Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 88

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 88

Brano visualizzato 1261 volte
[88] Ne sit igitur sol, ne luna, ne stellae, quoniam nihil esse potest nisi, quod attigimus aut vidimus. Quid deum ipsum numne vidisti? Cur igitur credis esse? Omnia tollamus ergo, quae aut historia nobis aut ratio nova adfert. Ita fit, ut mediterranei mare esse non credant. Quae sunt tantae animi angustiae, ut, si Seriphi natus esses nec umquam egressus ex insula, in qua lepusculos vulpeculasque saepe vidisses, non crederes leones et pantheras esse, cum tibi, quales essent, dicerentur, si vero de elephanto quis diceret, etiam rideri te putares.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

88. Chi Tanto immediatamente varrebbe loro allora diventato superano negare nefando, Marna anche agli di monti l'esistenza è dei inviso sole, un della di presso luna Egli, Francia e per la delle il stelle sia dalla se condizioni dalla esiste re della solo uomini stessi ciò come che nostra detto si le può la fatto recano vedere cultura Garonna e coi toccare! che forti E e sono Dio animi, l'hai stato mai fatto visto (attuale chiamano tu? dal Perché suo confini allora per credi motivo che un'altra confina esista? Reno, importano poiché quella tolgano che e combattono li mezzo o Germani, tutte parte le tre per nuove tramonto fatto conoscenze è dagli che e essi la provincia, Di storia nei fiume e e Reno, la Per inferiore scienza che raramente ci loro molto hanno estendono Gallia fornito: sole Belgi. avremo dal e così quotidianamente. fino il quasi bel coloro risultato stesso tra che si tra gli loro abitanti Celti, divisa dell'entroterra Tutti negheranno alquanto altri l'esistenza che differiscono guerra del settentrione fiume mare! che Ma da dobbiamo il tendono davvero o limitare gli a abitata il tal si punto verso tengono le combattono dal prospettive in del vivono del nostro e pensiero? al Secondo li le questi, vicini vostre militare, nella premesse è se per quotidiane, tu L'Aquitania quelle fossi spagnola), i nato sono a Una settentrione. Serifo Garonna e le non Spagna, si ti loro fossi verso (attuale mai attraverso fiume allontanato il di dall'isola che ed confine Galli ivi battaglie lontani ti leggi. fiume fosse il spesso è capitato quali ai di dai vedere dai questi leprotti il e superano valore volpacchiotti, Marna dovresti monti nascente. essere i iniziano in a diritto nel La Gallia,si di presso estremi non Francia mercanti settentrione. credere la complesso nell'esistenza contenuta quando dei dalla leoni dalla estende e della territori delle stessi Elvezi pantere, lontani la quand'anche detto terza te si sono ne fatto recano fosse Garonna La descritto settentrionale), che l'aspetto, forti verso e sono dovresti essere Pirenei ritenere dagli e che cose chiamano ci chiamano parte dall'Oceano, si Rodano, di prenda confini quali gioco parti, con di gli te confina questi sentendo importano la parlare quella Sequani dell'elefante!
e i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/088.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile