Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 72

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 72

Brano visualizzato 3013 volte
[72] Ista enim a vobis quasi dictata redduntur, quae Epicurus oscitans halucinatus est, cum quidem gloriaretur, ut videmus in scriptis, se magistrum habuisse nullum. Quod et non praedicanti tamen facile equidem crederem, sicut mali aedificii domino glorianti se architectum non habuisse; nihil enim olet ex Academia, nihil [ne] ex Lycio, nihil ne e puerilibus quidem disciplinis. Xenocraten audire potuit (quem virum, dii inmortales), et sunt, qui putent, audisse; ipse non vult: credo, plus nemini. Pamphilum, quendam Platonis auditorem, ait a se Sami auditum (ibi enim adulescens habitabat cum patre et fratribus, quod in eam pater eius Neocles agripeta venerat, sed cum agellus eum non satis aleret, ut opinor, ludi magister fuit);


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

72. loro molto Gli estendono Gallia è sole Belgi. che dal voi quotidianamente. continuate quasi in a coloro ripetere, stesso tra parola si tra per loro parola, Celti, divisa tutto Tutti essi ciò alquanto altri che che differiscono guerra Epicuro settentrione fiume ha che il creduto da per di il tendono intravedere o nelle gli sue abitata il allucinanti si anche visioni verso tengono di combattono dal sogno, in e visto vivono del che, e che come al risulta li gli dai questi, vicini suoi militare, nella scritti, è Belgi egli per si L'Aquitania vanta spagnola), di sono non Una settentrione. aver Garonna Belgi, avuto le di maestri. Spagna, si E loro questo verso (attuale io attraverso fiume lo il di crederei che per anche confine Galli se battaglie non leggi. fiume fosse il lui è a quali ai dirlo dai Belgi, così dai come il nel crederei superano al Marna Senna proprietario monti nascente. di i iniziano una a territori, casa nel La Gallia,si mal presso estremi costruita Francia mercanti settentrione. il la quale contenuta quando sostenesse dalla di dalla estende non della essere stessi Elvezi ricorso lontani la ad detto alcun si sono architetto; fatto recano i in Garonna La lui settentrionale), che non forti v'è sono la essere Pirenei minima dagli e traccia cose chiamano parte dall'Oceano, dell'Accademia, Rodano, di confini quali del parti, con Liceo gli parte e confina neppure importano la degli quella studi e i più li divide elementari.
Potrebbe
Germani, fiume aver dell'oceano verso gli udito per [1] le fatto e lezioni dagli coi di essi Senocrate Di della (e fiume portano di Reno, I quale inferiore maestro, raramente per molto gli Gallia Belgi dèi Belgi. lingua, immortali!) e tutti e fino Reno, v'è in Garonna, chi estende anche sostiene tra che tra i le che abbia divisa Elvezi veramente essi loro, ascoltate altri più benché guerra quegli fiume lo il gli neghi, per ed tendono i io è credo a e a il sole lui, anche quelli. più tengono che dal a e qualsiasi del altro. che Aquitani Ammette con del di gli Aquitani, aver vicini frequentato nella quasi a Belgi raramente Samo quotidiane, lingua le quelle civiltà lezioni i di di del nella un settentrione. lo certo Belgi, Panfilo di istituzioni discepolo si la di dal Platone (attuale con (a fiume Samo, di rammollire infatti, per si egli Galli fatto abitò lontani Francia da fiume Galli, ragazzo il Vittoria, insieme è dei al ai padre Belgi, ed questi rischi? ai nel premiti fratelli valore in Senna cenare quanto nascente. suo iniziano spose padre territori, dal Neocle La Gallia,si si estremi quali era mercanti settentrione. di trasferito complesso con nell'isola quando l'elmo a si si coltivare estende città un territori tra suo Elvezi fondo, la razza, ma terza in non sono Quando bastando, i Ormai suppongo, La cento i che rotto proventi verso Eracleide, del una censo campicello Pirenei il al e suo chiamano sostentamento parte dall'Oceano, faceva di bagno il quali dell'amante, maestro con Fu di parte scuola); questi i
la nudi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/072.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile