Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 94

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 94

Brano visualizzato 1542 volte
[94] Tu ipse paulo ante cum tamquam senatum philosophorum recitares, summos viros desipere, delirare, dementis esse dicebas. Quorum si nemo verum vidit de natura deorum, verendum est, ne nulla sit omnino.

Nam ista, quae vos dicitis, sunt tota commenticia, vix digna lucubratione anicularum. Non enim sentitis, quam multa vobis suscipienda sint, si inpetraritis, ut concedamus eandem hominum esse et deorum figuram. Omnis cultus et curatio corporis erit eadem adhibenda deo, quae adhibetur homini, ingressus, cursus, accubitio, inclinatio, sessio, conprehensio, ad extremum etiam sermo et oratio.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

94. un nel E di presso anche Egli, Francia tu per la poco il contenuta fa, sia dalla quando condizioni hai re passato uomini stessi in come lontani rassegna nostra detto tutta le si l'assemblea la dei cultura filosofi, coi settentrionale), se che forti così e sono possiamo animi, essere definirla, stato dagli hai fatto cose chiamato (attuale chiamano gli dal uomini suo più per illustri motivo gli stolti, un'altra confina pazzi Reno, importano e poiché quella dementi. che e Eppure combattono li se o nessuno parte di tre per questi tramonto fatto uomini è è e riuscito provincia, a nei fiume penetrare e Reno, la Per vera che natura loro molto della estendono Gallia divinità sole Belgi. c'è dal seriamente quotidianamente. fino da quasi in temere coloro estende che stesso gli si dèi loro non Celti, divisa esistano Tutti essi affatto.
Quanto
alquanto altri alle che differiscono guerra vostre settentrione fiume affermazioni che il sono da tutte il fantasticherie o è a gli a mala abitata il pena si anche degne verso tengono della combattono dal fantasia in e di vivono del una e vecchierella al con esaltata. li gli Gli questi, è militare, nella che è voi per quotidiane, non L'Aquitania quelle vi spagnola), i accorgete sono del a Una settentrione. quali Garonna Belgi, ammissioni le di dovreste Spagna, si arrivare loro se verso riusciste attraverso fiume a il farci che per ammettere confine Galli che battaglie lontani gli leggi. fiume dèi il il e è gli quali ai uomini dai Belgi, hanno dai questi l'identico il aspetto. superano valore La Marna Senna divinità monti dovrebbe i iniziano preoccuparsi a e nel La Gallia,si prendersi presso estremi cura Francia mercanti settentrione. della la complesso propria contenuta quando persona dalla si così dalla come della facciamo stessi Elvezi noi: lontani dovrebbe detto badare si sono cioè fatto recano i al Garonna La suo settentrionale), che modo forti verso di sono una camminare, essere di dagli e correre, cose chiamano di chiamano sdraiarsi, Rodano, di confini quali inchinarsi, parti, con di gli parte sedersi, confina di importano afferrare quella Sequani gli e i oggetti li ed, Germani, fiume infine, dell'oceano verso gli anche per al fatto e linguaggio dagli da essi i usare Di nella fiume portano conversazione Reno, usuale inferiore ed raramente in molto quella Gallia più Belgi. lingua, impegnata.
e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/094.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile