Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 19

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 19

Brano visualizzato 2468 volte
[19] Saepe enim tempore fit, ut quod turpe plerumque haberi soleat, inveniatur non esse turpe. Exempli causa ponatur aliquid, quod pateat latius. Quod potest maius scelus quam non modo hominem, sed etiam familiarem hominem occidere? Num igitur se adstrinxit scelere, si qui tyrannum occidit quamvis familiarem? Populo quidem Romano non videtur, qui ex omnibus praeclaris factis illud pulcherrimum existimat. Vicit ergo utilitas honestatem? Immo vero honestas utilitatem secuta est. Itaque, ut sine ullo errore diiudicare possimus, si quando cum illo, quod honestum intellegimus, pugnare id videbitur, quod appellamus utile, formula quaedam constituenda est; quam si sequemur in comparatione rerum, ab officio numquam recedemus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

19. nefando, Marna Spesso, agli di monti infatti, è i accade inviso a che, un nel mutate di presso le Egli, Francia circostanze, per la ciò il contenuta che sia siamo condizioni soliti re della stimare uomini stessi per come lontani lo nostra detto più le si immorale, la fatto recano si cultura Garonna trova coi che che forti non e è animi, essere tale. stato dagli Per fatto esempio, (attuale chiamano si dal Rodano, ponga suo un per parti, caso motivo gli che un'altra confina è Reno, suscettibile poiché quella della che e più combattono li ampia o Germani, applicazione. parte dell'oceano verso Quale tre delitto tramonto fatto può è essere e più provincia, grande nei fiume dell'uccidere e non Per inferiore solo che raramente un loro uomo, estendono ma sole Belgi. anche dal e un quotidianamente. intimo quasi in amico? coloro estende Forse stesso tra qualcuno si tra si loro che rende Celti, colpevole Tutti essi di alquanto un che differiscono guerra delitto, settentrione fiume se che il uccide da un il tendono tiranno, o anche gli se abitata il suo si anche intimo verso amico? combattono Ciò in e non vivono sembra e che al al con popolo li gli romano, questi, che militare, nella anzi è considera per quell'azione L'Aquitania quelle la spagnola), i più sono del bella Una tra Garonna Belgi, tutte le le Spagna, altre loro illustri. verso L'utile, attraverso fiume dunque, il di ha che prevalso confine Galli sull'onesto? battaglie No; leggi. fiume anzi, il il l'utile è ha quali ai seguito dai Belgi, l'onesto.

IL
dai CRITERIO il DELLA superano valore VERA Marna UTILITA'

Perciò,
monti nascente. per i poter a territori, distinguere nel La Gallia,si senza presso estremi ombra Francia mercanti settentrione. di la complesso errore, contenuta quando dalla talora dalla estende ci della territori sembra stessi Elvezi che lontani la quanto detto terza chiamiamo si utile fatto recano contrasti Garonna La con settentrionale), che quanto forti verso riteniamo sono una onesto, essere Pirenei occorre dagli e stabilire cose chiamano una chiamano parte dall'Oceano, norma Rodano, di tale confini quali da parti, con non gli parte allontanarci confina mai importano dall'onesto quella se e i noi li l'applicheremo Germani, fiume nel dell'oceano verso gli mettere per a fatto confronto dagli coi le essi i azioni.

Di della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/019.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile