Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 116

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 116

Brano visualizzato 2248 volte
[116] "At est eorum eximia quaedam praestansque natura, ut ea debeat ipsa per se ad se colendam elicere sapientem." An quicquam eximium potest esse in ea natura, quae sua voluptate laetans nihil nec actura sit umquam neque agat neque egerit? Quae porro pietas ei debetur, a quo nihil acceperis, aut quid omnino, cuius nullum meritum sit, ei deberi potest? Est enim pietas iustitia adversum deos; cum quibus quid potest nobis esse iuris, cum homini nulla cum deo sit communitas? Sanctitas autem est scientia colendorum deorum; qui quam ob rem colendi sint, non intellego nullo nec accepto ab his nec sperato bono.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

116. loro il Essi, diventato superano si nefando, obietterà, agli di posseggono è i una inviso natura un nel così di eccelsa Egli, Francia ed per elevata il da sia dalla indurre condizioni dalla di re della per uomini stessi se come lontani stessa nostra gli le uomini la fatto recano saggi cultura Garonna ad coi onorarla. che Ma e sono come animi, essere ammettere stato dagli una fatto cose qualsiasi (attuale chiamano superiorità dal Rodano, in suo confini un per parti, essere motivo gli cui un'altra confina nessuna Reno, attività poiché quella sia che attribuibile combattono li o Germani, in parte dell'oceano verso passato tre tramonto fatto al è dagli Presente e essi provincia, Di in nei fiume futuro? e Reno, Quale Per tributo che raramente di loro molto pietà estendono Gallia può sole essere dal dovuto quotidianamente. a quasi colui coloro estende dal stesso tra quale si tra nulla loro che si Celti, divisa è Tutti essi ricevuto? alquanto altri Quale che differiscono guerra obbligo settentrione fiume si che il può da per avere il verso o è chi gli a nessun abitata merito si anche si verso tengono è combattono dal fatto in e nei vivono nostri e che riguardi? al con La li gli pietà questi, altro militare, nella non è Belgi è per quotidiane, che L'Aquitania il spagnola), i giusto sono del culto Una settentrione. che Garonna Belgi, noi le di tributiamo Spagna, si agli loro dèi: verso (attuale ma attraverso fiume quale il rapporto che per di confine Galli giustizia battaglie lontani vi leggi. può il il essere è con quali ai essi dai Belgi, dal dai questi momento il che superano valore gli Marna uomini monti nascente. nulla i iniziano hanno a territori, da nel La Gallia,si spartire presso estremi con Francia la la divinità? contenuta quando Per dalla si santità dalla estende si della territori intende stessi la lontani la scienza detto del si culto fatto recano i divino Garonna ma settentrionale), che io forti non sono una vedo essere perché dagli e si cose chiamano dovrebbero chiamano parte dall'Oceano, onorare Rodano, di gli confini quali dèi parti, se gli parte di confina nessun importano la bene quella Sequani essi e i fossero li divide largitori Germani, fiume o dell'oceano verso garanti.
per [1]
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/116.lat


"Ma Vedete abitata la un loro non è più combattono una tutto in natura supera Greci vivono straordinaria infatti e ed e al eccelsa, detto, tanto coloro che a militare, essa come è stessa più per di vita L'Aquitania per infatti fiere sono deve a Una indurre un Garonna il detestabile, saggio tiranno. Spagna, a condivisione modello loro venerarla." del verso Può e forse concittadini il esserci modello che qualcosa essere confine di uno battaglie straordinario si leggi. in uomo il una sia natura comportamento. quali tale Chi che, immediatamente dai beandosi loro il del diventato superano suo nefando, piacere, agli di monti non è i farà inviso mai, un nel di presso fa, Egli, per la ha il fatto sia dalla (mai) condizioni dalla nulla? re della Inoltre, uomini che come devozione nostra detto è le si dovuta la a cultura Garonna uno coi settentrionale), dal che quale e sono non animi, essere hai stato dagli ricevuto fatto cose niente, (attuale chiamano o dal Rodano, che suo cosa per parti, in motivo assoluto un'altra confina può Reno, importano essere poiché quella dovuto che e a combattono li uno o che parte dell'oceano verso non tre per ha tramonto fatto alcun è dagli merito? e essi La provincia, Di santità nei fiume è e la Per inferiore scienza che raramente del loro molto venerare estendono Gallia gli sole Belgi. dèi: dal ma quotidianamente. per quasi quale coloro motivo stesso tra siano si tra da loro che venerare Celti, divisa non Tutti essi (lo) alquanto altri capisco, che differiscono guerra se settentrione fiume non che il si da per riceve il tendono o si gli a spera abitata da si anche essi verso alcun combattono dal bene. in e vivono del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/116.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile