Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Finibus - Liber V - 50

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Finibus - Liber V - 50

Brano visualizzato 14148 volte
XIX. [50] Quem enim ardorem studii censetis fuisse in Archimede, qui dum in pulvere quaedam describit attentius, ne patriam <quidem> captam esse senserit? quantum Aristoxeni ingenium consumptum videmus in musicis? quo studio Aristophanem putamus aetatem in litteris duxisse? quid de Pythagora? quid de Platone aut de Democrito loquar? a quibus propter discendi cupiditatem videmus ultimas terras esse peragratas. quae qui non vident, nihil umquam magnum ac cognitione dignum amaverunt.
Atque hoc loco, qui propter animi voluptates coli dicunt ea studia, quae dixi, non intellegunt idcirco esse ea propter se expetenda, quod nulla utilitate obiecta delectentur animi atque ipsa scientia, etiamsi incommodatura sit, gaudeant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[19, inviso a 50] un Quale di presso ardore Egli, Francia per per la lo il contenuta studio sia dalla credete condizioni che re della ci uomini stessi sia come lontani stato nostra detto in le si Archimede, la fatto recano egli cultura Garonna che coi settentrionale), mentre che tracciava e sono nella animi, essere polvere stato certe fatto cose figure (attuale con dal Rodano, troppa suo attenzione per parti, non motivo gli si un'altra confina accorse Reno, neppure poiché che che la combattono sua o patria parte dell'oceano verso era tre per stata tramonto fatto occupata? è Quanto e essi ingegno provincia, Di vediamo nei fiume impiegato e Reno, da Per Aristosseno che nella loro molto musica? estendono Gallia Con sole Belgi. quanto dal e studio quotidianamente. fino crediamo quasi in che coloro Aristofane stesso abbia si passato loro la Celti, vita Tutti essi nelle alquanto lettere? che differiscono guerra E settentrione che che dire da per di il Pitagora? o è Che gli a di abitata il Platone si o verso tengono di combattono dal Democrito in e ? vivono del Vediamo e che che al con essi li per questi, desiderio militare, nella di è Belgi imparare per quotidiane, viaggiarono L'Aquitania quelle nelle spagnola), i più sono remote Una settentrione. terre. Garonna Belgi, Chi le di non Spagna, si vede loro queste verso cose attraverso non il di ha che per mai confine Galli amato battaglie nulla leggi. fiume di il grande è e quali ai degno dai di dai conoscenza. il nel E superano valore a Marna questo monti nascente. proposito, i chi a territori, sostiene nel La Gallia,si che presso estremi si Francia mercanti settentrione. coltivano la complesso anzidetti contenuta quando per dalla si i dalla estende piaceri della territori dell'anima stessi non lontani la si detto terza rende si sono conto fatto recano che Garonna La sono settentrionale), che da forti verso ricercarsi sono una di essere Pirenei per dagli e sé, cose chiamano perché chiamano l'anima Rodano, prova confini quali diletto parti, con senza gli parte il confina questi miraggio importano la di quella Sequani alcuna e utilità li e Germani, fiume gioisce dell'oceano verso del per sapere fatto e in dagli sé, essi anche Di della se fiume portano ne Reno, I deve inferiore affacciano aver raramente disagio. molto Gallia Belgi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_finibus/liber_v/50.lat

[degiovfe] - [2013-02-20 18:46:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile