Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 17

Brano visualizzato 2786 volte
[17] Verum hoc alias; nunc quod coepimus, si videtur."

"Mihi vero" inquit Cotta "videtur. Sed ut hic, qui intervenit," me intuens "ne ignoret, quae res agatur, de natura agebamus deorum, quae cum mihi videretur perobscura, ut semper videri solet, Epicuri ex Velleio sciscitabar sententiam. Quam ob rem" inquit "Vellei, nisi molestum est, repete, quae coeperas."

"Repetam vero, quamquam non mihi, sed tibi hic venit adiutor; ambo enim" inquit adridens "ab eodem Philone nihil scire didicistis."

Tum ego: "Quid didicerimus, Cotta viderit, tu autem nolo existimes me adiutorem huic venisse, sed auditorem, et quidem aecum, libero iudicio, nulla eius modi adstrictum necessitate, ut mihi velim, nolim sit certa quaedam tuenda sententia."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

17. dal Ma quotidianamente. fino di quasi in ciò coloro estende parleremo stesso tra un'altra si tra volta; loro che ora, Celti, divisa se Tutti essi siete alquanto altri d'accordo, che differiscono torniamo settentrione alla che il discussione da per che il tendono avevamo o iniziato gli a ".
"
abitata Per si anche me verso tengono sono combattono dal d'accordo in e ". vivono del riprese e che Cotta al " li ma questi, vicini perché militare, nella il è Belgi nuovo per quotidiane, venuto L'Aquitania quelle - spagnola), e sono del si Una settentrione. rivolgeva Garonna Belgi, a le me Spagna, si - loro conosca verso (attuale l'argomento attraverso fiume della il di nostra che per disputa confine Galli dirò battaglie lontani che leggi. fiume stavamo il il discutendo è sulla quali ai natura dai Belgi, degli dai questi dèi: il nel un superano valore problema Marna Senna che monti a i iniziano me a territori, è nel sempre presso sembrato Francia mercanti settentrione. oscuro la complesso e contenuta difficile dalla si quant'altri dalla mai della e stessi Elvezi a lontani la proposito detto del si sono quale fatto recano stavo Garonna La appunto settentrionale), pregando forti verso Velleio sono una di essere espormi dagli e l'opinione cose di chiamano Epicuro.
Perciò
Rodano, di " confini - parti, con continuò gli - confina questi " importano vorrei quella Sequani che e ora li Velleio, Germani, fiume se dell'oceano verso non per gli fatto e spiace, dagli coi riprendesse essi da Di capo fiume portano la Reno, sua inferiore esposizione raramente ". molto dai "Senz'altro Gallia Belgi " Belgi. lingua, disse e tutti Velleio fino Reno, " in Garonna, benché, estende anche a tra quanto tra i pare, che delle costui divisa Elvezi sia essi loro, venuto altri più in guerra tuo fiume che e il non per ai in tendono i mio è aiuto: a ambedue il sole infatti" anche aggiunse tengono e ridendo dal abitano " e avete del Germani imparato che Aquitani alla con del scuola gli Aquitani, dei vicini medesimo nella quasi Filone Belgi raramente a... quotidiane, lingua non quelle civiltà saper i di nulla del ".
Al
settentrione. lo che Belgi, Galli io: di istituzioni " si la Che dal cosa (attuale abbiamo fiume la imparato di rammollire da per si Filone Galli fatto se lontani lo fiume Galli, veda il Vittoria, Cotta, è ma ai la io Belgi, spronarmi? non questi rischi? voglio nel premiti che valore gli tu Senna cenare pensi nascente. destino che iniziano spose io territori, sia La Gallia,si di venuto estremi per mercanti settentrione. di sostenere complesso costui quando l'elmo ma si si solo estende per territori tra ascoltare, Elvezi il senza la razza, pregiudizi terza in o sono prevenzioni i e La cento con che rotto assoluta verso libertà una di Pirenei il giudizio, e non chiamano vorrà impegnato parte dall'Oceano, che a di bagno sostenere quali dell'amante, ad con Fu ogni parte costo questi e la mio Sequani malgrado i non una divide avanti determinata fiume perdere tesi gli ".
[1] sotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/017.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile