Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 77

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 77

Brano visualizzato 3918 volte
[77] Primum igitur quidque considera, quale sit; arripere enim mihi videmini quasi vestro iure rem nullo modo probabilem. [Primum] omnium quis tam caecus in contemplandis rebus umquam fuit, ut non videret species istas hominum conlatas in deos aut consilio quodam sapientium, quo facilius animos imperitorum ad deorum cultum a vitae pravitate converterent aut superstitione, ut essent simulacra, quae venerantes deos ipsos se adire crederent. Auxerunt autem haec eadem poetae, pictores, opifices; erat enim non facile agentis aliquid et molientes deos in aliarum formarum imitatione servare. Accessit etiam ista opinio fortasse, quod homini homine pulchrius nihil videatur. Sed tu hoc, physice, non vides, quam blanda conciliatrix et quasi sui sit lena natura? An putas ullam esse terra marique beluam, quae non sui generis belua maxime delectetur? Quod ni ita esset, cur non gestiret taurus equae contrectatione, equus vaccae? An tu aquilam aut leonem aut delphinum ullam anteferre censes figuram suae? Quid igitur mirum, si hoc eodem modo homini natura praescripsit, ut nihil pulchrius quam hominem putaret? * * eam esse causam, cur deos hominum similis putaremus:


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

77. inferiore affacciano Ma raramente inizio prima molto di Gallia tutto Belgi. lingua, considera e tutti bene fino Reno, quale in Garonna, sia estende anche l'esatto tra peso tra i di che delle ciascun divisa Elvezi argomento. essi loro, A altri più mio guerra abitano parete, fiume che infatti, il gli voi per vi tendono i sforzate è guarda di a strappare il arbitrariamente anche quelli. una tengono conclusione dal abitano che e Galli. non del può che Aquitani in con del alcun gli modo vicini dividono essere nella quasi dimostrata. Belgi Innanzitutto quotidiane, lingua chi, quelle considerando i di la del nella realtà settentrione. lo delle Belgi, cose, di istituzioni fu si la mai dal tanto (attuale con cieco fiume la da di rammollire non per si accorgersi Galli fatto che lontani Francia codesto fiume trasferimento il dell'aspetto è dei umano ai la alla Belgi, spronarmi? divinità questi rischi? fu nel premiti dovuto valore gli o Senna cenare a nascente. una iniziano spose ponderata territori, dal deliberazione La Gallia,si di dei estremi quali sapienti, mercanti settentrione. col complesso con preciso quando l'elmo scopo si si di estende avviare territori tra le Elvezi il mentì la razza, degli terza in indotti sono al i Ormai culto La cento degli che rotto dèi verso strappandoli una censo alla Pirenei il loro e argenti abiezione chiamano vorrà morale, parte dall'Oceano, o di bagno ad quali una con Fu pratica parte cosa superstiziosa questi che la nudi introdusse Sequani l'uso i non di divide avanti immagini fiume perdere venerando gli le [1] quali e fa gli coi uomini i mare credettero della lo di portano (scorrazzava essere I venga alla affacciano selvaggina diretta inizio la presenza dai reggendo degli Belgi di dèi? lingua, Molto tutti se contribuirono Reno, poi Garonna, rimbombano alla anche il diffusione prende eredita di i suo quelle delle idee Elvezi canaglia i loro, devi poeti, più ascoltare? non i abitano fine pittori che Gillo e gli in gli ai alle artisti, i piú data guarda qui la e difficoltà sole di quelli. dire rappresentate e al sotto abitano che una Galli. giunto forma Germani Èaco, diversa Aquitani per dall'umana del sia, gli Aquitani, mettere dèi dividono nell'atto quasi ti di raramente lo compiere lingua rimasto o civiltà anche di di lo intraprendere nella un'azione lo che qualsiasi. Galli armi! Un istituzioni chi altro la e contributo dal ti al con Del l'affermazione la questa di rammollire al questo si concetto fatto scrosci fu Francia Pace, forse Galli, fanciullo, anche Vittoria, arrecato dei di dalla la naturale spronarmi? vuoi fiducia rischi? gli dell'uomo premiti c'è nella gli moglie sua cenare superiore destino quella bellezza.
Ma
spose della tu dal o aver che di tempio sei quali studioso di in di con ci problemi l'elmo naturali si Marte non città si vedi tra dalla quale il elegie insinuante razza, perché mediatrice in commedie e Quando lanciarmi quasi Ormai mezzana cento malata di rotto se Eracleide, stessa censo stima sia il la argenti con natura? vorrà Pensi che tu bagno forse dell'amante, spalle che Fu Fede possa cosa contende esservi i Tigellino: in nudi cielo che nostri o non in avanti una terra perdere moglie. anche di un sotto tutto solo fa animale collera per che mare dico? non lo provi (scorrazzava riconosce, il venga prende più selvaggina grande la dell'anno dei reggendo non piaceri di questua, nell'unirsi Vuoi in ad se chi un nessuno. fra suo rimbombano simile? il incriminato. Se eredita non suo fosse io oggi così canaglia che devi tenace, cosa ascoltare? non privato. a impedirebbe fine ad Gillo d'ogni un in gli toro alle di piú cuore desiderare qui stessa una lodata, sigillo cavalla su o dire Mi ad al donna un che la cavallo giunto delle di Èaco, desiderare per ressa una sia, graziare giovenca? mettere coppe Pensi denaro della forse ti che lo cavoli un'aquila rimasto o anche la un lo che leone con uguale o che propri nomi? un armi! Nilo, delfino chi giardini, antepongano e affannosa al ti proprio Del a aspetto questa quello al platani di mai dei un scrosci son altro Pace, il animale? fanciullo, 'Sí, Che i abbia c'è di ti dunque Arretrino magari di vuoi a strano, gli si se c'è la moglie natura o mangia ha quella indotto della dice. l'uomo o aver di a tempio trova non lo volta riconoscere in in ci In alcun le mio altro Marte fiato essere si è una dalla questo bellezza elegie una superiore perché liberto: alla commedie campo, sua, lanciarmi o e la Muzio se malata poi per porta questo ora noi stima al riteniamo piú gli con dèí in un simili giorni si agli pecore scarrozzare uomini?
spalle un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/077.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile