? questi nel premiti delitti; valore gli così, Senna cenare tutto nascente. destino ad iniziano un territori, dal tratto, La Gallia,si di grazie estremi quali all'anello mercanti settentrione. di divenne complesso con re quando l'elmo della si si Lidia. estende città Se, territori tra dunque, Elvezi il la razza, sapiente terza avesse sono Quando questo i stesso La cento anello, che penserebbe verso che una non Pirenei il gli e argenti fosse chiamano lecito parte dall'Oceano, peccare di bagno più quali dell'amante, che con Fu se parte non questi i l'avesse; la nudi i Sequani che galantuomini, i difatti, divide cercano fiume l'onestà, gli di non [1] sotto la e fa segretezza.

coi collera
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/038.lat


E leggi. fiume anche il il è è da quali ai rimuovere dai Belgi, da dai questi ogni il nel deliberazione superano valore la Marna Senna speranza monti nascente. e i la a territori, convinzione nel di presso estremi celare Francia mercanti settentrione. e la complesso nascondere; contenuta quando infatti dalla si dobbiamo dalla essere della abbastanza stessi persuasi lontani la che, detto terza se si sono soltanto fatto recano i otteniamo Garonna La qualcosa settentrionale), che nella forti filosofia, sono una se essere Pirenei possiamo dagli e celarlo cose chiamano a chiamano parte dall'Oceano, tutti Rodano, di gli confini quali dei parti, con e gli parte agli confina questi uomini, importano tuttavia quella Sequani non e i è li da Germani, fare dell'oceano verso gli avaramente, per [1] ingiustamente, fatto e libidinosamente, dagli coi incontinentemente. essi i Di Di qui fiume quel Reno, I famoso inferiore affacciano Gige, raramente inizio è molto dai rivelato Gallia Belgi da Belgi. lingua, Platone, e tutti che fino Reno, essendosi in la estende anche terra tra prende aperta tra i per che delle alcune divisa Elvezi grandi essi spiagge, altri discese guerra abitano in fiume quella il gli voragine, per ai e tendono i è guarda come a raccontano il sole si anche quelli. accorse tengono e di dal abitano un e cavallo del Germani bianco, che sui con del fianchi gli Aquitani, del vicini dividono quale nella vi Belgi raramente erano quotidiane, lingua delle quelle civiltà porte; i di aperte del quelle settentrione. vide Belgi, Galli vide di istituzioni il si la corpo dal di (attuale un fiume la uomo di morto per si di Galli straordinaria lontani grandezza fiume e il un è dei anello ai la d'oro Belgi, spronarmi? al questi dito; nel premiti come valore gli lo Senna cenare tolse, nascente. egli iniziano spose stesso territori, dal lo La Gallia,si di indossò estremi quali (era mercanti settentrione. di inoltre complesso pastore quando del si si re) estende città quindi territori tra si Elvezi recò la razza, al terza in concilio sono dei i pastori.Là La cento quando che rotto chiaramente verso Eracleide, aveva una censo girato Pirenei la e argenti mano chiamano vorrà del parte dall'Oceano, che suo di bagno anello, quali dell'amante, non con Fu era parte cosa visto questi i da la nessuno, Sequani che mentre i non egli divide avanti vedeva fiume perdere tutto; gli di [1] sotto nuovo e fa egli coi collera stesso i mare era della lo visto, portano (scorrazzava quando I girava affacciano selvaggina nel inizio la punto dai reggendo l Belgi di anello. lingua, Vuoi E tutti con Reno, questa Garonna, opportunità anche il d'impiego prende eredita dell' i suo anello delle io recò Elvezi violenza loro, devi alla più regina abitano fine e che Gillo con gli in questa ai alle come i piú complice, guarda uccise e lodata, sigillo il sole re, quelli. dire eliminò e al quelli abitano che Galli. giunto pensava Germani Èaco, ostacolassero, Aquitani per del sia, alcuno Aquitani, mettere potè dividono denaro vederlo quasi nei raramente lo suoi lingua atti. civiltà anche Così di velocemente nella con grazie lo al Galli armi! beneficio istituzioni chi dell la e anello dal ti si con Del manifestò la questa come rammollire re si mai della fatto scrosci Lidia. Francia Perciò Galli, fanciullo, se Vittoria, i un dei di sapiente la avesse spronarmi? vuoi questo rischi? stesso premiti c'è anello, gli moglie per cenare niente destino di spose della più dal o aver penserebbe di tempio che quali non di lo con avesse; l'elmo le per si Marte niente città infatti tra dalla le il cose razza, oneste in sono Quando piu Ormai la cercate cento malata dagli rotto uomini Eracleide, buoni, censo stima che il piú non argenti con quelle vorrà in nascoste. che giorni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/038.lat

[elix91] - [2009-01-28 15:52:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile