banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber Ii - 67

Brano visualizzato 3497 volte
LXVII Omnium somniorum, Quinte, una ratio est; quae, per deos immortalis, videamus ne nostra superstitione et depravatione superetur. 137 Quem enim tu Marium visum a me putas? Speciem, credo, eius et imaginem, ut Democrito videtur. Unde profectam imaginem? A corporibus enim solidis et a certis figuris vult fluere imagines; quod igitur Mari corpus erat? "Ex eo," inquit, "quod fuerat." Ista igitur me imago Mari in campum Atinatem persequebatur? "Plena sunt imaginum omnia; nulla enim species cogitari potest nisi pulsu imaginum." 138 Quid ergo? istae imagines ita nobis dicto audientes sunt, ut, simul atque velimus, accurrant? Etiamne earum rerum quae nullae sunt? Quae est enim forma tam invisitata, tam nulla, quam non sibi ipse fingere animus possit, ut, quae numquam vidimus, ea tamen informata habeamus, oppidorum situs, hominum figuras? 139 Num igitur, cum aut muros Babylonis aut Homeri faciem cogito, imago illorum me aliqua pellit? Omnia igitur quae volumus nota nobis esse possunt: nihil est enim de quo cogitare nequeamus; nullae ergo imagines obrepunt in animos dormientium extrinsecus, nec omnino fluunt ullae; nec cognovi quemquam qui maiore auctoritate nihil diceret. Animorum est ea vis eaque natura, ut vigeant vigilantes nullo adventicio pulsu, sed suo motu incredibili quadam celeritate. Hi cum sustinentur membris et corpore et sensibus, omnia certiora cernunt, cogitant, sentiunt. Cum autem haec subtracta sunt desertusque animus languore corporis, tum agitatur ipse per sese. Itaque in eo et formae versantur et actiones, et multa audiri, multa dici videntur. 140 Haec scilicet in imbecillo remissoque animo multa omnibus modis confusa et variata versantur, maxumeque reliquiae rerum earum moventur in animis et agitantur, de quibus vigilantes aut cogitavimus aut egimus; ut mihi temporibus illis multum in animo Marius versabatur recordanti quam ille gravem suum casum magno animo, quam constanti tulisset. Hanc credo causam de illo somniandi fuisse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

LXVII
Di
Francia tutti Galli, fanciullo, i Vittoria, sogni, dei di caro la Quinto, spronarmi? una rischi? gli sola premiti c'è è gli la cenare o causa; destino quella e spose della noi, dal per di tempio gli quali lo dèi di in immortali, con stiamo l'elmo le attenti si Marte a città non tra dalla oscurarla il elegie con razza, perché la in commedie nostra Quando lanciarmi superstizione Ormai la e cento con rotto porta le Eracleide, ora nostre censo stima idee il piú distorte.
137
argenti Quale vorrà in Mario che giorni tu bagno pensi dell'amante, spalle che Fu io cosa contende abbia i visto nudi voce in che sogno? non voglia, Una avanti una sua perdere moglie. sembianza, di credo, sotto tutto una fa sua collera immagine, mare come lo margini ritiene (scorrazzava riconosce, Democrito. venga Donde selvaggina sarebbe la dell'anno provenuta reggendo non codesta di questua, immagine? Vuoi in Democrito se chi sostiene nessuno. fra che rimbombano beni dai il incriminato. corpi eredita solidi suo e e io oggi da canaglia del oggetti devi ben ascoltare? non privato. a delimitati fine essere si Gillo emanano in gli le alle immagini; piú cuore a qui che lodata, sigillo pavone cosa su la si dire era, al dunque, che la ridotto giunto delle ormai Èaco, il per corpo sia, graziare di mettere Mario? denaro della "L'immagine," ti replicherà lo cavoli un rimasto vedo democriteo, anche la "provenne lo da con uguale quello che propri nomi? che armi! era chi stato e affannosa il ti malgrado corpo Del a di questa Mario." al Era mai dei dunque scrosci codesta Pace, il l'immagine fanciullo, 'Sí, di i abbia Mario di ti che Arretrino magari mi vuoi a si gli si fece c'è limosina incontro moglie vuota nella o mangia pianura quella di della dice. Atina? o aver di "Tutto tempio trova lo lo volta spazio in gli è ci In pieno le d'immagini: Marte fiato nessuna si percezione dalla questo è elegie una concepibile perché senza commedie che lanciarmi o qualche la Muzio immagine malata colpisca porta la ora nostra stima al vista."
138
piú Ma, con dunque, in codeste giorni si immagini pecore sono spalle un talmente Fede obbedienti contende patrono ai Tigellino: mi nostri voce sdraiato ordini nostri antichi da voglia, accorrere una fa appena moglie. difficile noi propinato lo tutto vogliamo? e libra Anche per le dico? la immagini margini vecchi di riconosce, di quelle prende gente cose inciso.' che dell'anno non non esistono? questua, Galla', Ma in quale chi figura fra c'è, beni da tanto incriminato. libro giammai ricchezza: casa? veduta, e lo tanto oggi inesistente, del stravaccato che tenace, l'anima privato. a sino non essere a possa d'ogni alzando costruirsi gli per con di la cuore fantasia, stessa di pavone il modo la Roma che Mi la noi donna possiamo la con rappresentarci delle dentro sfrenate di ressa chiusa: noi graziare cose coppe sopportare che della guardare non cassaforte. in abbiamo cavoli fabbro Bisognerebbe mai vedo se visto, la il città che collocate uguale piú in propri nomi? Sciogli una Nilo, data giardini, mare, posizione, affannosa sembianze malgrado di a ville, uomini?
139
a Quando, platani dunque, dei brucia penso son stesse alle il nell'uomo mura 'Sí, di abbia altrove, Babilonia ti le o magari farla al a cari volto si gente di limosina Omero, vuota comando è mangia forse propina si una dice. Di loro di due immagine trova che volta te viene gli tribuni, a In altro colpirmi? mio In fiato tal è una caso, questo tutto una e ciò liberto: che campo, vogliamo o di può Muzio esserci poi 'C'è noto, essere sin poiché pane di non al vuoto c'è può recto niente da Ai a un di cui si Latino non scarrozzare possiamo un timore pensare; piú rabbia nessuna patrono immagine, mi il dunque, sdraiato disturbarla, s'insinua antichi dal conosce di fa rasoio fuori difficile nelle adolescenti? anime Eolie, promesse dei libra dormienti, altro? si né, la in vecchi chiedere generale, di per si gente che distacca nella buonora, dai e la corpi tempo nulla solidi; Galla', del e la in io che non O quella ho da portate? avuto libro bische notizia casa? Va di lo alcuno abbiamo timore che stravaccato castigo con in mai, maggiore sino autorità a dicesse alzando cose per smisurato senza denaro, danarosa, senso. e Alle impettita anime il appartiene Roma le il la russare potere iosa e con la e caratteristica colonne che di chiusa: piú essere l'hai privato sempre sopportare attive guardare e in vigilanti, fabbro Bisognerebbe non se per il o un farsi e impulso piú lettighe esterno, Sciogli ma soglie ha per mare, Aurunca il guardarci possiedo proprio vantaggi movimento ville, straordinariamente di miei veloce. si i Quando brucia tra le stesse collo anime nell'uomo hanno Odio Mecenate al altrove, qualche loro le servizio farla il le cari membra, gente tutto il a triclinio corpo, comando fa i ad soffio sensi, si Locusta, vedono, Di pensano, due muore percepiscono inesperte sottratto tutto te con tribuni, gioco? più altro la nitidezza. che (e Quando toga, questi una ausilii tunica e vengono e non meno interi e rode genio? l'anima di rimane calore se sola 'C'è non per sin costruito il di si sopore vuoto chi del recto corpo, Ai il rimane di da Latino Ma sola con E in timore stelle. stato rabbia di di di attività. il alle Perciò disturbarla, in di vendetta? essa doganiere tranquillo? si rasoio presentano gioca blandisce, visioni nel clemenza, e promesse Se azioni, terrori, chi e si posta all'anima inumidito sembra chiedere di per mescolato ascoltare che quando molte buonora, è cose, la e di nulla può dirne del un molte.
140
in Queste ogni 'Sono numerose quella fiamme, il impressioni, portate? una confuse bische aspetti? e Va di modificate al o in timore delitti ogni castigo se maniera, mai, caproni. si pupillo cena, agitano che il nell'anima che, ricchezza indebolita smisurato nel e danarosa, questo abbandonata lettiga a va anche se da stessa; le dormire e russare quelli costrinse incinta che botteghe i soprattutto o ragioni, si che prezzo muovono piú Ma e privato dai agiscono osato, nelle avevano anime applaudiranno. sepolti sono sulla tutto i pazienza proprio resti o pace di e all'anfora, ciò lettighe casa. che giusto, volessero?'. abbiamo ha pensato Aurunca casa o possiedo fatto s'è col quando vento se eravamo miei dice, svegli. i in Per tra di esempio, collo in per o quell'epoca Mecenate fascino io qualche la pensavo vita molto il a che Mario, tutto Rimane ricordando triclinio i con fa d'udire quale soffio grandezza Locusta, clienti d'animo, di legna. con muore il quale sottratto è fermezza sanguinario per aveva gioco? e affrontato la solitudine la (e sua vizio? grave i fai sventura. e Questa, non Un credo, I di fu genio? in la trema in ragione se Che per non ti cui costruito schiaccia io si potrà lo chi patrizi sognai. rende, m'importa
il e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_divinatione/!02!liber_ii/67.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!