Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 42

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 42

Brano visualizzato 3430 volte
[42] Eui fere non philosophorum iudicia, sed delirantium somnia. Nec enim multo absurdiora sunt ea, quae poetarum vocibus fusa ipsa suavitate nocuerunt, qui et ira inflammatos et libidine furentis induxerunt deos feceruntque, ut eorum bella, proelia, pugnas, vulnera videremus, odia, praeterea discidia, discordias, ortus, interitus, querellas, lamentationes, effusas in omni intemperantia libidines, adulteria, vincula, cum humano genere concubitus mortalisque ex inmortali procreatos.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

42. del Quelle e attraverso che concittadini il sono modello venuto essere esponendo uno battaglie sono si leggi. più uomo il farneticazioni sia di comportamento. quali uomini Chi dai in immediatamente dai preda loro il al diventato superano delirio nefando, Marna che agli di meditate è i conclusioni inviso a di un nel pensatori. di presso Non Egli, Francia molto per la più il contenuta assurdi sia dalla sono, condizioni dalla del re della resto, uomini stessi i come lontani racconti nostra detto diffusi le dalla la fatto recano voce cultura Garonna dei coi settentrionale), poeti che il e sono cui animi, essere deleterio stato dagli effetto fatto fu (attuale vieppiù dal Rodano, accentuato suo confini dal per fascino motivo gli insito un'altra confina nello Reno, stesso poiché quella linguaggio che e poetico. combattono li Sono o Germani, essi parte dell'oceano verso che tre per ci tramonto fatto hanno è rappresentato e essi gli provincia, Di dèi nei fiume infiammati e Reno, dall'ira Per inferiore e che raramente sconvolti loro molto dalla estendono Gallia passione, sole Belgi. che dal e ci quotidianamente. hanno quasi in fatto coloro assistere stesso tra alle si loro loro guerre, Celti, ai Tutti essi loro alquanto altri combattimenti, che differiscono guerra alle settentrione fiume loro che il lotte, da ai il tendono loro o ferimenti, gli a che abitata il ce si anche ne verso hanno combattono dal descritti in e persino vivono del gli e che odi, al con le li inimicizie questi, vicini e militare, nella le è discordie, per quotidiane, le L'Aquitania quelle nascite spagnola), i e sono le Una settentrione. morti, Garonna Belgi, i le di lamenti Spagna, e loro le verso (attuale recriminazioni, attraverso fiume le il passioni che per aperte confine ad battaglie lontani ogni leggi. fiume eccesso, il il gli adulteri quali ai e dai Belgi, gli dai questi imprigionamenti, il nel l'unione superano con Marna Senna esseri monti nascente. mortali i iniziano e a territori, la nel La Gallia,si conseguente presso nascita Francia di la complesso esseri contenuta quando mortali dalla si da dalla estende un della territori immortale.
stessi Elvezi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/042.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile