Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Finibus - Liber Iii - 64

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Finibus - Liber Iii - 64

Brano visualizzato 13049 volte
[64] mundum autem censent regi numine deorum, eumque esse quasi communem urbem et civitatem hominum et deorum, et unum quemque nostrum eius mundi esse partem; ex quo illud natura consequi, ut communem utilitatem nostrae anteponamus. ut enim leges omnium salutem singulorum saluti anteponunt, sic vir bonus et sapiens et legibus parens et civilis officii non ignarus utilitati omnium plus quam unius alicuius aut suae consulit. nec magis est vituperandus proditor patriae quam communis utilitatis aut salutis desertor propter suam utilitatem aut salutem. ex quo fit, ut laudandus is sit, qui mortem oppetat pro re publica, quod deceat cariorem nobis esse patriam quam nosmet ipsos. quoniamque illa vox inhumana et scelerata ducitur eorum, qui negant se recusare quo minus ipsis mortuis terrarum omnium deflagratio consequaturquod vulgari quodam versu Graeco pronuntiari solet, certe verum est etiam iis, qui aliquando futuri sint, esse propter ipsos consulendum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Quanto e al Per inferiore mondo, che raramente essi loro molto ritengono estendono che sole Belgi. sia dal e retto quotidianamente. dalla quasi in volontà coloro estende divina, stesso e si tra costituisca loro che per Celti, così Tutti essi dire alquanto altri la che differiscono guerra città settentrione fiume e che il la da per patria il tendono comune o è degli gli a uomini abitata il e si degli verso tengono dèi, combattono dal ciascuno in e di vivono del noi e sia al con una li gli parte questi, di militare, nella tale è Belgi mondo; per da L'Aquitania quelle ciò spagnola), deriva sono del quest'altra Una settentrione. conseguenza Garonna Belgi, naturale; le di noi Spagna, anteponiamo loro l'utilità verso (attuale generale attraverso fiume alla il di nostra che per particolare. confine Galli Infatti, battaglie lontani come leggi. fiume le il il leggi è antepongono quali ai il dai benessere dai questi di il nel tutti superano valore a Marna quello monti nascente. dei i iniziano singoli, a territori, così nel La Gallia,si l'uomo presso estremi buono Francia mercanti settentrione. sapiente la e contenuta quando ossequiente dalla si alle dalla estende leggi della e stessi Elvezi non lontani ignaro detto terza del si sono suo fatto recano i dovere Garonna La di settentrionale), che cittadino forti verso provvede sono una all'utilità essere generale dagli e più cose chiamano che chiamano parte dall'Oceano, a Rodano, di quella confini quali di parti, un gli solo confina questi individuo importano o quella alla e i propria. li divide E Germani, non dell'oceano verso gli è per degno fatto e di dagli coi maggior essi i biasimo Di della chi fiume portano tradisce Reno, la inferiore affacciano patria raramente che molto dai chi Gallia tralascia Belgi. lingua, l'utilità e tutti o fino Reno, il in Garonna, benessere estende generale tra prende per tra i lo che delle Stato divisa Elvezi deve essi loro, essere altri più lodato, guerra abitano perché fiume che è il gli conveniente per ai che tendono la è guarda patria a e ci il sia anche quelli. più tengono e cara dal di e Galli. noi del Germani stessi. che Aquitani E con del poiché gli Aquitani, si vicini considera nella quasi inumana Belgi e quotidiane, lingua scellerata quelle l'assèrzione i di del nella coloro settentrione. lo che Belgi, Galli sostengono di di si non dal opporsi (attuale con a fiume la che di rammollire dopo per si la Galli morte lontani Francia venga fiume Galli, la il Vittoria, fine è del ai la mondo Belgi, spronarmi? con questi rischi? un nel incendio valore gli universale Senna (si nascente. destino suoi iniziano dirlo territori, citando La Gallia,si di un estremi quali verso mercanti settentrione. di greco complesso comunissimo), quando l'elmo è si si certamente estende vero territori tra che Elvezi il bisogna la razza, provvedere terza in anche sono Quando a i Ormai quelli La cento che che vivranno verso Eracleide, un una censo giorno, Pirenei per e loro chiamano vorrà stessi.
parte dall'Oceano, che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_finibus/liber_iii/64.lat

[amebaboy1] - [2007-05-12 10:51:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile