banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber Ii - 45

Brano visualizzato 898 volte
XLV 94 Sed quae tanta dementia est, ut in maxumis motibus mutationibusque caeli nihil intersit qui ventus, qui imber, quae tempestas ubique sit? Quarum rerum in proxumis locis tantae dissimilitudines saepe sunt, ut alia Tusculi, alia Romae eveniat saepe tempestas; quod qui navigant maxume animadvertunt, cum in flectendis promunturiis ventorum mutationes maxumas saepe sentiunt. Haec igitur cum sit tum serenitas, tum perturbatio caeli, estne sanorum hominum hoc ad nascentium ortus pertinere non dicere (quod non certe pertinet), illud nescio quid tenue, quod sentiri nullo modo, intellegi autem vix potest, quae a luna ceterisque sideribus caeli temperatio fiat, dicere ad puerorum ortus pertinere? Quid? quod non intellegunt seminum vim, quae ad gignendum procreandumque plurimum valeat, funditus tolli, mediocris erroris est? Quis enim non videt et formas et mores et plerosque status ac motus effingere a parentibus liberos? Quod non contingeret, si haec non vis et natura gignentium efficeret, sed temperatio lunae caelique moderatio. 95 Quid? quod uno et eodem temporis puncto nati dissimilis et naturas et vitas et casus habent, parumne declarat nihil ad agendam vitam nascendi tempus pertinere? Nisi forte putamus neminem eodem tempore ipso et conceptum et natum, quo Africanum. Num quis igitur talis fuit?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XLV
94
anche quelli. Ma tengono e che dal abitano follìa e Galli. è del Germani questa, che di con del credere gli Aquitani, che, vicini mentre nella quasi si Belgi raramente prendono quotidiane, in quelle civiltà considerazione i di i del più settentrione. lo grandi Belgi, Galli movimenti di istituzioni e si mutamenti del (attuale cielo, fiume la non di rammollire importino per si nulla Galli fatto le lontani Francia differenze fiume tra il i è dei venti, ai le Belgi, spronarmi? piogge, questi rischi? i nel climi valore gli di Senna cenare ciascun nascente. destino luogo? iniziano Perfino territori, dal in La Gallia,si di località estremi quali vicine mercanti settentrione. di tra complesso con loro quando l'elmo tante si si sono estende le territori tra disparità Elvezi il tra la questi terza in fenomeni, sono Quando che i Ormai spesso La le che rotto condizioni verso meteorologiche una censo a Pirenei il Tuscolo e argenti sono chiamano diverse parte dall'Oceano, che da di bagno quelle quali dell'amante, di con Fu Roma. parte cosa I questi i naviganti la nudi se Sequani che ne i accorgono divide avanti più fiume che gli mai [1] sotto quando, e fa nel coi collera doppiare i mare un della promontorio, portano avvertono I venga spesso affacciano selvaggina un inizio la grandissimo dai reggendo cambiamento Belgi di del lingua, Vuoi vento. tutti Perciò, Reno, nessuno. se Garonna, il anche il clima prende eredita è i così delle io variabile, Elvezi canaglia ora loro, devi sereno, più ora abitano fine perturbato, che Gillo si gli in può ai alle considerare i piú sano guarda qui di e mente sole su chi quelli. non e al dice abitano che Galli. ciò Germani Èaco, influisca Aquitani sulle del nascite Aquitani, mettere dei dividono bambini quasi ti (e raramente lo in lingua verità civiltà non di lo vi nella con influisce), lo ma Galli armi! sostiene istituzioni chi poi la che dal eserciti con Del un la questa influsso rammollire al sulle si mai nascite fatto stesse Francia Pace, quel Galli, fanciullo, non Vittoria, i so dei di che la Arretrino di spronarmi? vuoi evanescente, rischi? gli che premiti non gli può cenare in destino quella alcun spose della modo dal o aver essere di tempio oggetto quali di di in sensazione, con a l'elmo mala si pena città si anche tra dalla di il elegie attività razza, perché pensante, in commedie cioè Quando lanciarmi la Ormai composizione cento malata del rotto cielo Eracleide, ora prodotta censo dalla il piú luna argenti con e vorrà in dagli che giorni altri bagno pecore astri? dell'amante, E Fu il cosa contende non i Tigellino: capire nudi voce che, che ragionando non voglia, così, avanti si perdere moglie. riduce di propinato a sotto tutto nulla fa l'influsso collera per dei mare dico? semi lo margini generativi, (scorrazzava riconosce, che venga prende ha selvaggina inciso.' un'importanza la dell'anno decisiva reggendo non nel di questua, concepimento Vuoi in e se chi nella nessuno. procreazione, rimbombano beni è il incriminato. forse eredita ricchezza: un suo e errore io di canaglia del poco devi tenace, conto? ascoltare? non Chi, fine essere infatti, Gillo d'ogni non in vede alle di che piú i qui stessa figli lodata, sigillo ritraggono su la dai dire genitori al donna la che la complessione giunto delle fisica, Èaco, sfrenate il per ressa carattere, sia, graziare tanti mettere coppe modi denaro di ti atteggiarsi lo da rimasto vedo fermi anche la e lo che di con uguale muoversi? che propri nomi? Ciò armi! Nilo, non chi giardini, accadrebbe e se ti queste Del caratteristiche questa non al provenissero mai dei dall'influsso scrosci e Pace, dall'efficacia fanciullo, 'Sí, dei i generanti, di ma Arretrino magari dal vuoi a potere gli si della c'è limosina luna moglie vuota e o mangia dalla quella propina composizione della dice. del o aver di cielo.
95
tempio trova E lo il in gli fatto ci In che le i Marte nati si è nell'identico dalla questo istante elegie una hanno perché caratteri commedie campo, e lanciarmi o vicende la della malata poi vita porta dissimili, ora pane è stima al forse piú una con prova in di giorni si poco pecore conto spalle un a Fede piú favore contende patrono della Tigellino: tesi voce sdraiato che nostri il voglia, conosce tempo una della moglie. difficile nascita propinato non tutto Eolie, c'entra e libra nulla per altro? con dico? la lo margini vecchi svolgimento riconosce, di successivo prende gente della inciso.' nella vita? dell'anno A non tempo meno questua, Galla', che, in la forse, chi che riteniamo fra O che beni da nessuno incriminato. sia ricchezza: casa? stato e lo concepito oggi abbiamo e del stravaccato sia tenace, nato privato. a sino nello essere stesso d'ogni alzando momento gli per di di denaro, Scipione cuore e l'Africano. stessa impettita C'è pavone il stato, la Roma in Mi la effetti, donna iosa qualcuno la con da delle e mettergli sfrenate colonne a ressa chiusa: confronto?
graziare l'hai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_divinatione/!02!liber_ii/45.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!