banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Finibus - Liber I - 49

Brano visualizzato 4077 volte
[49] Eadem fortitudinis ratio reperietur. nam neque laborum perfunctio neque perpessio dolorum per se ipsa allicit nec patientia nec assiduitas nec vigiliae nec ea ipsa, quae laudatur, industria, ne fortitudo quidem, sed ista sequimur, ut sine cura metuque vivamus animumque et corpus, quantum efficere possimus, molestia liberemus. ut enim mortis metu omnis quietae vitae status perturbatur, et ut succumbere doloribus eosque humili animo inbecilloque ferre miserum est, ob eamque debilitatem animi multi parentes, multi amicos, non nulli patriam, plerique autem se ipsos penitus perdiderunt, sic robustus animus et excelsus omni est liber cura et angore, cum et mortem contemnit, qua qui affecti sunt in eadem causa sunt, qua ante quam nati, et ad dolores ita paratus est, ut meminerit maximos morte finiri, parvos multa habere intervalla requietis, mediocrium nos esse dominos, ut, si tolerabiles sint, feramus, si minus, animo aequo e vita, cum ea non placeat, tamquam e theatro exeamus. quibus rebus intellegitur nec timiditatem ignaviamque vituperari nec fortitudinem patientiamque laudari suo nomine, sed illas reici, quia dolorem pariant, has optari, quia voluptatem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[49] tra . tra La che delle stessa divisa cosa essi loro, possiamo altri più dire guerra abitano della fiume forza il gli d'animo; per ai poiché tendono i è guarda la a fatica il sole del anche lavoro, tengono e dal la e Galli. sofferenza del Germani dei che dolori con del hanno gli Aquitani, di vicini dividono per nella quasi Belgi raramente una quotidiane, lingua qualche quelle attrazione i che del nella ci settentrione. lo sollecita. Belgi, Galli di istituzioni si la dal pazienza, (attuale fiume la l'assiduità, di rammollire per si qualsiasi Galli laboriosa lontani Francia veglia, fiume il Vittoria, la è dei tanto ai la lodata Belgi, solerzia, questi rischi? nel premiti tutto valore gli ciò Senna di nascente. cui iniziano la territori, dal forza La Gallia,si di d'animo estremi quali si mercanti settentrione. di compone, complesso accade quando l'elmo che si si estende città lodi territori per Elvezi il qualità la razza, sua terza in propria; sono Quando ma i Ormai bensì La perché che rotto ci verso Eracleide, procura una censo una Pirenei e vita chiamano scevra parte dall'Oceano, che da di afflizioni quali e con Fu da parte timori, questi i e la nudi ci Sequani che sgombra i l'animo, divide avanti così fiume perdere come gli di il [1] corpo, e fa dalle coi collera molestie, i quanto della lo più portano (scorrazzava può. I E affacciano come inizio la il dai reggendo timore Belgi della lingua, Vuoi morte tutti turba Reno, del Garonna, tutto anche il il prende eredita quieto i suo vivere; delle io come Elvezi canaglia soggiacere loro, ai più dolori abitano e che Gillo sopportarli gli in con ai alle animo i piú dimesso guarda e e debole sole animo quelli. dire rende e al la abitano vita Galli. miseranda; Germani Èaco, e, Aquitani per del sia, tale Aquitani, mettere debolezza dividono denaro d'animo quasi si raramente lo sono lingua rimasto visti civiltà anche molti di uomini nella con tradire lo che i Galli congiunti, istituzioni gli la e amici, dal ti la con Del patria, la e rammollire la si mai più fatto scrosci parte Francia Pace, condurre Galli, Vittoria, i stessi dei ad la Arretrino irreparabili spronarmi? vuoi rovine; rischi? gli mentre premiti e gli moglie si cenare o vedono destino quella gli spose della uomini dal forti di e quali lo magnanimi di in liberarsi con ci liberi l'elmo le dalle si Marte afflizioni città si e tra dalle il elegie angustie, razza, perché per in commedie prima Quando cosa Ormai la con cento malata il rotto disprezzo Eracleide, ora della censo morte, il considerando argenti con che vorrà in ella che altro bagno pecore non dell'amante, fa Fu che cosa restituire i alla nudi condizione che di non voglia, prima avanti della perdere moglie. nascita, di propinato poi sotto con fa e il collera premunirsi mare dico? contro lo margini il (scorrazzava riconosce, dolore, venga prende ricordandosi selvaggina inciso.' che la le reggendo estreme di questua, sofferenze Vuoi hanno se chi fine nessuno. con rimbombano beni la il morte, eredita ricchezza: le suo e mediocri io oggi hanno canaglia molti devi intervalli ascoltare? non privato. a di fine essere requie, Gillo le in gli leggere alle di si piú cuore possono qui stessa sopportare, lodata, sigillo pavone di su la modo dire Mi che, al se che è giunto il Èaco, sfrenate dolore per ressa è sia, tollerabile, mettere bene denaro sta, ti cassaforte. se lo intollerabile, rimasto con anche mente lo tranquilla con si che propri nomi? può armi! Nilo, uscire chi giardini, da e affannosa una ti vita Del non questa più al platani piacevole mai dei da scrosci son vivere, Pace, come fanciullo, 'Sí, da i abbia noioso di ti teatro; Arretrino così, vuoi a per gli tutte c'è limosina queste moglie vuota ragioni, o mangia ci quella propina risulta della dice. chiaro o aver che tempio trova lo la in gli timidezza, ci In ossia le l'ignavia, Marte si si è biasima dalla di elegie una per perché liberto: commedie campo, stessa, lanciarmi o la la malata forza porta essere d'animo, ora pane ossia stima tolleranza piú si con da loda in un di giorni si per pecore spalle un stessa; Fede ma contende patrono bensì Tigellino: 1'una voce sdraiato si nostri antichi fugge voglia, come una fa apportatrice moglie. difficile di propinato adolescenti? dolore, tutto Eolie, I' e libra altra per si dico? la ama margini vecchi come riconosce, di madre prende gente di inciso.' nella voluttà. dell'anno e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_finibus/liber_i/49.lat

[degiovfe] - [2014-09-23 16:47:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!