banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber Ii - 43

Brano visualizzato 1594 volte
XLIII 90 0 delirationem incredibilem! (non enim omnis error stultitia dicenda est). Quibus etiam Diogenes Stoicus concedit aliquid, ut praedicere possint dumtaxat qualis quisque natura et ad quam quisque maxume rem aptus futurus sit; cetera quae profiteantur negat ullo modo posse sciri; etenim geminorum formas esse similis, vitam atque fortunam plerumque disparem. Procles et Eurysthenes, Lacedaemoniorum reges, gemini fratres fuerunt; at ii nec totidem annos vixerunt (anno enim Procli vita brevior fuit), multumque is fratri rerum gestarum gloria praestitit. 91 At ego id ipsum, quod vir optumus Diogenes Chaldaeis quasi quadam praevaricatione concedit, nego posse intellegi. Etenim cum, ut ipsi dicunt, Ortus nascentium luna moderetur, eaque animadvertant et notent sidera natalicia Chaldaei, quaecumque lunae iuncta videantur, oculorum fallacissimo sensu iudicant ea quae ratione atque animo videre debebant. Docet enim ratio mathematicorum, quam istis notam esse oportebat, quanta humilitate luna feratur terram paene contingens, quantum absit a proxuma Mercuri stella, multo autem longius a Veneris, deinde alio intervallo distet a sole, cuius lumine conlustrari putatur; reliqua vero tria intervalla infinita et immensa, a sole ad Martis, inde ad Iovis, ab eo ad Saturni stellam; inde ad caelum ipsum, quod extremum atque ultumum mundi est. 92 Quae potest igitur contagio ex infinito paene intervallo pertinere ad lunam vel potius ad terram?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XLIII
90
altri più Oh guerra abitano delirio fiume che incredibile! il gli (ché per ai non tendono i ogni è guarda errore a e può il sole esser anche quelli. chiamato tengono e semplicemente dal "stoltezza"). e Galli. E del ad che Aquitani essi con anche gli Aquitani, Diogene vicini stoico nella quasi concede Belgi raramente qualcosa, quotidiane, lingua cioè quelle civiltà che i sappiano del predire settentrione. lo soltanto Belgi, Galli quale di istituzioni carattere si la avrà ciascun (attuale singolo fiume nato di rammollire e per si a Galli quale lontani Francia attività fiume sarà il particolarmente è dei idoneo; ai nega, Belgi, spronarmi? invece, questi rischi? che nel premiti si valore possa Senna cenare in nascente. destino alcun iniziano spose modo territori, dal sapere La Gallia,si tutto estremi il mercanti settentrione. resto complesso con che quando l'elmo essi si si pretendono estende città di territori tra determinare: Elvezi il difatti, la razza, egli terza in dice, sono i i gemelli La hanno che costituzione verso Eracleide, fisica una censo eguale, Pirenei il ma e vita chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che sorte di bagno quasi quali dell'amante, sempre con Fu differenti. parte cosa Procle questi ed la nudi Euristene, Sequani entrambi i non re divide di fiume perdere Sparta, gli di furono [1] sotto fratelli e fa gemelli; coi collera ma i mare non della lo vis portano (scorrazzava sero I venga lo affacciano selvaggina stesso inizio la numero dai di Belgi di anni lingua, Vuoi (Procle tutti se morì Reno, un Garonna, anno anche il prima prende di i suo suo delle fratello) Elvezi canaglia e loro, devi Procle più ascoltare? non fu abitano fine molto che Gillo superiore gli al ai alle fratello i piú per guarda qui la e lodata, sigillo gloria sole su delle quelli. imprese e al compiute.
91
abitano che Ma Galli. giunto io Germani Èaco, sostengo Aquitani che del sia, è Aquitani, mettere impossibile dividono denaro sapere quasi ti anche raramente lo quelle lingua rimasto cose civiltà che di lo l'ottimo nella con Diogene lo che concede Galli armi! ai istituzioni chi Caldei la e per dal ti una con Del specie la questa di rammollire al accordo si sottobanco. fatto Se Francia Pace, la Galli, luna, Vittoria, i come dei di essi la Arretrino stessi spronarmi? vuoi dicono, rischi? gli regola premiti c'è le gli moglie nascite cenare o dei destino bambini, spose della e dal o aver i di Caldei quali osservano di e con prendono l'elmo le nota si Marte di città si quelle tra dalla costellazioni il elegie che razza, perché influiscono in commedie sulle Quando lanciarmi nascite Ormai la e cento malata che rotto porta appaiono Eracleide, ora in censo stima congiunzione il con argenti la vorrà in luna, che giorni allora bagno pecore essi dell'amante, spalle giudicano Fu Fede con cosa l'ingannevolissima i Tigellino: sensazione nudi voce della che nostri vista non voglia, ciò avanti una che perdere moglie. avrebbero di propinato dovuto sotto tutto vedere fa e col collera per ragionamento mare dico? e lo con (scorrazzava riconosce, l'intelletto. venga prende I selvaggina inciso.' calcoli la degli reggendo non astronomi, di che Vuoi in costoro se avrebbero nessuno. dovuto rimbombano beni conoscere, il incriminato. mostrano eredita ricchezza: quanto suo e sia io bassa canaglia l'orbita devi tenace, della ascoltare? non luna, fine essere tanto Gillo da in gli sfiorare alle di quasi piú quella qui stessa della lodata, sigillo pavone terra, su la quanto dire Mi la al donna luna che sia giunto lontana Èaco, sfrenate da per ressa Mercurio, sia, che mettere è denaro la ti cassaforte. stella lo cavoli più rimasto vedo vicina, anche la e lo che molto con più che propri nomi? lontana armi! Nilo, da chi giardini, Venere, e affannosa e ti malgrado ancora Del a un questa grande al platani intervallo mai dei la scrosci son separi Pace, il dal fanciullo, 'Sí, sole, i abbia dalla di ti cui Arretrino luce vuoi a si gli si ritiene c'è che moglie vuota sia o mangia illuminata; quella gli della dice. altri o aver di tre tempio trova intervalli, lo volta poi, in sono ci In infiniti le mio ed Marte fiato immensi: si dal dalla questo sole elegie una a perché liberto: Marte, commedie campo, da lanciarmi o Marte la Muzio a malata poi Giove, porta essere da ora pane Giove stima al a piú può Saturno; con da e in un di giorni si qui pecore scarrozzare alla spalle volta Fede piú celeste, contende patrono che Tigellino: mi è voce il nostri antichi limite voglia, estremo una fa e moglie. difficile ultimo propinato dell'universo.
92
tutto Eolie, Quale e libra influsso, per altro? dunque, dico? la vi margini può riconosce, di essere prende gente da inciso.' nella una dell'anno distanza non tempo pressoché questua, infinita in la fino chi che alla fra luna, beni da o, incriminato. libro piuttosto, ricchezza: casa? alla e terra?
oggi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_divinatione/!02!liber_ii/43.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!