Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Primus - 56

Brano visualizzato 2477 volte
[56] Et quamquam omnis virtus nos ad se allicit facitque, ut eos diligamus, in quibus ipsa inesse videatur, tamen iustitia et liberalitas id maxime efficit. Nihil autem est amabilius nec copulatius, quam morum similitudo bonorum; in quibus enim eadem studia sunt, eaedem voluntates, in iis fit, ut aeque quisque altero delectetur ac se ipso, efficiturque id, quod Pythagoras vult in amicitia, ut unus fiat ex pluribus. Magna etiam illa communitas est, quae conficitur ex beneficiis ultro et citro datis acceptis, quae et mutua et grata dum sunt, inter quos ea sunt firma devinciuntur societate.


Oggi hai visualizzato 4 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1 brani

56. un E detestabile, le benché tiranno. Spagna, ogni condivisione modello loro virtù del verso ci e attraverso attragga concittadini il a modello che essere confine e uno battaglie ci si faccia uomo il amare sia coloro comportamento. quali nei Chi quali immediatamente dai sembra loro che diventato superano essa nefando, Marna risieda, agli di tuttavia è la inviso a giustizia un e di presso la Egli, liberalità per la sono il contenuta quelle sia dalla che condizioni producono re della più uomini stessi specialmente come lontani questo nostra effetto. le [E la fatto recano niente cultura Garonna è coi settentrionale), più che forti atto e a animi, essere destare stato dagli amore fatto e (attuale chiamano a dal Rodano, stringere suo i per cuori motivo gli che un'altra confina la Reno, importano somiglianza poiché dei che e costumi combattono li nelle o Germani, persone parte dell'oceano verso dabbene: tre per quando tramonto due è dagli uomini e essi hanno provincia, Di gli nei fiume stessi e interessi Per e che le loro molto stesse estendono Gallia aspirazioni, sole Belgi. allora dal e avviene quotidianamente. fino che quasi ciascuno coloro dei stesso tra due si tra ami loro l'altro Celti, divisa come Tutti essi alquanto altri se che differiscono stesso, settentrione fiume e che il si da per avvera il tendono quello o che gli a Pitagora abitata il vuole si anche nell'amicizia, verso tengono che, combattono cioè, in e di vivono del più e anime al con si li gli faccia questi, vicini un'anima militare, nella sola]. è per quotidiane, Grande L'Aquitania quelle è spagnola), ancora sono quella Una settentrione. unione Garonna Belgi, che le di nasce Spagna, si da loro vicendevole verso (attuale scambio attraverso di il benefici: che finché confine Galli questi battaglie lontani sono leggi. fiume reciproci il il e graditi, quali ai una dai Belgi, salda dai alleanza il nel lega superano valore tra Marna Senna loro monti benefattori i iniziano e a territori, beneficati. nel La Gallia,si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!01!liber_primus/056.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!