Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 99

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 99

Brano visualizzato 1143 volte
[99] Nisi forte ne hoc quidem adtendis non modo in homine, sed etiam in arbore, quicquid supervacuaneum sit aut usum non habeat, obstare. Quam molestum est uno digito plus habere; quid ita? Quia nec speciem nec usum alium quinque desiderant. Tuus autem deus non digito uno redundat, sed capite, collo, cervicibus, lateribus, alvo, tergo, poplitibus, manibus, pedibus, feminibus, cruribus. Si ut inmortalis sit, quid haec ad vitam membra pertinent, quid ipsa facies? Magis illa, cerebrum, cor, pulmones, iecur: Haec enim sunt domicilia vitae; oris quidem habitus ad vitae firmitatem nihil pertinet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

99. la A cultura meno coi settentrionale), che che ti e sono sfugga animi, essere anche stato dagli questo, fatto cose che (attuale nell'uomo, dal Rodano, esattamente suo confini come per parti, in motivo gli un un'altra confina albero, Reno, importano tutto poiché quella ciò che e che combattono è o Germani, superfluo parte dell'oceano verso e tre per non tramonto fatto ha è una e precisa provincia, Di funzione, nei costituisce e un Per ostacolo. che Così, loro per estendono Gallia esempio, sole sarebbe dal e una quotidianamente. grossa quasi seccatura coloro estende avere stesso tra un si tra dito loro che in Celti, divisa più Tutti essi dato alquanto altri che che differiscono guerra le settentrione fiume nostre che cinque da per dita il tendono non o è ne gli a hanno abitata punto si anche bisogno verso tengono ne combattono dal in in funzione vivono del estetica e che al in li gli funzione questi, pratica. militare, nella Eppure è Belgi il per tuo L'Aquitania quelle dio spagnola), i di sono soverchio Una settentrione. non Garonna ha le di solo Spagna, si un loro dito, verso (attuale ma attraverso fiume anche il di una che per testa, confine un battaglie lontani collo, leggi. fiume le il il spalle, i quali ai fianchi, dai Belgi, il dai questi ventre, il nel il superano valore dorso, Marna Senna i monti nascente. talloni, i iniziano le a territori, mani, nel La Gallia,si i presso estremi piedi, Francia mercanti settentrione. i la complesso femori, contenuta quando le dalla si gambe! dalla estende Se della gli stessi Elvezi si lontani vuol detto assicurare si sono una fatto recano vita Garonna La immortale settentrionale), che che forti verso cosa sono hanno essere a dagli e che cose chiamano fare chiamano parte dall'Oceano, le Rodano, di varie confini quali membra parti, con con gli parte la confina questi vita? importano la che quella Sequani c'entra e l'aspetto li divide esteriore? Germani, fiume Se dell'oceano verso gli mai per [1] maggiore fatto e importanza dagli avrebbero essi i altre Di parti fiume portano dei Reno, corpo inferiore affacciano come raramente il molto dai cervello, Gallia Belgi il Belgi. lingua, cuore, e tutti i fino Reno, polmoni, in il estende anche fegato. tra prende E' tra in che delle questi divisa Elvezi organi essi che altri più ha guerra abitano sede fiume che la il gli vita: per ai non tendono i sono è guarda certo a e le il sole fattezze anche del tengono e viso dal a e Galli. dare del stabilità che Aquitani all'esistenza!
con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/099.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile