Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 18

Brano visualizzato 1010 volte
[18] Tum Velleius fidenter sane, ut solent isti, nihil tam verens, quam ne dubitare aliqua de re videretur, tamquam modo ex deorum concilio et ex Epicuri intermundiis descendisset, "Audite" inquit "non futtilis commenticiasque sententias, non opificem aedificatoremque mundi Platonis de Timaeo deum, nec anum fatidicam Stoicorum Pronoeam, quam Latine licet Providentiam dicere, neque vero mundum ipsum animo et sensibus praeditum, rutundum, ardentem, volubilem deum, portenta et miracula non disserentium philosophorum, sed somniantium.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

18. essere confine Allora uno battaglie Velleio si leggi. con uomo l'orgogliosa sia sicurezza comportamento. quali che Chi dai contraddistingue immediatamente dai i loro il seguaci diventato superano di nefando, Epicuro, agli di preoccupato è i solo inviso a di un nel non di presso tradire Egli, la per la minima il contenuta esitazione, sia dalla così condizioni iniziò re della il uomini suo come lontani dire, nostra detto quasi le fosse la fatto recano appena cultura Garonna disceso coi settentrionale), dall'assemblea che forti degli e dei animi, essere riuniti stato dagli negli fatto cose spazi (attuale chiamano fra dal Rodano, i suo confini mondi per parti, di motivo gli Epicuro. un'altra " Reno, State poiché quella bene che e attenti, combattono perché o da parte dell'oceano verso me tre non tramonto fatto udrete è enunciare e concezioni provincia, inconsistenti nei fiume e e Reno, fantastiche, Per inferiore non che raramente mi loro molto udrete estendono Gallia parlare sole di dal e un quotidianamente. fino Dio quasi in artefice coloro estende e stesso tra costruttore si tra dei loro che mondo, Celti, divisa come Tutti essi si alquanto altri legge che differiscono nel settentrione fiume platonico che il Timeo, da il della o è vecchia gli profetessa abitata il degli si stoici, verso tengono la combattono dal Pronoeam in (in vivono del latino e che diciamo al con semplicemente li "provvidenza questi, "), militare, nella è di per quotidiane, un L'Aquitania mondo spagnola), i fornito sono del di Una settentrione. mente Garonna e le di di Spagna, si sensibilità, loro di verso (attuale una attraverso sorta il di di che dio confine rotondo, battaglie lontani ardente leggi. e il il ruotante è intorno quali ai a dai Belgi, se dai questi stesso. il Costruzioni superano valore così Marna Senna prodigiose monti nascente. e i iniziano strabilianti a territori, come nel queste presso estremi non Francia mercanti settentrione. sono la complesso certo contenuta frutto dalla si della dalla estende meditata della discussione stessi Elvezi di lontani la veri detto filosofi, si sono ma fatto recano i solo Garonna La sogni settentrionale), di forti visionari.
sono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/018.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile