banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Secundus - 36

Brano visualizzato 1410 volte
[36] Erat igitur ex iis tribus, quae ad gloriam pertinerent, hoc tertium, ut cum admiratione hominum honore ab iis digni iudicaremur. Admirantur igitur communiter illi quidem omnia, quae magna et praeter opinionem suam animadverterunt, separatim autem in singulis, si perspiciunt nec opinata quaedam bona. Itaque eos viros suspiciunt maximisque efferunt laudibus, in quibus existimant se excellentes quasdam et singulares perspicere virtutes, despiciunt autem eos et contemnunt, in quibus nihil virtutis, nihil animi, nihil nervorum putant. Non enim omnes eos contemnunt, de quibus male existumant. Nam quos improbos, maledicos, fraudulentos putant et ad faciendam iniuriam instructos, eos contemnunt quidem neutiquam sed de iis male existumant. Quam ob rem, ut ante dixi, contemnuntur ii, qui 'nec sibi nec alteri', ut dicitur, in quibus nullus labor, nulla industria, nulla cura est.

Oggi hai visualizzato 12.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

ANCORA dal SULLA suo GLORIA

36.
per parti, Dei motivo gli tre un'altra confina aspetti Reno, importano riguardanti poiché la che e gloria, combattono il o Germani, terzo parte era tre per costituito tramonto fatto dal è fatto e essi che provincia, Di noi nei fiume siamo e Reno, giudicati Per dagli che uomini loro degni estendono Gallia di sole Belgi. onore dal e, quotidianamente. fino nello quasi stesso coloro estende tempo, stesso tra di si tra ammirazione. loro che Gli Celti, divisa uomini, Tutti dunque, alquanto altri ammirano che differiscono guerra in settentrione generale che il quelle da per qualità il tendono che o è ritengo gli a grandi abitata il e si anche superiori verso ad combattono dal ogni in e loro vivono del pensiero; e in al con particolare, li gli poi, questi, vicini se militare, nella osservano è nei per quotidiane, singoli L'Aquitania quelle individui spagnola), i delle sono qualità Una inattese. Garonna Perciò le di essi Spagna, guardano loro con verso (attuale ammirazione, attraverso e il di innalzano che per con confine grandissime battaglie lontani lodi, leggi. fiume quegli il uomini è nei quali ai quali dai Belgi, pensano dai di il individuare superano valore eccellenti Marna Senna e monti singolari i virtù, a territori, mentre nel La Gallia,si guardano presso estremi con Francia mercanti settentrione. commiserazione la complesso e contenuta quando disprezzano dalla si quelli dalla che, della territori secondo stessi il lontani loro detto terza giudizio, si sono non fatto recano i hanno Garonna La alcuna settentrionale), che virtù, forti verso alcun sono una coraggio essere Pirenei ed dagli e alcuna cose chiamano energia. chiamano parte dall'Oceano, Ma Rodano, di non confini disprezzano parti, con tutti gli parte coloro confina questi dei importano la quali quella non e hanno li stima; Germani, infatti dell'oceano verso gli non per [1] disprezzano fatto e affatto dagli quelli essi i che Di della ritengono fiume portano disonesti, Reno, calunniatori, inferiore affacciano ingannatori raramente inizio e molto pronti Gallia a Belgi. far e tutti offese, fino Reno, ma in Garonna, ne estende anche hanno tra una tra cattiva che opinione. divisa Elvezi Perciò, essi loro, come altri più ho guerra abitano detto fiume che prima, il vengono per disprezzati tendono i quelli è guarda che a e non il sole sono anche quelli. - tengono e come dal abitano si e Galli. dice del Germani - che Aquitani " con del ne gli per vicini dividono nella Belgi per quotidiane, lingua altri quelle civiltà ", i di i del nella quali settentrione. lo non Belgi, Galli lavorano, di istituzioni non si sono dal operosi, (attuale non fiume s'interessano di rammollire di per nulla.

Galli fatto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!02!liber_secundus/036.lat


1. condizioni dalla Quindi re tra uomini stessi i come lontani tre nostra aspetti le che la fatto recano riguardavano cultura la coi gloria, che forti questo e sono terzo animi, era stato che fatto cose con (attuale ammirazione dal Rodano, siamo suo confini giudicati, per tra motivo gli gli un'altra confina uomini, Reno, importano da poiché quella quelli che e degni combattono li di o Germani, onore. parte dell'oceano verso Quindi tre certamente tramonto in è dagli generale e essi quelli provincia, Di ammirano nei fiume tutte e Reno, le Per inferiore cose che raramente che loro ritengono estendono Gallia grandi sole Belgi. e dal oltre quotidianamente. fino la quasi in loro coloro capacità, stesso tra separatamente si invece loro che nei Celti, singoli Tutti se alquanto altri vedono che differiscono cose settentrione fiume inaspettate. che il Così da ammirano il tendono ed o è esaltano gli a con abitata il massime si lodi verso quegli combattono uomini in nei vivono quali e ritengono al con di li gli vedere questi, vicini certe militare, eccellenti è Belgi e per singolari L'Aquitania quelle virtù, spagnola), i invece sono del disprezzano Una settentrione. e Garonna Belgi, disdegnano le di quelli Spagna, si nei loro quali verso (attuale ritengono attraverso fiume non il esserci che per niente confine di battaglie lontani virtù, leggi. fiume spirito il il e è potenza. quali In dai realtà dai questi non il nel disdegnano superano valore tutti Marna Senna quelli monti nascente. dei i quali a ritengono nel La Gallia,si male. presso estremi Infatti Francia certamente la non contenuta quando disdegnano dalla si in dalla estende alcun della territori modo stessi Elvezi quelli lontani che detto terza ritengono si disonesti, fatto recano i calunniatori, Garonna ingannatori settentrionale), e forti verso pronti sono una ad essere Pirenei offendere, dagli ma cose chiamano di chiamano parte dall'Oceano, questi Rodano, di pensano confini quali male. parti, Perciò, gli come confina ho importano detto quella Sequani prima, e sono li disdegnati Germani, fiume quelli dell'oceano verso gli che per [1] non fatto sono dagli coi "né essi i per Di della sé, fiume portano Reno, I per inferiore affacciano un raramente altro", molto come Gallia Belgi si Belgi. lingua, è e detto, fino Reno, nei in Garonna, quali estende non tra prende c'è tra alcuno che delle sforzo, divisa alcuna essi attività altri più o guerra preoccupazione. fiume che il gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!02!liber_secundus/036.lat

[valedc91] - [2011-05-08 23:54:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!