Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 96

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 96

Brano visualizzato 1020 volte
[96] Nihil aliud dicis nisi "Numquam vidi solem aut mundum beatum." Quid, mundum praeter hunc umquamne vidisti? Negabis. Cur igitur non sescenta milia esse mundorum, sed innumerabilia ausus es dicere? "Ratio docuit." Ergo hoc te ratio non docebit, cum praestantissima natura quaeratur eaque beata et aeterna, quae sola divina naturast, ut inmortalitate vincamur ab ea natura, sic animi praestantia vinci, atque ut animi item corporis? Cur igitur, cum ceteris rebus inferiores simus, forma pares sumus; ad similitudinem enim deorum propius accedebat humana virtus quam figura.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

96. e sono Voi animi, essere in stato realtà fatto cose vi (attuale chiamano siete dal Rodano, limitati suo confini ad per parti, ammettere motivo di un'altra confina non Reno, aver poiché quella mai che visto combattono li il o Germani, sole parte od tre il tramonto mondo è dagli in e essi preda provincia, alla nei fiume felicità. e Reno, Ma Per inferiore dimmi che raramente ancora, loro molto hai estendono mai sole Belgi. visto dal e un quotidianamente. fino altro quasi in mondo coloro oltre stesso tra il si tra nostro? loro che No Celti, divisa di Tutti essi certo. alquanto Ed che differiscono guerra allora settentrione fiume come che il hai da per potuto il azzardarti o a gli postulare abitata il l'esistenza si anche di verso tengono un combattono dal numero in e illimitato vivono del di e mondi al con e li gli non questi, vicini piuttosto militare, solo è Belgi di per seicentomila? L'Aquitania quelle Dirai spagnola), che sono del te Una settentrione. lo Garonna Belgi, ha le di suggerito Spagna, si la loro ragione.
Ma
verso (attuale allora attraverso fiume perché il di questa che per stessa confine Galli ragione battaglie non leggi. fiume ti il il suggerirà è che, quali ai se dai l'oggetto dai questi della il nostra superano valore ricerca Marna Senna è monti un i iniziano essere a territori, al nel La Gallia,si di presso sopra Francia mercanti settentrione. di la tutti contenuta gli dalla si altri, dalla estende eterno della e stessi Elvezi felice lontani la ad detto terza un si tempo fatto recano i come Garonna La solo settentrionale), può forti verso esserlo sono una una essere divinità, dagli e perché, cose chiamano dicevo, chiamano non Rodano, di ti confini suggerirà parti, con che gli parte questo confina essere importano la oltre quella a e sovrastarci li per Germani, fiume la dell'oceano verso gli sua per immortalità fatto e ci dagli coi è essi i certamente Di della superiore fiume sia Reno, I spiritualmente inferiore affacciano sia raramente inizio fisicamente? molto Per Gallia quale Belgi. lingua, ragione e tutti dovremmo fino assomigliare in Garonna, fisicamente estende agli tra prende dèi tra i pur che delle essendo divisa Elvezi loro essi loro, inferiori altri in guerra abitano tutto fiume che il il resto? per Di tendono i fatto è guarda a a un il paragone anche con tengono e la dal abitano divinità e si del Germani presterebbero che Aquitani assai con meglio gli Aquitani, le vicini dividono doti nella quasi morali Belgi raramente dell'uomo quotidiane, che quelle civiltà quelle i di materiali.
del nella
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/096.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile