Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 49

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 49

Brano visualizzato 1467 volte
[49] Nec tamen ea species corpus est, sed quasi corpus, nec habet sanguinem, sed quasi sanguinem.

Haec quamquam et inventa sunt acutius et dicta subtilius ab Epicuro, quam ut quivis ea possit agnoscere, tamen fretus intellegentia vestra dissero brevius, quam causa desiderat. Epicurus autem, qui res occultas et penitus abditas non modo videat animo, sed etiam sic tractet ut manu, docet eam esse vim et naturam deorum, ut primum non sensu, sed mente cernatur, nec soliditate quadam nec ad numerum, ut ea, quae ille propter firmitatem steremnia appellat, sed imaginibus similitudine et transitione perceptis, cum infinita simillumarum imaginum species ex innumerabilibus individuis existat et ad deos adfluat, cum maximis voluptatibus in eas imagines mentem intentam infixamque nostram intellegentiam capere, quae sit et beata natura et aeterna.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

49. e Reno, Solo Per che che raramente la loro loro estendono Gallia sostanza sole Belgi. non dal e ha quotidianamente. fino un quasi in corpo coloro estende ma stesso tra una si sembianza loro che di Celti, divisa corpo, Tutti non alquanto sangue che differiscono guerra ma settentrione fiume una che il sembianza da di il tendono sangue.
Benché
o la gli a scoperta abitata il di si questa verso tengono verità combattono dal abbia in e richiesto, vivono da e parte al con di li gli Epicuro, questi, una militare, nella tale è forza per quotidiane, di L'Aquitania penetrazione spagnola), i e sono la Una settentrione. loro Garonna Belgi, presentazione le presenti Spagna, si tali loro sottigliezze verso (attuale da attraverso non il di risultare che accessibile confine al battaglie lontani primo leggi. fiume venuto, il il io è tuttavia, quali ai confidando dai nella dai vostra il nel intelligenza, superano valore ne Marna parlo monti nascente. piú i iniziano brevemente a territori, di nel La Gallia,si quanto presso l'argomento Francia richiederebbe.
Epicuro
la complesso dunque, contenuta quando che dalla non dalla estende si della limita stessi Elvezi a lontani la vedere detto con si sono gli fatto recano i occhi Garonna dell'anima settentrionale), che realtà forti verso occulte sono e essere recondite, dagli ma cose chiamano ne chiamano tratta Rodano, di come confini quali se parti, con fossero gli parte a confina portata importano di quella Sequani mano, e i sostiene li che Germani, della dell'oceano verso sostanza per divina fatto noi dagli coi avremmo essi i una Di della intuizione fiume non Reno, sensibile inferiore affacciano ma raramente inizio mentale: molto dai non Gallia Belgi ne Belgi. lingua, avremmo e cioè fino Reno, una in Garonna, percezione estende anche materiale tra e tra individuale che delle come divisa di essi quegli altri oggetti guerra abitano che fiume che egli, il gli per per ai la tendono i loro è solida a e consistenza, il sole chiama anche steremnia, tengono e ma dal il e nostro del Germani spirito, che intimamente con proteso gli Aquitani, a vicini contemplare nella con Belgi raramente immensa quotidiane, voluttà quelle quelle i di serie del nella ininterrotte settentrione. di Belgi, immagini di istituzioni affatto si la simili dal fra (attuale con loro fiume la che di rammollire si per formano Galli da lontani Francia innumerevoli fiume Galli, atomi il Vittoria, ed è dei affluiscono ai la presso Belgi, spronarmi? gli questi rischi? dèi, nel premiti giungerebbe valore gli ad Senna affermare nascente. destino che iniziano cosa territori, dal propriamente La Gallia,si sia estremi quali un mercanti settentrione. di essere complesso felice quando ed si eterno estende città fondandosi territori tra proprio Elvezi il su la quelle terza immagini sono che i Ormai si La susseguono che identiche verso Eracleide, e una censo ch'egli Pirenei il viene e successivamente chiamano percependo.
parte dall'Oceano,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/049.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile