banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente






HUISHENG Build on Brick...
EUR 19,99
Acquista ora
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Secundus - 40

Brano visualizzato 8574 volte
[40] Atque iis etiam, qui vendunt, emunt, conducunt, locant contrahendisque negotiis implicantur, iustitia ad rem gerendam necessaria est, cuius tanta vis est, ut ne illi quidem, qui maleficio et scelere pascuntur, possint sine ulla particula iustitiae vivere. Nam qui eorum cuipiam, qui una latrocinantur, furatur aliquid aut eripit, is sibi ne in latrocinio quidem relinquit locum, ille autem, qui archipirata dicitur, nisi aequabiliter praedam dispertiat, aut interficiatur a sociis aut relinquatur. Quin etiam leges latronum esse dicuntur, quibus pareant, quas observent. Itaque propter aequabilem praedae partitionem et Bardulis Illyrius latro, de quo est apud Theopompum, magnas opes habuit et multo maiores Viriatus Lusitanus, cui quidem etiam exercitus nostri imperatoresque cesserunt, quem C. Laelius, is qui Sapiens usurpatur, praetor fregit et comminuit ferocitatemque eius ita repressit, ut facile bellum reliquis traderet. Cum igitur tanta vis iustitiae sit, ut ea etiam latronum opes firmet atque augeat, quantam eius vim inter leges et iudicia et in constituta re publica fore putamus?

Oggi hai visualizzato 7.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 8 brani

40. le di Ma Spagna, anche loro a verso coloro attraverso fiume che il di vendono, che comprano, confine Galli prendono battaglie lontani e leggi. fiume danno il il in è affitto quali e dai Belgi, sono dai questi occupati il nel in superano valore trattative Marna Senna commerciali, monti nascente. la i iniziano giustizia a territori, è nel La Gallia,si necessaria presso estremi per Francia trattare la complesso gli contenuta quando affari, dalla si ed dalla estende è della territori così stessi Elvezi grande lontani la la detto terza sua si sono potenza, fatto recano i che Garonna La neppure settentrionale), che quanti forti verso si sono una pascono essere Pirenei di dagli scelleratezze cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, misfatti Rodano, di possono confini quali vivere parti, con senza gli parte una confina questi sua importano la porzione, quella sia e i pur li divide minima. Germani, fiume Chi, dell'oceano verso gli infatti, per ruba fatto o dagli coi strappa essi i qualcosa Di ad fiume un Reno, I membro inferiore della raramente inizio banda molto dai di Gallia Belgi ladri Belgi. lingua, cui e tutti appartiene, fino Reno, deve in Garonna, abbandonare estende il tra suo tra posto che in divisa Elvezi quella essi banda; altri ma guerra abitano colui fiume che che il gli è per detto tendono i capo è guarda dei a e pirati, il sole qualora anche non tengono distribuisse dal abitano il e Galli. bottino del in che parti con uguali, gli Aquitani, o vicini dividono sarebbe nella ucciso Belgi raramente dai quotidiane, lingua suoi quelle civiltà compagni i di o del verrebbe settentrione. abbandonato. Belgi, Galli Che di istituzioni anzi si la si dice (attuale con che fiume la esistano di rammollire delle per si leggi Galli fatto proprie lontani Francia dei fiume Galli, briganti, il Vittoria, alle è dei quali ai la essi Belgi, obbediscono questi rischi? ed nel premiti ottemperano. valore Così Senna cenare per nascente. destino la iniziano sua territori, dal giusta La Gallia,si di divisione estremi del mercanti settentrione. bottino complesso con il quando l'elmo brigante si si illirico estende città Barduli territori tra - Elvezi il di la razza, cui terza parla sono Quando Teopompo i - La ebbe che rotto grande verso Eracleide, potenza, una censo e Pirenei il di e argenti gran chiamano vorrà lunga parte dall'Oceano, che superiore di bagno fu quali quella con Fu del parte cosa lusitano questi i Viriato, la nudi di Sequani che fronte i al divide avanti quale fiume cedettero gli di anche [1] i e nostri coi eserciti i mare ed della lo i portano nostri I venga generali. affacciano Ne inizio la fiaccò dai reggendo la Belgi di potenza lingua, Vuoi Gaio tutti se Lelio, Reno, nessuno. detto Garonna, rimbombano il anche il Sapiente, prende da i suo pretore, delle io e Elvezi canaglia ne loro, devi diminuì più ascoltare? non la abitano fine ferocia, che Gillo reprimendola gli in tanto ai alle da i lasciare guarda qui ai e lodata, sigillo suoi sole successori quelli. una e facile abitano che guerra. Galli. giunto Dunque, Germani dal Aquitani momento del che Aquitani, mettere è dividono denaro tanto quasi ti grande raramente la lingua rimasto forza civiltà anche della di giustizia nella con che lo anche Galli armi! rafforza istituzioni chi ed la e aumenta dal la con potenza la dei rammollire al briganti, si mai quanto fatto scrosci grande Francia Pace, penseremo Galli, che Vittoria, i sia dei di la la sua spronarmi? vuoi forza rischi? gli nell'applicazione premiti c'è delle gli leggi, cenare dei destino quella tribunali, spose in dal uno di Stato quali lo ordinato?

di in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!02!liber_secundus/040.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!