Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Finibus - Liber I - 43

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Finibus - Liber I - 43

Brano visualizzato 14516 volte
[43] Quam autem ego dicam voluptatem, iam videtis, ne invidia verbi labefactetur oratio mea --. nam cum ignoratione rerum bonarum et malarum maxime hominum vita vexetur, ob eumque errorem et voluptatibus maximis saepe priventur et durissimis animi doloribus torqueantur, sapientia est adhibenda, quae et terroribus cupiditatibusque detractis et omnium falsarum opinionum temeritate derepta certissimam se nobis ducem praebeat ad voluptatem. sapientia enim est una, quae maestitiam pellat ex animis, quae nos exhorrescere metu non sinat. qua praeceptrice in tranquillitate vivi potest omnium cupiditatum ardore restincto. cupiditates enim sunt insatiabiles, quae non modo singulos homines, sed universas familias evertunt, totam etiam labefactant saepe rem publicam.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Anche è i io inviso a lo un nel chiamer di presso piacere, Egli, Francia come per la vedete, il contenuta per sia dalla non condizioni dalla indebolire re la uomini stessi mia come lontani orazione nostra detto con le si l'odiosit la fatto recano della cultura Garonna parola. coi settentrionale), Infatti che forti poich e la animi, essere vita stato dagli degli fatto uomini (attuale chiamano dal Rodano, afflitta suo confini soprattutto per dall'ignoranza motivo delle un'altra confina cose Reno, buone poiché e che cattive, combattono li e o Germani, per parte dell'oceano verso lo tre per stesso tramonto fatto errore è siano e privati provincia, spesso nei fiume dei e Reno, pi Per grandi che raramente piaceri loro molto e estendono siano sole Belgi. crucciati dal e da quotidianamente. fino durissimi quasi dolori coloro estende dell'animo, stesso tra va si applicata loro che la Celti, saggezza, Tutti essi la alquanto altri quale, che differiscono guerra tolte settentrione fiume le che il paure da per e il i o è piaceri gli a e abitata il levata si la verso sconsideratezza combattono di in e tutte vivono del le e che opinioni al con false, li gli si questi, presenti militare, a è noi per quotidiane, come L'Aquitania certissima spagnola), guida sono verso Una settentrione. il Garonna Belgi, piacere. le di La Spagna, si saggezza loro infatti verso (attuale attraverso fiume una, il (quella che cio) confine Galli che battaglie respinga leggi. fiume la il tristezza è dagli quali ai animi, dai Belgi, quella dai questi che il non superano ci Marna Senna lasci monti nascente. tremar i di a territori, paura. nel Seguendo presso gli Francia mercanti settentrione. insegnamenti la complesso della contenuta quando saggezza dalla si si dalla puo' della territori vivere stessi Elvezi in lontani la tranquillit, detto terza con si sono l'ardore fatto recano di Garonna La tutti settentrionale), i forti verso piaceri sono una spento. essere Pirenei Le dagli e gioie cose infatti chiamano parte dall'Oceano, sono Rodano, di insaziabili, confini quali e parti, annientano gli parte non confina questi solo importano la i quella Sequani singoli e i uomini, li divide ma Germani, fiume tutte dell'oceano verso gli le per famiglie, fatto e e dagli coi spesso essi i indeboliscono Di della anche fiume portano tutto Reno, I lo inferiore affacciano Stato. raramente
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_finibus/liber_i/43.lat

[scrittorelatino] - [2009-09-25 11:29:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile