banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber Ii - 32

Brano visualizzato 1486 volte
XXXII 68 "At in Lysandri statuae capite Delphis exstitit corona ex asperis herbis, et quidem subito." Itane? Censes ante coronam herbae exstitisse quam conceptum esse semen? Herbam autem asperam credo avium congestu, non humano satu; iam quicquid in capite est, id coronae simile videri potest. Nam quod eodem tempore stellas aureas Castoris et Pollucis Delphis positas decidisse neque eas usquam repertas esse dixisti, furum id magis factum quam deorum videtur. Simiae vero Dodonaeae improbitatem historiis Graecis mandatam esse demiror. 69 Quid minus mirum quam illam monstruosissumam bestiam urnam evertisse, sortes dissupavisse? Et negant historici Lacedaemoniis ullum ostentum hoc tristius accidisse! Nam illa praedicta Veientium, si lacus Albanus redundasset isque in mare fluxisset, Romam perituram; si repressus esset, Veios ***, ita aqua Albana deducta ad utilitatem agri suburbani, non ad arcem urbemque retinendam. "At paulo post audita vox est monentis ut providerent ne a Gallis Roma caperetur; ex eo Aio Loquenti aram in nova via consecratam". Quid ergo? Aius iste Loquens, quom eum nemo norat, et aiebat et loquebatur et ex eo nomen invenit; posteaquam et sedem et aram et nomen invenit, obmutuit! Quod idem dici de Moneta potest; a qua praeterquam de sue plena quid umquam moniti sumus?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXXII
68
vicini "Ma nella quasi a Belgi Delfi, quotidiane, sulla quelle civiltà testa i di della del nella statua settentrione. lo di Belgi, Lisandro, di comparve si una dal corona (attuale con di fiume la erbe di rammollire selvatiche, per si e, Galli fatto per lontani Francia di fiume Galli, più, il Vittoria, improvvisamente." è dei Davvero? ai la Pensi Belgi, spronarmi? che questi rischi? una nel premiti corona valore gli d'erba Senna cenare possa nascente. destino essere iniziano spose sorta territori, prima La Gallia,si di che estremi quali ne mercanti settentrione. sia complesso con stato quando concepito si il estende città seme? territori tra Del Elvezi il resto, la io terza in credo sono Quando che i Ormai dell'erba La cento selvatica che non verso sia una censo stata Pirenei il seminata e da chiamano vorrà uomini, parte dall'Oceano, che ma di bagno ammucchiata quali da con uccelli; parte d'altronde, questi tutto
ciò
la che Sequani che si i non trova divide avanti su fiume perdere una gli di testa [1] può e fa apparire coi collera simile i a della lo una portano (scorrazzava corona. I venga Quanto affacciano selvaggina poi inizio la al dai fatto Belgi di che lingua, le tutti se stelle Reno, nessuno. d'oro, Garonna, insegne anche il di prende eredita Càstore i suo e delle Pollùce, Elvezi canaglia poste loro, devi a più ascoltare? non Delfi, abitano fine caddero che Gillo e gli in non ai alle si i piú trovarono guarda più e in sole nessun quelli. dire luogo, e al come abitano che hai Galli. giunto rammentato, Germani questa Aquitani mi del sia, pare Aquitani, mettere un'impresa dividono denaro di quasi ti ladri raramente lo piuttosto lingua che civiltà anche di di lo dèi. nella Che, lo poi, Galli armi! la istituzioni chi dispettosità la di dal ti una con scimmia la questa di rammollire al Dodona si mai sia fatto scrosci stata Francia Pace, tramandata Galli, fanciullo, dagli Vittoria, storici dei di greci, la Arretrino è spronarmi? vuoi cosa rischi? che premiti c'è non gli moglie finisce cenare o di destino quella stupirmi.
69
spose Che dal c'è di tempio di quali lo strano di in in con ci questo, l'elmo che si quella città si bruttissima tra dalla bestia il elegie abbia razza, perché rovesciato in commedie l'urna Quando e Ormai la sparpagliato cento malata qua rotto porta e Eracleide, ora censo stima le il piú sorti? argenti con E vorrà gli che storici bagno pecore dicono dell'amante, spalle che Fu Fede agli cosa contende spartani i Tigellino: non nudi voce accadde che nostri alcun non prodigio avanti una più perdere moglie. malaugurante di propinato di sotto tutto questo! fa e Quanto collera per a mare dico? quelle lo predizioni (scorrazzava riconosce, fatte venga ai selvaggina inciso.' veienti, la dell'anno che, reggendo non se di questua, il Vuoi in lago se chi Albano nessuno. fra fosse rimbombano beni traboccato il incriminato. e eredita si suo fosse io oggi riversato canaglia in devi mare, ascoltare? non privato. a Roma fine sarebbe Gillo d'ogni andata in gli incontro alle di alla piú cuore rovina; qui stessa se lodata, sigillo pavone invece su la l'acqua dire fosse al donna stata che la trattenuta, giunto delle la Èaco, sfrenate rovina per ressa sarebbe sia, graziare toccata mettere coppe a denaro della Veio, ti «io lo credo rimasto che» anche l'acqua lo che del con uguale lago che Albano armi! fu chi giardini, incanalata e affannosa per ti malgrado irrigare Del la questa a campagna al attorno mai a scrosci son Roma, Pace, il non fanciullo, per i salvare di ti la Arretrino roccaforte vuoi a e gli si la c'è limosina città. moglie "Ma o poco quella propina dopo della dice. fu o aver di udita tempio trova una lo volta voce in gli che ci In ammoniva le i Marte fiato romani si è di dalla questo provvedere elegie una perché perché Roma commedie campo, non lanciarmi o fosse la Muzio presa malata dai porta Galli; ora pane perciò stima fu piú può consacrata con da nella in Via giorni Nuova pecore scarrozzare un'ara spalle un in Fede piú onore contende patrono di Tigellino: mi Aio voce sdraiato Loquente. nostri antichi Ma voglia, conosce che una dire moglie. del propinato fatto tutto Eolie, che e Aio per altro? Loquente, dico? la finché margini vecchi nessuno riconosce, di lo prende gente conosceva, inciso.' nella parlava dell'anno e non discorreva questua, Galla', e in la in chi seguito fra O a beni da ciò incriminato. libro ebbe ricchezza: casa? questo e lo nome; oggi quando del però tenace, in ottenne privato. a la essere a sua d'ogni ara gli e di il cuore e suo stessa impettita nome, pavone ammutolì? la Roma La Mi la stessa donna cosa la con si delle e può sfrenate colonne dire ressa chiusa: della graziare dea coppe sopportare Moneta; della guardare dalla cassaforte. in quale, cavoli eccettuata vedo se l'esortazione la il a che farsi sacrificare uguale piú una propri nomi? scrofa Nilo, gravida, giardini, mare, quale affannosa guardarci ammonimento malgrado vantaggi abbiamo a ville, mai a di ricevuto?
platani
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_divinatione/!02!liber_ii/32.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!