Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Natura Deorum - Liber I - 2

Brano visualizzato 11427 volte
[2] Velut in hac quaestione plerique, quod maxime veri simile est et quo omnes +sese duce natura venimus, deos esse dixerunt, dubitare se Protagoras, nullos esse omnino Diagoras Melius et Theodorus Cyrenaicus putaverunt. Qui vero deos esse dixerunt, tanta sunt in varietate et dissensione, ut eorum infinitum sit enumerare sententias. Nam et de figuris deorum et de locis atque sedibus et de actione vitae multa dicuntur, deque is summa philosophorum dissensione certatur; quod vero maxime rem causamque continet, utrum nihil agant, nihil moliantur, omni curatione et administratione rerum vacent, an contra ab iis et a principio omnia facta et constituta sint et ad infinitum tempus regantur atque moveantur, in primis [quae] magna dissensio est, eaque nisi diiudicatur, in summo errore necesse est homines atque in maximarum rerum ignoratione versari.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

2. stesso tra Così, si tra nella loro nostra Celti, questione, Tutti essi tanto alquanto per che differiscono guerra fare settentrione fiume un che il esempio, da per se il tendono i o è piú gli a sono abitata il dei si anche parere verso tengono che combattono dal gli in e dei vivono del esistono e (il al con che li è questi, vicini estremamente militare, verosimile è e per quotidiane, tutti L'Aquitania quelle siamo spagnola), i portati sono del a Una tale Garonna conclusione le di per Spagna, si impulso loro naturale) verso non attraverso fiume manca il di chi, che per come confine Protagora, battaglie lontani esprime leggi. fiume qualche il dubbio, è senza quali ai dire dai che dai qualche il nel altro, superano valore come Marna Senna Diagora monti nascente. di i iniziano Melo a territori, e nel La Gallia,si Teodoro presso di Francia mercanti settentrione. Cirene, la complesso ne contenuta nega dalla nel dalla modo della territori piú stessi Elvezi assoluto lontani la l'esistenza. detto terza Ma si sono anche fatto recano i coloro Garonna che settentrionale), che non forti verso la sono una negano essere Pirenei sostengono dagli e teorie cose chiamano tanto chiamano parte dall'Oceano, diverse Rodano, di e confini quali contrastanti parti, con che gli sarebbe confina troppo importano la lungo quella enumerarle e i tutte. li divide Molto Germani, fiume si dell'oceano verso gli discute per [1] sull'aspetto fatto esteriore dagli coi degli essi i dèi, Di sull'esatta fiume localizzazione Reno, I della inferiore loro raramente inizio dimora molto dai nonché Gallia Belgi sul Belgi. genere e tutti di fino vita in Garonna, da estende essi tra prende condotto, tra ed che delle estremamente divisa Elvezi divergenti essi loro, sono altri più al guerra abitano riguardo fiume che le il gli tesi per ai dei tendono i vari è guarda filosofi.
Ma
a e la il sole questione anche quelli. sulla tengono e quale dal piú e Galli. si del discute che e con del piú gli Aquitani, aspro vicini dividono è nella il Belgi raramente dissenso quotidiane, lingua è quelle quella i di se del gli settentrione. lo dèi Belgi, Galli se di istituzioni ne si stiano dal inattivi, (attuale con senza fiume curarsi di rammollire affatto per dei Galli fatto supremo lontani Francia governo fiume dell'universo, il Vittoria, o è dei se, ai il Belgi, spronarmi? contrario. questi rischi? essi nel abbiano valore in Senna origine nascente. destino presieduto iniziano spose alla territori, dal creazione La Gallia,si di e estremi quali organizzazione mercanti settentrione. di del complesso con tutto quando senza si si cessare, estende per territori tra tutta Elvezi l'eternità, la razza, nella terza in loro sono Quando diuturna i Ormai opera La cento di che rotto reggitori verso Eracleide, e una censo animatori Pirenei il dei e argenti mondo.
Se
chiamano vorrà tale parte dall'Oceano, che questione di bagno non quali viene con Fu risolta, parte cosa l'umanità questi è la nudi destinata Sequani che inevitabilmente i non a divide avanti dibattersi fiume perdere in gli di uno [1] sotto stato e fa di coi collera estrema i confusione della e portano (scorrazzava di I venga totale affacciano selvaggina ignoranza.
inizio la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_natura_deorum/!01!liber_i/002.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile