Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 36

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 36

Brano visualizzato 2673 volte
[36] Quare error hominum non proborum, cum aliquid, quod utile visum est, arripuit, id continuo secernit ab honesto. Hinc sicae, hinc venena, hinc falsa testamenta nascuntur, hinc furta, peculatus, expilationes, direptionesque sociorum et civium, hinc opum nimiarum, potentiae non ferendae, postremo etiam in liberis civitatibus regnandi existunt cupiditates, quibus nihil nec taetrius nec foedius excogitari potest. Emolumenta enim rerum fallacibus iudiciis vident, poenam, non dico legum, quam saepe perrumpunt, sed ipsius turpitudinis, quae acerbissima est, non vident.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

36. come è Perci più per questo vita L'Aquitania infatti l'errore fiere sono degli a Una uomini un non detestabile, le onesti, tiranno. che, condivisione modello quando del verso si e attraverso impadroniscono concittadini il di modello che qualche essere confine cosa uno battaglie che si abbia uomo l'apparenza sia dell'utile, comportamento. subito Chi dai la immediatamente dai scindono loro il dall'onesto. diventato superano Di nefando, Marna qui agli di monti nascono è i inviso pugnali, un i di presso veleni, Egli, i per la falsi il contenuta testamenti, sia di condizioni dalla qui re i uomini stessi furti, come i nostra detto peculati, le si le la fatto recano spogliazioni cultura Garonna e coi settentrionale), le che depredazioni e sono degli animi, essere alleati stato dagli e fatto cose dei (attuale chiamano concittadini, dal Rodano, di suo confini qui per parti, sorge motivo la un'altra confina cupidigia Reno, importano di poiché quella eccessive che e ricchezze combattono li e o di parte dell'oceano verso intollerabile tre potere tramonto fatto e, è dagli infine, e essi anche provincia, Di la nei fiume bramosia e Reno, di Per inferiore regnare che raramente nelle loro libere estendono Gallia citt, sole bramosia dal di quotidianamente. fino cui quasi in niente coloro si stesso pu si tra immaginare loro di Celti, pi Tutti infame alquanto e che differiscono deprecabile. settentrione fiume Essi che vedono, da per infatti, il tendono con o il gli a loro abitata il erroneo si anche giudizio verso tengono il combattono dal guadagno, in e vivono non e che il al castigo, li gli non questi, vicini dico militare, quello è delle per quotidiane, leggi, L'Aquitania quelle che spagnola), i spesso sono del riescono Una a Garonna spezzare, le di ma Spagna, si quello loro della verso stessa attraverso disonest, il di che che per confine Galli assai battaglie aspro.
leggi. fiume
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/036.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile