Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber Ii - 148

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber Ii - 148

Brano visualizzato 12267 volte
[148] ex quibus conlatis inter se et conparatis artes quoque efficimus partim ad usum vitae, partim ad oblectationem necessarias. Iam vero domina rerum, ut vos soletis dicere, eloquendi vis, quam est praeclara quamque divina. Quae primum efficit, ut et ea, quae ignoramus, discere et ea, quae scimus, alios docere possimus; deinde hac cohortamur, hac persuademus, hac consolamur adflictos, hac deducimus perterritos a timore, hac gestientes conprimimus, hac cupiditates iracundiasque restinguimus; haec nos iuris, legum, urbium societate devinxit, haec a vita inmani et fera segregavit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

148. del e e attraverso le concittadini il arti modello che che essere confine noi uno battaglie pratichiamo, si leggi. in uomo il parte sia per comportamento. quali le Chi dai necessità immediatamente dai della loro il vita diventato ed nefando, in agli di monti parte è per inviso a rendere un nel più di presso piacevole Egli, Francia la per la nostra il contenuta esistenza, sia nascono condizioni dalla proprio re dalla uomini stessi contrapposizione come lontani e nostra dal le si confronto la fatto recano fra cultura Garonna questi coi settentrionale), due che elementi. e Quanto animi, a stato dagli quella fatto che (attuale chiamano voi dal Rodano, chiamate suo confini "signora per parti, del motivo gli mondo", un'altra Reno, importano l'eloquenza, poiché quella trattasi che di combattono un'arte o Germani, davvero parte dell'oceano verso illustre tre per e tramonto fatto divina. è dagli Essa e essi ci provincia, Di permette nei fiume di
apprendere
e Reno, ciò Per inferiore che che raramente ignoriamo loro molto e estendono Gallia di sole Belgi. insegnare dal e agli quotidianamente. fino altri quasi ciò coloro estende di stesso tra cui si siamo loro che edotti: Celti, divisa ad Tutti essi essa alquanto altri ricorriamo che differiscono per settentrione esortare, che per da convincere, il tendono per o è consolare gli gli abitata il afflitti, si anche per verso tengono liberare combattono dal dalla in e paura vivono del i e che timorosi, al con per li gli umiliare questi, vicini i militare, nella superbi è e per quotidiane, i L'Aquitania quelle facinorosi, spagnola), i per sono del reprimere Una settentrione. le Garonna Belgi, passioni le di e Spagna, si i loro moti verso (attuale dell'ira; attraverso fiume è il di opera che per sua confine Galli l'averci battaglie lontani uniti leggi. coi il il comune è vincolo quali ai del dai Belgi, diritto, dai delle il nel leggi superano e Marna Senna della monti nascente. convivenza i iniziano sociale a territori, e nel La Gallia,si l'averci presso allontanati Francia mercanti settentrione. da la una contenuta quando vita dalla si selvaggia dalla estende ed della territori animalesca.
stessi Elvezi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!02!liber_ii/148.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile