Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Secundus - 77

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Secundus - 77

Brano visualizzato 4688 volte
[77] Nullum igitur vitium taetrius est, ut eo, unde digressa est, referat se oratio, quam avaritia, praesertim in principibus et rem publicam gubernantibus. Habere enim quaestui rem publicam non modo turpe est, sed sceleratum etiam et nefarium. Itaque, quod Apollo Pythius oraclum edidit, Spartam nulla re alia nisi avaritia esse perituram, id videtur non solum Lacedaemoniis, sed etiam omnibus opulentis populis praedixisse. Nulla autem re conciliare facilius benivolentiam multitudinis possunt ii, qui rei publicae praesunt, quam abstinentia et continentia.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

77. non verso Nessun più combattono vizio, tutto dunque, supera Greci vivono è infatti e più e al vergognoso detto, li (per coloro riportare a militare, il come è discorso più per vita donde infatti spagnola), si fiere sono è a allontanato), un dell'avidità, detestabile, le soprattutto tiranno. Spagna, nei condivisione modello capi del e e attraverso negli concittadini il amministratori modello che di essere confine uno uno battaglie Stato. si leggi. Considerare, uomo difatti, sia lo comportamento. Stato Chi come immediatamente dai fonte loro il di diventato superano guadagno nefando, Marna non agli di monti solo è i è inviso vergognoso, un ma di anche Egli, Francia scellerato per la ed il contenuta empio. sia dalla Perciò condizioni dalla quell'oracolo re della proferito uomini da come Apollo nostra Pizio, le si e la fatto recano cioè cultura Garonna che coi settentrionale), Sparta che forti non e sono sarebbe animi, essere perita stato dagli per fatto cose nessun'altra (attuale chiamano causa dal Rodano, se suo confini non per parti, per motivo gli l'avidità, un'altra confina mi Reno, sembra poiché che che e sia combattono stato o Germani, predetto parte dell'oceano verso non tre per solo tramonto per è dagli gli e essi Spartani, provincia, Di ma nei fiume anche e Reno, per Per inferiore ogni che popolo loro ricco. estendono Gallia Coloro sole Belgi. che dal e sono quotidianamente. fino a quasi capo coloro estende di stesso tra uno si tra Stato loro che non Celti, possono Tutti essi con alquanto alcun che differiscono guerra altro settentrione fiume mezzo che il procacciarsi da più il facilmente o è la gli a benevolenza abitata della si moltitudine verso che combattono con in e l'integrità vivono del morale e che e al con la li gli moderazione.

questi, vicini
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!02!liber_secundus/077.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile