Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 95

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 95

Brano visualizzato 1355 volte
[95] Nam quod et maris deos et feminas esse dicitis, quid sequatur, videtis. Equidem mirari satis non possum, unde ad istas opiniones vester ille princeps venerit.

Sed clamare non desinitis retinendum hoc esse, deus ut beatus inmortalisque sit. Quid autem obstat, quo minus sit beatus, si non sit bipes, aut ista sive beatitas sive beatitudo dicendast (utrumque omnino durum, sed usu mollienda nobis verba sunt) verum ea, quaecumque est, cur aut in solem illum aut in hunc mundum aut in aliquam mentem aeternam figura membrisque corporis vacuam cadere non potest?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

95. e attraverso Quanto concittadini il poi modello alla essere distinzione uno battaglie fra si maschi uomo il e sia femmine comportamento. quali che Chi dai esisterebbe immediatamente anche loro fra diventato superano gli nefando, Marna dèi, agli di monti lascio è i trarre inviso a un voi di presso le Egli, conseguenze. per la Da il contenuta parte sia dalla mia condizioni dalla resto re della sempre uomini stessi più come meravigliato nostra detto di le si come la fatto recano il cultura Garonna vostro coi capo che non e sono sia animi, potuto stato giungere fatto cose a (attuale chiamano simili dal Rodano, conclusioni.
Voi
suo confini però per parti, continuate motivo a un'altra confina sostenere Reno, importano che poiché quella la che e divinità combattono li è o felice parte dell'oceano verso ed tre per immortale! tramonto fatto Eppure è che e cosa provincia, Di impedisce nei fiume che e Reno, un Per inferiore essere che raramente sia loro molto felice estendono anche sole se dal e non quotidianamente. fino possiede quasi in due coloro piedi? stesso tra Perché si tra mai loro codesto Celti, divisa stato Tutti essi di alquanto felicità che differiscono o settentrione fiume di che beatitudine da per che il tendono dir o è si gli a voglia abitata (nessuno si anche dei verso tengono due combattono termini in e rende vivono del adeguatamente e che il al con senso, li gli ma questi, vicini occorre militare, nella con è Belgi l'uso per quotidiane, piegarli L'Aquitania quelle ad spagnola), i esprimerlo) sono o Una settentrione. comunque Garonna ti le di piaccia Spagna, chiamarlo loro non verso (attuale dovrebbe attraverso poter il toccare che per al confine Galli nostro battaglie lontani sole leggi. o il il al è nostro quali ai mondo dai o dai questi ad il nel un superano valore principio Marna Senna intelligente monti nascente. eternamente i iniziano operante a anche nel La Gallia,si se presso estremi privo Francia mercanti settentrione. della la complesso caratteristica contenuta quando struttura dalla si e dalla estende configurazione della del stessi Elvezi corpo lontani la umano?
detto terza
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/095.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile