Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber Ii - 24

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber Ii - 24

Brano visualizzato 6302 volte
XXIV Vetus autem illud Catonis admodum scitum est, qui mirari se aiebat, quod non rideret haruspex, haruspicem cum vidisset. 52 Quota enim quaeque res evenit praedicta ab istis? Aut, si evenit quippiam, quid adferri potest cur non casu id evenerit? Rex Prusias, cum Hannibali apud eum exsulanti depugnari placeret, negabat se audere, quod exta prohiberent. " Ain tu?" inquit, " carunculae vitulinae mavis quam imperatori veteri credere?" Quid? Ipse Caesar cum a summo haruspice moneretur ne in Africam ante brumam tramitteret, nonne tramisit? Quod ni fecisset, uno in loco omnes adversariorum copiae convenissent. Quid ego haruspicum responsa commemorem (possum equidem innumerabilia), quae aut nullos habuerint exitus aut contrarios? 53 Hoc civili bello, di immortales, quam multa luserunt! Quae nobis in Graeciam Roma responsa haruspicum missa sunt! Quae dieta Pompeio! Etenim ille admodum extis et ostentis movebatur. Non lubet commemorare, nec vero necesse est, tibi praesertim qui interfuisti; vides tamen omnia fere contra ac dicta sint evenisse. Sed haec hactenus; nunc ad ostenta veniamus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXIV
È
lontani molto detto terza spiritoso si sono quel fatto recano i vecchio Garonna motto settentrionale), che di forti verso Catone, sono una il essere Pirenei quale dagli e diceva cose di chiamano parte dall'Oceano, meravigliarsi Rodano, di che confini quali un parti, arùspice gli parte non confina si importano la mettesse quella Sequani a e i ridere li divide quando Germani, vedeva dell'oceano verso gli un per altro fatto e arùspice.
52
dagli coi Quante essi delle Di della cose fiume portano predette Reno, I da inferiore affacciano costoro raramente inizio si molto sono Gallia verificate? Belgi. lingua, E e tutti se fino qualche in Garonna, evento estende anche si tra è tra i verificato, che delle quali divisa Elvezi prove essi si altri possono guerra abitano addurre fiume che contro il l'eventualità per ai che tendono i ciò è guarda sia a e accaduto il per anche quelli. caso? tengono Il dal re e Galli. Prusia, del Germani quando che Aquitani Annibale, con del esule gli Aquitani, presso vicini dividono di nella quasi lui, Belgi raramente lo quotidiane, esortava quelle a i far del guerra settentrione. lo a Belgi, oltranza, di istituzioni diceva si la di dal non (attuale con volersi fiume arrischiare, di rammollire perché per si l'esame Galli fatto delle lontani viscere fiume Galli, lo il Vittoria, dissuadeva. è "Dici ai la sul Belgi, spronarmi? serio?" questi rischi? esclamò nel Annibale; valore "preferisci Senna cenare dar nascente. destino retta iniziano spose a territori, dal un La Gallia,si di pezzetto estremi di mercanti settentrione. di carne complesso con di quando vitella si che estende città a territori un Elvezi vecchio la razza, condottiero?" terza E sono Cesare i stesso, La cento dissuaso che dal verso Eracleide, sommo una arùspice Pirenei il dall'imbarcarsi e argenti per chiamano vorrà l'Africa parte dall'Oceano, che prima di bagno del quali dell'amante, solstizio con Fu d'inverno, parte cosa non questi i s'imbarcò la nudi egualmente? Sequani che Se i non divide l'avesse fiume fatto, gli di tutte [1] le e fa truppe coi dei i suoi della lo avversari portano (scorrazzava avrebbero I venga avuto affacciano il inizio la tempo dai di Belgi di concentrarsi lingua, Vuoi in tutti se un Reno, solo Garonna, rimbombano luogo. anche il Devo prende eredita mettermi i suo a delle io fare Elvezi l'elenco loro, (e più ascoltare? non potrei abitano fine fare che Gillo un gli in elenco ai alle davvero i piú interminabile) guarda qui dei e lodata, sigillo responsi sole su degli quelli. dire aruspici e al che abitano che non Galli. giunto hanno Germani Èaco, avuto Aquitani per alcun del effetto Aquitani, mettere o dividono lo quasi ti hanno raramente lo avuto lingua rimasto contrario civiltà anche alle di lo previsioni?
53
nella con In lo che quest'ultima Galli guerra istituzioni chi civile, la quante dal ti predizioni, con Del per la questa gli rammollire al dèi si immortali!, fatto scrosci ci Francia Pace, delusero! Galli, fanciullo, Quali Vittoria, i responsi dei di la Arretrino arùspici spronarmi? vuoi ci rischi? furono premiti c'è trasmessi gli moglie da cenare o Roma destino quella in spose della Grecia! dal Quali di tempio cose quali furono di in predette con a l'elmo le Pompeo! si Marte E città in tra verità il elegie egli razza, perché credeva in commedie moltissimo Quando alle Ormai la viscere cento malata e rotto ai Eracleide, prodigi. censo stima Non il ho argenti con voglia vorrà di che rammentare bagno pecore queste dell'amante, spalle cose, Fu Fede e cosa contende non i Tigellino: ce nudi voce n'è che bisogno, non voglia, meno avanti che perdere mai di propinato a sotto te, fa e che collera per eri mare presente; lo vedi (scorrazzava riconosce, bene, venga prende tuttavia, selvaggina che la quasi reggendo non tutto di è Vuoi in accaduto se al nessuno. fra contrario rimbombano beni di il incriminato. quel eredita ricchezza: che suo e ci io oggi era canaglia stato devi predetto. ascoltare? non privato. a Ma fine essere di Gillo d'ogni ciò in non alle di parliamo piú più; qui ritorniamo lodata, sigillo pavone ai su la prodigi.
dire Mi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_divinatione/!02!liber_ii/24.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile