Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Secundus - 64

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Secundus - 64

Brano visualizzato 3064 volte
[64] Conveniet autem cum in dando munificum esse, tum in exigendo non acerbum in omnique re contrahenda, vendundo emendo, conducendo locando, vicinitatibus et confiniis aequum, facilem, multa multis de suo iure cedentem, a litibus vero, quantum liceat et nescio an paulo plus etiam, quam liceat, abhorrentem. Est enim non modo liberale paulum non numquam de suo iure decedere, sed interdum etiam fructuosum. Habenda autem ratio est rei familiaris, quam quidem dilabi sinere flagitiosum est, sed ita, ut inliberalitatis avaritiaeque absit suspicio. Posse enim liberalitate uti non spoliantem se patrimonio nimirum est pecuniae fructus maximus. Recte etiam a Theophrasto est laudata hospitalitas. Est enim, ut mihi quidem videtur, valde decorum patere domos hominum inlustrium hospitibus inlustribus idque etiam rei publicae est ornamento homines externos hoc liberalitatis genere in urbe nostra non egere. Est autem etiam vehementer utile iis, qui honeste posse multum volunt, per hospites apud externos populos valere opibus et gratia. Theophrastus quidem scribit Cimonem Athenis etiam in suos curiales Laciadas hospitalem fuisse; ita enim instituisse et vilicis imperavisse, ut omnia praeberentur, quicumque Laciades in villam suam devertisset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

64. monti nascente. Converrà i iniziano esser a munifici nel La Gallia,si nel presso dare Francia mercanti settentrione. e la nell'esigere contenuta quando evitare dalla si la dalla estende rigidezza della territori e stessi Elvezi così lontani la esser detto terza giusti si ed fatto recano i accomodanti Garonna nel settentrionale), trattare forti ogni sono tipo essere Pirenei d'affare, dagli e nel cose chiamano vendere chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, nel confini coprare, parti, con nel gli parte dare confina questi e importano la nel quella Sequani prendere e i in li divide affitto, Germani, fiume negli dell'oceano verso affari per [1] di fatto vicinato dagli coi e essi i di Di confine, fiume cedendo Reno, a inferiore affacciano molti raramente inizio molte molto dai cose Gallia Belgi dei Belgi. proprio e tutti di fino Reno, ritto in e estende anche tenendosi tra prende lontani tra i dalle che delle liti divisa per essi loro, quanto altri più sia guerra abitano lecito fiume che e il gli non per ai so tendono i se è un a e po' il sole di anche quelli. più tengono e di dal abitano quanto e Galli. sia del Germani lecito. che Aquitani Infatti con del non gli Aquitani, solo, vicini dividono è nella quasi generoso, Belgi raramente ma quotidiane, lingua talvolta quelle civiltà anche i di fruttuoso del nella rinunziare settentrione. lo un Belgi, po', di istituzioni talora, si la al proprio (attuale diritto. fiume Si di rammollire deve per aver Galli fatto cura lontani dei fiume Galli, patrimonio il Vittoria, familiare, è dei in ai la quanto Belgi, spronarmi? è questi rischi? scandaloso nel premiti lasciarlo valore gli cadere Senna in nascente. rovina, iniziano spose ma territori, (lo La Gallia,si di si estremi deve mercanti settentrione. di curare) complesso in quando l'elmo modo si da estende città tener territori lontano Elvezi il ogni la sospetto terza d'ingenerosità sono Quando e i Ormai di La cento avarizia: che il verso Eracleide, poter una censo essere Pirenei generosi e argenti senza chiamano vorrà spogliarsi parte dall'Oceano, che del di proprio quali patrimonio con Fu è, parte cosa certamente, questi i il la nudi frutto Sequani che più i non grande divide avanti del fiume denaro. gli di Teofrasto [1] sotto loda, e fa a coi collera giusta i ragione, della l'ospitalità; portano è I venga assai affacciano decoroso, inizio la pure dai secondo Belgi di il lingua, Vuoi mio tutti se parere, Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano le anche il case prende eredita degli i uomini delle io insigni Elvezi canaglia siano loro, devi aperte più ascoltare? non ad abitano ospiti che Gillo insigni, gli in ed ai alle è i piú anche guarda qui motivo e lodata, sigillo di sole lustro quelli. dire per e lo abitano che Stato Galli. giunto che Germani Èaco, gli Aquitani stranieri del non Aquitani, manchino dividono denaro in quasi ti Roma raramente di lingua rimasto questo civiltà anche genere di di nella liberalità.

E'
lo che peraltro Galli armi! anche istituzioni chi assai la utile dal ti per con coloro la che rammollire vogliono si onestamente fatto scrosci acquistare Francia Pace, un Galli, gran Vittoria, i nome, dei di avere la Arretrino molto spronarmi? vuoi credito rischi? gli e premiti favore gli presso cenare o i destino quella popoli spose della stranieri dal o aver per di tempio mezzo quali degli di in ospiti. con Teofrasto l'elmo scrive si Marte che città si Cimone tra dalla in il elegie Atene razza, perché era in ospitale Quando anche Ormai verso cento malata i rotto suoi Eracleide, ora compaesani censo stima Laciadi; il piú infatti argenti aveva vorrà impartito che giorni istruzioni bagno pecore ed dell'amante, spalle ordini Fu Fede ai cosa contende suoi i Tigellino: fattori nudi che che qualunque non Laciade avanti capitasse perdere moglie. nella di propinato sua sotto tutto tenuta fa fosse collera per rifornito mare dico? di lo ognì (scorrazzava riconosce, cosa.

venga prende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!02!liber_secundus/064.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile