Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 82

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 82

Brano visualizzato 1092 volte
[82] Etenim fana multa spoliata et simulacra deorum de locis sanctissimis ablata videmus a nostris, at vero ne fando quidem auditumst crocodilum aut ibin aut faelem violatum ab Aegyptio. Quid igitur censes Apim illum sanctum Aegyptiorum bovem nonne deum videri Aegyptiis? Tam, hercle, quam tibi illam vestram Sospitam. Quam tu numquam ne in somnis quidem vides nisi cum pelle caprina, cum hasta, cum scutulo, cum calceolis repandis. At non est talis Argia nec Romana Iuno. Ergo alia species Iunonis Argivis, alia Lanuinis. Et quidem alia nobis Capitolini, alia Afris Hammonis Iovis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

82. Egli, Abbiamo per la visto il contenuta molti sia dalla templi condizioni spogliati re e uomini molte come lontani statue nostra detto di le dèi la fatto recano strappate cultura Garonna ai coi settentrionale), santuari che forti più e sono venerandi animi, essere per stato dagli mano fatto cose di (attuale chiamano nostri dal Rodano, correligionari suo confini ma per non motivo gli s'è un'altra confina mai Reno, importano udito poiché dire che e che combattono li un o Germani, egiziano parte abbia tre per offeso, tramonto fatto sia è dagli pure e essi a provincia, Di parole, nei fiume un e Reno, coccodrillo, Per inferiore un'ibis che raramente o loro molto un estendono Gallia gatto. sole Belgi. Orbene, dal che quotidianamente. fino cosa quasi in inferisci coloro estende da stesso ciò? si Api, loro che il Celti, divisa famoso Tutti essi bue alquanto altri sacro che differiscono guerra degli settentrione fiume Egiziani, che non da per è il tendono forse o per gli a essi abitata il un si anche dio? verso tengono Certo combattono dal lo in è vivono del non e che meno al con che, li gli per questi, vicini voi, militare, nella la è vostra per quotidiane, famosa L'Aquitania quelle Sospita spagnola), i che sono del tu Una settentrione. non Garonna vedi le mai, Spagna, si neppure loro in verso sogno, attraverso fiume se il di non che coi confine Galli caratteristico battaglie lontani piede leggi. fiume caprino, il il armata è di quali ai asta dai Belgi, e dai di il nel scudetto, superano valore calzata Marna Senna con monti nascente. le i tipiche a scarpette nel La Gallia,si a presso estremi becco: Francia mercanti settentrione. eppure la non contenuta quando è dalla si questo dalla estende l'aspetto della territori stessi Elvezi di lontani Giunone detto terza Argíva si sono fatto recano i della Garonna Giunone settentrionale), Romana. forti Altro sono una è essere Pirenei dunque dagli l'aspetto cose chiamano di chiamano parte dall'Oceano, Giunone Rodano, di per confini quali i parti, con Lanuvini, gli parte altro confina questi per importano gli quella Sequani Argivi, e i altro li divide per Germani, fiume noi. dell'oceano verso gli E per il fatto nostro dagli Giove essi i Capitolino Di della non fiume è Reno, lo inferiore stesso raramente inizio che, molto dai per Gallia gli Belgi. lingua, Africani, e tutti il fino Reno, loro in Giove estende anche Ammone.
tra
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/082.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile