banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber Ii - 14

Brano visualizzato 2304 volte
XIV 33 Haec observari certe non potuerunt, ut supra docui. Sunt igitur artis inventa, non vetustatis, si est ars ulla rerum incognitarum; cum rerum autem natura quam cognationem habent? Quae ut uno consensu iuncta sit et continens (quod video placuisse physicis, eisque maxume, qui omne, quod esset, unum esse dixerunt), quid habere mundus potest cum thesauri inventione coniunctum? Si enim extis pecuniae mihi amplificatio ostenditur idque fit natura, primum exta sunt coniuncta mundo, deinde meum lucrum natura rerum continetur. Nonne pudet physicos haec dicere? Ut enim iam sit aliqua in natura rerum contagio, quam esse concedo (multa enim Stoici conligunt; nam et musculorum iecuscula bruma dicunt augeri, et puleium aridum florescere brumali ipso die et inflatas rumpi vesiculas, et semina malorum, quae in iis mediis inclusa sint, in contrarias partis se vertere; iam nervos in fidibus aliis pulsis resonare alios, ostreisque et conchylus omnibus contingere ut cum luna pariter crescant pariterque decrescant, arboresque ut hiemali tempore cum luna simul senescente, quia tum exsiccatae sint, tempestive caedi putentur; 34 quid de fretis aut de marinis aestibus plura dicam, quorum accessus et recessus lunae motu gubernantur? Sescenta licet eiusdem modi proferri, ut distantium rerum cognatio naturalis appareat) - demus hoc: nihil enim huic disputationi adversatur; num etiam, si fissum cuiusdam modi fuerit in iecore, lucrum ostenditur? Qua ex coniunctione naturae et quasi concentu atque consensu, quam sumpa/qeian Graeci appellant, convenire potest aut fissum iecoris cum lucello meo aut meus quaesticulus cum caelo, terra rerumque natura?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XIV
33
e lodata, sigillo Tutte sole su queste quelli. cose e al non abitano hanno Galli. giunto potuto Germani Èaco, essere Aquitani per osservate del sia, con Aquitani, mettere costanza, dividono denaro come quasi ti ho raramente lo dimostrato lingua rimasto sopra. civiltà anche Sono di lo dunque nella ritrovati lo della Galli armi! tecnica, istituzioni chi non la e dell'antichità, dal ti se con pure la esiste rammollire al una si mai tecnica fatto scrosci riguardante Francia cose Galli, sconosciute. Vittoria, Con dei la la Arretrino natura, spronarmi? vuoi poi, rischi? gli quale premiti legame gli moglie hanno? cenare o Anche destino quella ammettendo spose della che dal o aver la di tempio natura quali lo sia di in tutta con ci unita l'elmo le da si Marte un città comune tra dalla consenso il e razza, perché formi in commedie un Quando lanciarmi tutto Ormai continuo cento malata (so rotto che Eracleide, questa censo concezione il piú è argenti con gradita vorrà in ai che filosofi bagno della dell'amante, natura, Fu Fede e cosa contende specialmente i a nudi voce quelli che nostri che non hanno avanti una sostenuto perdere moglie. l'unità di propinato di sotto tutto tutto fa e l'essere), collera per che mare connessione lo margini può (scorrazzava riconosce, esserci venga prende tra selvaggina inciso.' il la mondo reggendo e di questua, il Vuoi ritrovamento se chi di nessuno. un rimbombano tesoro? il incriminato. Se eredita l'esame suo e delle io oggi viscere canaglia del mi devi fa ascoltare? non privato. a sperare fine un Gillo aumento in gli del alle di mio piú patrimonio qui e lodata, sigillo pavone ciò su la avviene dire Mi per al effetto che la della giunto delle natura, Èaco, in per ressa primo sia, luogo mettere coppe quelle denaro della viscere ti cassaforte. sono lo cavoli connesse rimasto vedo con anche la tutto lo che l'universo, con uguale in che secondo armi! luogo chi giardini, il e mio ti malgrado guadagno Del è questa incluso al platani nella mai dei natura. scrosci Questi Pace, il filosofi fanciullo, della i abbia natura di non Arretrino si vuoi a vergognano gli di c'è dire moglie vuota cose o mangia simili? quella propina Anche della dice. se o aver di nella tempio natura lo volta vi in è ci In una le connessione Marte di si tutte dalla questo le elegie una parti, perché liberto: cosa commedie campo, che lanciarmi io la sono malata poi disposto porta a ora pane riconoscere stima al (gli piú stoici, con da in in un effetti, giorni si hanno pecore raccolto spalle un molti Fede piú esempi contende a Tigellino: mi favore voce di nostri questa voglia, tesi: una fa dicono moglie. difficile che propinato adolescenti? i tutto Eolie, fegatini e libra dei per topolini dico? la aumentano margini vecchi di riconosce, volume prende nell'inverno; inciso.' che dell'anno il non puleggio questua, Galla', arido in la fiorisce chi che proprio fra O nel beni da giorno incriminato. libro del ricchezza: solstizio e lo d'inverno oggi abbiamo e del stravaccato che tenace, le privato. a vescichette essere a si d'ogni gonfiano gli e di denaro, si cuore rompono, stessa impettita e pavone il che la Roma i Mi semi donna iosa delle la mele, delle e racchiusi sfrenate colonne nell'interno ressa dei graziare frutti, coppe sopportare si della guardare rivolgono cassaforte. verso cavoli direzioni vedo opposte la gli che farsi uni uguale agli propri nomi? Sciogli altri; Nilo, soglie che, giardini, mare, inoltre, affannosa guardarci se malgrado si a ville, pizzicano a alcune platani si corde dei della son cetra, il nell'uomo altre 'Sí, Odio risuonano abbia altrove, anch'esse; ti le che magari farla alle a ostriche si e limosina a vuota comando tutti mangia ad i propina molluschi dice. accade di due di trova inesperte ingrossarsi volta te e gli tribuni, di In altro diminuire mio che di fiato volume è contemporaneamente questo tunica al una e crescere liberto: interi e campo, rode al o di calare Muzio calore della poi 'C'è luna; essere che pane di si al vuoto ritiene può recto adatta da per un di il si taglio scarrozzare con degli un timore alberi piú rabbia la patrono di stagione mi il invernale, sdraiato disturbarla, nel antichi periodo conosce doganiere in fa rasoio cui difficile gioca la adolescenti? nel luna Eolie, è libra terrori, calante, altro? perché la inumidito il vecchi chiedere loro di per legno gente che è nella allora e la ben tempo nulla secco;
34
Galla', e la in che che ogni dire O ancora da degli libro bische stretti casa? Va marini lo al e abbiamo timore delle stravaccato maree, in mai, il sino pupillo cui a flusso alzando e per smisurato riflusso denaro, danarosa, è e determinato impettita va dai il moti Roma le della la luna? iosa costrinse Si con botteghe possono e citare colonne che innumerevoli chiusa: piú esempi l'hai privato da sopportare osato, cui guardare avevano risulta in applaudiranno. l'affinità fabbro Bisognerebbe naturale se pazienza di il o cose farsi e distanti piú tra Sciogli giusto, loro) soglie ha - mare, concediamo, guardarci possiedo dunque, vantaggi s'è tutto ville, vento ciò, di miei ché si i non brucia ne stesse risulta nell'uomo per ostacolata Odio Mecenate la altrove, qualche mia le vita discussione; farla ma cari che si gente tutto può a forse comando anche ad sostenere si che, Di se due una inesperte fenditura te sanguinario d'un tribuni, certo altro la tipo che si toga, vizio? nota una i in tunica e un e non fegato, interi ciò rode genio? è di trema presagio calore di 'C'è non un sin costruito guadagno? di In vuoto chi base recto rende, a Ai il quale di sbrigami, connessione Latino Ma naturale, con E a timore stelle. quale rabbia fanno armonia di di e, il alle per disturbarla, ad così di dire, doganiere tranquillo? a rasoio con quale gioca blandisce, consenso nel clemenza, (che promesse i terrori, chi greci si posta chiamano inumidito sympátheia) chiedere l'ascolta, vi per può che quando essere buonora, una la e relazione nulla fra del una in fenditura ogni 'Sono d'un quella fegato portate? una e bische un Va di mio al o guadagnuccio, timore delitti fra castigo se un mai, mio pupillo cena, meschino che lucro che, ricchezza e smisurato nel il danarosa, questo cielo, lettiga i la va anche terra, da degli la le natura russare tutta costrinse incinta quanta?
botteghe
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_divinatione/!02!liber_ii/14.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!