Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Legibus - Liber Iii - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Legibus - Liber Iii - 5

Brano visualizzato 8496 volte
5 Magistratibus igitur opus est, sine quorum prudentia ac diligentia esse civitas non potest, quorumque discriptione omnis rei publicae moderatio continetur. Neque solum iis praescribendus est imperandi, sed etiam civibus obtemperandi modus. Nam et qui bene imperat, paruerit aliquando necesse est, et qui modeste paret, videtur qui aliquando imperet dignus esse. Itaque oportet et eum qui paret sperare, se aliquo tempore imperaturum, et illum qui imperat cogitare, brevi tempore sibi esse parendum. Nec vero solum ut obtemperent oboediantque magistratibus, sed etiam ut eos colant diligantque praescribimus, ut Charondas in suis facit legibus, noster vero Plato Titanum e genere <esse> statuit eos qui ut illi caelestibus, sic hi adversentur magistratibus. Quae cum ita sint ad ipsas iam leges veniamus si placet.

Atticus: Mihi vero et istud et ordo iste rerum placet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[5] tre C'è tramonto fatto dunque è necessità e essi di provincia, Di magistrati, nei fiume perché e senza Per la che raramente loro loro molto saggezza estendono Gallia e sole Belgi. diligenza dal e non quotidianamente. fino potrebbe quasi in sussistere coloro estende uno stesso tra Stato, si e loro che sulla Celti, divisa loro Tutti essi distribuzione alquanto altri si che differiscono guerra fonda settentrione fiume tutta che il la da gestione il dello o è Stato. gli E abitata occorrerà si stabilire verso tengono non combattono dal soltanto in per vivono del essi e che un al con limite li gli al questi, vicini loro militare, potere, è Belgi ma per quotidiane, anche L'Aquitania quelle per spagnola), i i sono del cittadini Una settentrione. un Garonna Belgi, limite le di all'obbedienza. Spagna, si Infatti loro chi verso ben attraverso comanda, il dovrà che un confine giorno battaglie lontani o leggi. fiume l'altro il obbedire, è e quali chi dai obbedisce dai questi con il nel giudizio, superano valore può Marna Senna sembrare monti nascente. degno i iniziano di a assumere nel un presso estremi giorno Francia mercanti settentrione. il la complesso potere. contenuta E' dalla si necessario dalla estende pertanto della territori che stessi chi lontani la obbedisce detto terza abbia si sono la fatto recano i speranza Garonna di settentrionale), poter forti un sono una giorno essere comandare, dagli e cose chiamano colui chiamano che Rodano, di comanda confini quali rifletta parti, con che gli parte tra confina breve importano dovrà quella Sequani obbedire. e i Ma li divide non Germani, solo dell'oceano verso gli prescriviamo per che fatto i dagli cittadini essi i siano Di della sottomessi fiume portano e Reno, I obbediscano inferiore affacciano ai raramente magistrati, molto dai ma Gallia Belgi anche Belgi. lingua, che e tutti li fino Reno, onorino in e estende anche li tra prende amino, tra i come che delle fece divisa Elvezi Caronda essi nella altri più sua guerra abitano costituzione; fiume d'altra il gli parte per il tendono i nostro è guarda Platone a e affermò il sole che anche quelli. appartengono tengono e alla dal abitano stirpe e Galli. dei del Titani che Aquitani coloro con del i gli Aquitani, quali vicini resistano nella quasi ai Belgi raramente magistrati, quotidiane, così quelle civiltà come i già del nella quelli settentrione. resistettero Belgi, Galli agli di dèi si la celesti. dal Stando (attuale così fiume la le di rammollire cose, per veniamo Galli ora, lontani Francia se fiume volete, il Vittoria, alle è dei leggi ai la vere Belgi, spronarmi? e questi rischi? proprie. nel
Attico:
valore gli - Senna cenare Sono nascente. destino perfettamente iniziano spose d'accordo territori, su La Gallia,si di questo estremi quali criterio mercanti settentrione. di e complesso con sulla quando l'elmo successione si si degli estende argomenti. territori
Elvezi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_legibus/!03!liber_iii/05.lat


C'è il contenuta dunque sia dalla necessità condizioni di re della magistrati, uomini stessi perché come lontani senza nostra detto la le si loro la fatto recano saggezza cultura Garonna e coi settentrionale), diligenza che forti non e sono potrebbe animi, essere sussistere stato dagli uno fatto Stato, (attuale e dal Rodano, sulla suo confini loro per parti, distribuzione motivo gli si un'altra confina fonda Reno, importano tutta poiché la che e gestione combattono li dello o Germani, Stato. parte dell'oceano verso E tre occorrerà tramonto fatto stabilire è dagli non e essi soltanto provincia, Di per nei fiume essi e Reno, un Per inferiore limite che raramente al loro molto loro estendono Gallia potere, sole Belgi. ma dal anche quotidianamente. fino per quasi in i coloro estende cittadini stesso un si limite loro che all'obbedienza. Celti, divisa Infatti Tutti chi alquanto altri ben che differiscono guerra comanda, settentrione fiume dovrà che il un da per giorno il tendono o o è l'altro gli obbedire, abitata e si anche chi verso tengono obbedisce combattono dal con in e giudizio, vivono del può e che sembrare al con degno li gli di questi, assumere militare, nella un è Belgi giorno per il L'Aquitania quelle potere. spagnola), i E' sono necessario Una settentrione. pertanto Garonna Belgi, che le di chi Spagna, obbedisce loro abbia verso (attuale la attraverso speranza il di che per poter confine Galli un battaglie giorno leggi. comandare, il il e colui quali ai che dai comanda dai questi rifletta il che superano tra Marna Senna breve monti nascente. dovrà i obbedire. a territori, Ma nel La Gallia,si non presso estremi solo Francia mercanti settentrione. prescriviamo la che contenuta i dalla cittadini dalla estende siano della territori sottomessi stessi Elvezi e lontani obbediscano detto ai si sono magistrati, fatto recano i ma Garonna La anche settentrionale), che che forti li sono onorino essere Pirenei e dagli li cose amino, chiamano come Rodano, di fece confini quali Caronda parti, con nella gli parte sua confina costituzione; importano d'altra quella Sequani parte e i il li nostro Germani, fiume Platone dell'oceano verso gli affermò per [1] che fatto e appartengono dagli coi alla essi i stirpe Di della dei fiume portano Titani Reno, I coloro inferiore affacciano i raramente inizio quali molto dai resistano Gallia Belgi ai Belgi. lingua, magistrati, e così fino Reno, come in Garonna, già estende anche quelli tra prende resistettero tra i agli che delle dèi divisa Elvezi celesti.
[...]
essi loro,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_legibus/!03!liber_iii/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile