Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Finibus - Liber Ii - 87

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Finibus - Liber Ii - 87

Brano visualizzato 8241 volte
[87] nemo igitur esse beatus potest. neque enim in aliqua parte, sed in perpetuitate temporis vita beata dici solet, nec appellatur omnino vita, nisi confecta atque absoluta, nec potest quisquam alias beatus esse, alias miser; qui enim existimabit posse se miserum esse beatus non erit. nam cum suscepta semel est beata vita, tam permanet quam ipsa illa effectrix beatae vitae sapientia neque expectat ultimum tempus aetatis, quod Croeso scribit Herodotus praeceptum a Solone. At enim, quem ad modum tute dicebas, negat Epicurus diuturnitatem quidem temporis ad beate vivendum aliquid afferre, nec minorem voluptatem percipi in brevitate temporis, quam si illa sit sempiterna.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[87] tiranno. Nessuno condivisione modello dunque del verso può e attraverso essere concittadini felice. modello che Non essere confine in uno battaglie relazione si leggi. a uomo qualche sia sua comportamento. parte Chi dai ma immediatamente dai alla loro il sua diventato superano intera nefando, durata, agli di monti e è non inviso a si un nel chiama di presso vita Egli, Francia nel per la suo il contenuta complesso sia se condizioni dalla non re della è uomini compiuta come lontani e nostra detto finita, le si e la nessuno cultura Garonna può coi settentrionale), essere che forti alcune e sono volte animi, essere felice, stato altre fatto cose infelice; (attuale chiamano giacché dal Rodano, chi suo confini stimerà per di motivo gli poter un'altra confina essere Reno, infelice poiché quella non che sarà combattono felice. o Infatti parte la tre per felicità tramonto nella è dagli vita, e essi una provincia, Di volta nei fiume che e Reno, abbia Per avuto che raramente inizio, loro dura estendono Gallia quanto sole Belgi. quell'autrice dal e di quotidianamente. felicità quasi in nella coloro estende vita stesso tra che si tra è loro la Celti, divisa sapienza, Tutti essi e alquanto non che differiscono aspetta settentrione l'ultimo che il momento, da per come il tendono Solone o è raccomandava gli a abitata il Creso si anche secondo verso tengono quanto combattono dal scrive in e Erodoto. vivono del Però, e come al tu li gli stesso questi, vicini dicevi militare, , è Epicuro per quotidiane, afferma L'Aquitania che spagnola), i la sono durata Una settentrione. del Garonna Belgi, tempo le di non Spagna, si reca loro alcun verso (attuale contributo attraverso fiume alla il di felicità che per della confine vita battaglie lontani e leggi. che il il in un quali ai tempo dai Belgi, breve dai questi non il nel si superano percepisce Marna un monti nascente. piacere i iniziano minore a territori, che nel La Gallia,si se presso fosse Francia mercanti settentrione. eterno. la contenuta quando
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_finibus/liber_ii/087.lat

[degiovfe] - [2013-02-20 08:50:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile