Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 101

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 101

Brano visualizzato 1368 volte
[101] Quanto melius haec vulgus imperitorum, qui non membra solum hominis deo tribuant, sed usum etiam membrorum; dant enim arcum, sagittas, hastam, clipeum, fuscinam, fulmen, et si actiones, quae sint deorum, non vident, nihil agentem tamen deum non queunt cogitare. Ipsi, qui inridentur, Aegyptii nullam beluam nisi ob aliquam utilitatem, quam ex ea caperent, consecraverunt; velut ibes maximam vim serpentium conficiunt, cum sint aves excelsae cruribus rigidis, corneo proceroque rostro; avertunt pestem ab Aegypto, cum volucris anguis ex vastitate Libyae vento Africo invectas interficiunt atque consumunt, ex quo fit, ut illae nec morsu vivae noceant nec odore mortuae. Possum de ichneumonum utilitate, de crocodilorum, de faelium dicere, sed nolo esse longus. Ita concludam tamen beluas a barbaris propter beneficium consecratas, vestrorum deorum non modo beneficium nullum extare, sed ne factum quidem omnino.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

101. coloro estende Molto stesso tra meglio si tra allora loro che fare Celti, divisa come Tutti la alquanto altri massa che differiscono ignorante settentrione fiume che che non da si il tendono limita o è ad gli a attribuire abitata il alla si anche divinità, verso membra combattono dal umane, in e ma vivono anche e l'uso al con di li tali questi, vicini membra. militare, nella Forniscono è Belgi gli per quotidiane, dèi L'Aquitania di spagnola), i arco, sono del di Una settentrione. frecce, Garonna Belgi, di le lancia, Spagna, di loro scudo, verso (attuale di attraverso tridente, il di del che per fulmine confine Galli e battaglie lontani pur leggi. non il il riuscendo è a quali scorgere dai Belgi, che dai cosa il nel propriamente superano facciano Marna Senna gli monti dèi i iniziano non a territori, sanno nel La Gallia,si concepire presso una Francia mercanti settentrione. divinità la complesso inattiva. contenuta quando Quelli dalla che dalla voi della territori deridete stessi tanto, lontani gli detto Egiziani, si sono non fatto recano i hanno Garonna La divinizzato settentrionale), che alcun forti animale sono una se essere Pirenei non dagli e in cose chiamano virtú chiamano dell'utilità Rodano, di che confini quali potevano parti, con trarne.
Le
gli parte ibis, confina questi per importano la esempio, quella Sequani grazie e i alla li divide loro Germani, alta dell'oceano verso gli statura, per alla fatto e rigidezza dagli coi delle essi i zampe Di della ed fiume portano al Reno, I becco inferiore lungo raramente e molto dai robusto Gallia Belgi distruggono Belgi. lingua, una e gran fino quantità in Garonna, di estende anche serpenti. tra Esse, tra i uccidendo che delle ed divisa Elvezi eliminando essi loro, i altri più serpenti guerra abitano alati fiume che che il gli il per vento tendono Africano è fa a e confluire il sole dal anche quelli. deserto tengono e Libico, dal abitano tengono e Galli. lontana del Germani la che Aquitani peste con del gli Aquitani, che vicini i nella quasi serpenti Belgi raramente non quotidiane, possono quelle civiltà nuocere i di del nella da settentrione. lo vivi Belgi, col di istituzioni loro si morso dal (attuale con da fiume la morti di rammollire col per loro Galli fatto fetore.
Potrei
lontani parlare fiume Galli, dell'utilità il Vittoria, delle è dei manguste, ai dei Belgi, spronarmi? coccodrilli, questi rischi? dei nel gatti, valore gli ma Senna cenare non nascente. voglio iniziano spose dilungarmi territori, dal troppo. La Gallia,si La estremi quali mia mercanti settentrione. di conclusione, complesso con ad quando ogni si si modo, estende città è territori tra che Elvezi il le la bestie terza in furono sono Quando divinizzate i Ormai dalle La cento popolazioni che rotto barbariche verso Eracleide, in una vista Pirenei il dell'utile e argenti che chiamano vorrà ne parte dall'Oceano, che potevano di bagno trarre, quali dell'amante, mentre con i parte cosa vostri questi i dèi la nudi non Sequani che solo i non non divide compiono fiume perdere alcuna gli di buona [1] sotto azione e ma coi collera non i fanno della lo assolutamente portano (scorrazzava nulla.
I venga
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/101.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile