banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Secundus - 27

Brano visualizzato 4282 volte
[27] Itaque illud patrocinium orbis terrae verius quam imperium poterat nominari. Sensim hanc consuetudinem et disciplinam iam antea minuebamus, post vero Sullae victoriam penitus amisimus; desitum est enim videri quicquam in socios iniquum, cum exstitisset in cives tanta crudelitas. Ergo in illo secuta est honestam causam non honesta victoria. Est enim ausus dicere hasta posita, cum bona in foro venderet et bonorum virorum et locupletium et certe civium, praedam se suam vendere. Secutus est, qui in causa impia, victoria etiam foediore, non singulorum civium bona publicaret, sed universas provincias regionesque uno calamitatis iure comprehenderet.

Oggi hai visualizzato 9.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6 brani

27. nefando, Marna agli di monti Perciò è quello inviso si un nel poteva di presso chiamare Egli, Francia con per la maggiore il contenuta verità sia dalla patrocinio condizioni del re mondo uomini che come lontani impero. nostra detto le si A la fatto recano poco cultura Garonna a coi settentrionale), poco che forti già e sono da animi, essere tempo stato dagli avevamo fatto cose attenuato (attuale chiamano questa dal Rodano, consuetudine suo confini e per questa motivo condotta, un'altra confina ma Reno, importano dopo poiché quella la che e vittoria combattono li di o Silla parte essa tre per scomparve tramonto del è dagli tutto. e essi Cessò, provincia, infatti, nei fiume di e Reno, apparire Per inferiore ingiusto che raramente ogni loro molto danno estendono Gallia contro sole gli dal alleati, quotidianamente. dopo quasi in che coloro estende erano stesso tra state si tra commesse loro che crudeltà Celti, divisa tanto Tutti essi grandi alquanto altri verso che differiscono guerra i settentrione fiume cittadini. che Nel da per caso il tendono di o è Silla, gli dunque, abitata una si anche vittoria verso tengono poco combattono dal onesta in tenne vivono dietro e che ad al una li gli causa questi, vicini onesta. militare, Infatti è Belgi egli per quotidiane, osò L'Aquitania quelle dire, spagnola), vendendo sono del - Una dopo Garonna aver le piantato Spagna, l'asta loro - verso (attuale nel attraverso fiume foro il i che per beni confine di battaglie onesti leggi. cittadini, il il ricchi è e, quali ai pur dai Belgi, sempre, dai questi cittadini, il che superano valore egli Marna Senna vendeva monti nascente. il i iniziano suo a bottino. nel La Gallia,si Gli presso tenne Francia mercanti settentrione. dietro la complesso uno contenuta quando che, dalla si per dalla estende un'empia della causa, stessi Elvezi con lontani una detto vittoria si sono ancor fatto recano i più Garonna turpe, settentrionale), che non forti solo sono una vendeva essere Pirenei i dagli e beni cose chiamano dei chiamano parte dall'Oceano, singoli Rodano, cittadini, confini quali ma parti, con comprendeva gli parte sotto confina questi un importano la unico quella Sequani diritto e i di li divide sciagura Germani, tutte dell'oceano verso gli le per [1] provincie fatto e dagli coi le essi i regioni.
Di della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!02!liber_secundus/027.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!