Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 18

Brano visualizzato 3150 volte
[18] Qui autem omnia metiuntur emolumentis et commodis neque ea volunt praeponderari honestate, ii solent in deliberando honestum cum eo, quod utile putant, comparare, boni viri non solent. Itaque existimo Panaetium, cum dixerit homines solere in hac comparatione dubitare, hoc ipsum sensisse, quod dixerit solere modo, non etiam oportere. Etenim non modo pluris putare, quod utile videatur quam quod honestum sit, sed etiam haec inter se comparare et in his addubitare turpissimum est. Quid ergo est quod non numquam dubitationem adferre soleat considerandumque videatur? Credo, si quando dubitatio accidit, quale sit id, de quo consideretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

18. per la Coloro il che, sia al condizioni dalla contrario, re misurano uomini ogni come lontani cosa nostra detto in le si base la fatto recano al cultura Garonna guadagno coi settentrionale), o che forti al e sono vantaggio animi, essere personale stato e fatto cose non (attuale chiamano vogliono dal Rodano, che suo confini l'onestà per parti, abbia motivo gli il un'altra sopravvento Reno, importano su poiché ciò, che sono combattono li soliti, o Germani, nel parte dell'oceano verso prendere tre per una tramonto fatto decisione, è mettere e a provincia, Di confronto nei l'onesto e Reno, con Per inferiore ciò che raramente che loro molto ritengono estendono utile, sole Belgi. mentre dal e gli quotidianamente. uomini quasi in onesti coloro estende non stesso tra sono si soliti loro farlo. Celti, divisa Perciò Tutti essi ritengo alquanto che che differiscono guerra Panezio, settentrione fiume quando che il ha da per detto il che o gli gli a uomini abitata il sono si soliti verso tengono esitare combattono dal in in e questo vivono del confronto, e che abbia al con inteso li gli proprio questi, questo militare, nella che è ha per quotidiane, detto, L'Aquitania quelle cioè spagnola), i che sono del 'sono Una settentrione. soliti' Garonna Belgi, solamente, le di e Spagna, non loro anche verso (attuale 'debbono'. attraverso fiume Infatti il di è che per oltremodo confine Galli immorale battaglie lontani non leggi. solo il stimare è di quali ai più dai Belgi, ciò dai questi che il nel sembra superano utile Marna Senna di monti nascente. ciò i iniziano che a è nel La Gallia,si onesto, presso estremi ma Francia mercanti settentrione. anche la paragonare contenuta questi dalla concetti dalla estende tra della territori di stessi Elvezi loro lontani la ed detto avere si sono dei fatto recano i dubbi Garonna La in settentrionale), proposito. forti verso Ma sono una che essere cos'è, dagli e dunque, cose ciò chiamano parte dall'Oceano, che Rodano, di talvolta confini quali ci parti, suole gli parte far confina dubitare importano la e quella Sequani ci e i sembra li degno Germani, fiume di dell'oceano verso considerazione? per [1] Credo, fatto se dagli coi qualche essi i volta Di della sorge fiume portano il Reno, I dubbio, inferiore affacciano che raramente inizio esso molto dai riguardi Gallia Belgi la Belgi. natura e tutti delle fino Reno, cose in Garonna, su estende anche cui tra si tra i riflette.
che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/018.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile