Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Primus - 128

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Primus - 128

Brano visualizzato 3932 volte
[128] Nec vero audiendi sunt Cynici aut se qui fuerunt Stoici paene cynici qui reprehendunt et irrident, quod ea, quae turpia non sint, verbis flagitiosa ducamus, illa autem, quae turpia sunt, nominibus appellemus suis. Latrocinari, fraudare, adulterare re turpe est, sed dicitur non obscene; liberis dare operam re honestum est, nomine obscenum; pluraque in eam sententiam ab eisdem contra verecundiam disputantur. Nos autem naturam sequamur et ab omni, quod abhorret ab oculorum auriumque approbatione fugiamus; status, incessus, sessio, accubitio, vultus, oculi, manuum motus teneat illud decorum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

128. condizioni E re in uomini stessi verit come lontani non nostra detto bisogna le si dar la fatto recano retta cultura Garonna ai coi settentrionale), Cinici, che o e sono a animi, essere quegli stato dagli Stoici fatto cose che (attuale chiamano furono dal quasi suo confini Cinici, per parti, i motivo gli quali un'altra ci Reno, importano riprendono poiché quella e che ci combattono li deridono o Germani, perch parte dell'oceano verso giudichiamo tre per vergognose tramonto solo è a e essi nominarle provincia, certe nei fiume cose e Reno, che Per in che realt loro non estendono Gallia sono sole Belgi. vergognose, dal e mentre quotidianamente. fino chiamiamo quasi in coi coloro loro stesso tra si tra nomi loro che altre Celti, cose Tutti essi che alquanto in che differiscono guerra realt settentrione fiume sono che il veramente da per spregevoli. il o è Per gli esempio, abitata il il si anche rubare, verso tengono il combattono frodare, in e il vivono del falsificare, e sono al con cose li realmente questi, spregevoli, militare, nella ma è Belgi per si L'Aquitania quelle possono spagnola), i nominare sono del senza Una settentrione. dar Garonna Belgi, nell'osceno; le di invece Spagna, il loro dare verso (attuale alla attraverso luce il di figlioli, che per cosa confine in battaglie s leggi. fiume onesta, il osceno quali ai chiamarla dai Belgi, col dai suo il nel nome; superano valore e Marna Senna parecchi monti nascente. altri i iniziano argomenti a adducono nel La Gallia,si gli presso estremi stessi Francia filosofi la complesso in contenuta quando appoggio dalla si a dalla tale della opinione stessi Elvezi contro lontani la il detto terza cos si detto fatto recano i pregiudizio Garonna La del settentrionale), pudore. forti verso No, sono una noi essere Pirenei dobbiamo dagli prendere cose chiamano per chiamano parte dall'Oceano, guida Rodano, di la confini quali natura parti, con ed gli parte evitare confina tutto importano la ci quella Sequani che e pu li divide offendere Germani, fiume gli dell'oceano verso gli orecchi: per [1] lo fatto e stare dagli coi in essi i piedi Di e fiume il Reno, I camminare, inferiore affacciano il raramente inizio modo molto di Gallia Belgi star Belgi. a e tutti tavola, fino Reno, il in Garonna, volto, estende anche lo tra prende sguardo, tra i il che gesto divisa Elvezi conservino essi loro, il altri più pi guerra abitano dignitoso fiume che decoro.

il gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!01!liber_primus/128.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile