banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber Ii - 13

Brano visualizzato 1874 volte
XIII 30 Democritus tamen non inscite nugatur, ut physicus, quo genere nihil adrogantius:

"quod est ante pedes nemo spectat, caeli scrutantur plagas".

Verum is tamen habitu extorum et colore declarari censet haec dumtaxat: pabuli genus et earum rerum, quas terra procreet, vel ubertatem vel tenuitatem; salubritatem etiam aut pestilentiam extis significari putat. 0 mortalem beatum, cui certo scio ludum numquam defuisse! Huncine hominem tantis delectatum esse nugis, ut non videret tum futurum id veri simile, si omnium pecudum exta eodem temporem eundem habitum se coloremque converterent? Sed si eadem hora aliae pecudis iecur nitidum atque plenum est, aliae horridum et exile, quid est quod declarari possit habitu extorum et colore? 31 An hoc eiusdem modi est quale Pherecydeum illud quod est a te dictum, qui, cum aquam ex puteo vidisset haustam, terrae motum dixit futurum? Parum, credo, impudenter, quod, cum factus est motus, dicere audent quae vis id effecerit; etiamne futurum esse aquae iugis colore praesentiunt? Multa istius modi dicuntur in scholis, sed credere omnia vide ne non sit necesse. 32 Verum sint sane ista Democritea vera; quando ea nos extis exquirimus? Aut quando aliquid eius modi ab haruspice inspectis extis audivimus? Ab aqua aut ab igni pericula monent; tum hereditates, tum damna denuntiant; fissum familiare et vitale tractant; caput iecoris ex omni parte diligentissume considerant; si vero id non est inventum, nihil putant accidere potuisse tristius.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XIII
30
che Democrito, verso tuttavia, una molto Pirenei il spiritosamente e argenti vuol chiamano prenderci parte dall'Oceano, che in di bagno giro, quali dell'amante, da con filosofo parte cosa della questi i natura la nudi quale Sequani che è; i nulla divide avanti di fiume perdere più gli arrogante [1] sotto di e fa questa coi collera gente: i mare "Nessuno della lo bada portano (scorrazzava a I venga ciò affacciano selvaggina che inizio la ha dai reggendo davanti Belgi di ai lingua, Vuoi piedi; tutti scrutano Reno, nessuno. le Garonna, rimbombano plaghe anche il del prende cielo!" i E delle io intanto, Elvezi canaglia anche loro, devi Democrito più ascoltare? non ritiene abitano che che l'aspetto gli e ai il i colore guarda qui delle e viscere sole su ci quelli. dire indichino e al almeno abitano che la Galli. giunto qualità Germani Èaco, di Aquitani un del sia, pascolo Aquitani, e dividono l'abbondanza quasi o raramente lo la lingua scarsità civiltà anche di di lo un nella con raccolto; lo che crede Galli anche istituzioni che la e le dal ti viscere con denotino la questa la rammollire al salubrità si mai dell'aria fatto o Francia Pace, il Galli, sopraggiungere Vittoria, i di dei di una la Arretrino pestilenza. spronarmi? vuoi Fortunato rischi? gli mortale, premiti a gli moglie cui, cenare ne destino quella sono spose della sicuro, dal o aver non di tempio mancò quali mai di in la con ci voglia l'elmo le di si Marte scherzare! città si È tra dalla mai il elegie possibile razza, che in un Quando lanciarmi tale Ormai la uomo cento malata si rotto porta sia Eracleide, ora divertito censo stima a il piú spacciare argenti sciocchezze vorrà in così che giorni grosse, bagno pecore fino dell'amante, al Fu Fede punto cosa contende da i Tigellino: non nudi vedere che nostri che non quella avanti una asserzione perdere moglie. sarebbe di stata sotto tutto verosimile fa e soltanto collera per se mare le lo viscere (scorrazzava riconosce, di venga prende tutti selvaggina inciso.' gli la animali reggendo non avessero di questua, assunto Vuoi contemporaneamente se chi lo nessuno. fra stesso rimbombano aspetto il incriminato. e eredita ricchezza: lo suo e stesso io oggi colore? canaglia del Ma devi tenace, se ascoltare? non privato. a nello fine essere stesso Gillo d'ogni momento in gli il alle di fegato piú cuore di qui stessa un lodata, sigillo pavone animale su la è dire nitido al donna e che la tondeggiante, giunto delle quello Èaco, di per ressa un sia, graziare altro mettere coppe è denaro grinzoso ti e lo cavoli minuscolo, rimasto vedo che anche la cosa lo si con uguale può che prevedere armi! Nilo, in chi giardini, base e affannosa all'aspetto ti malgrado e Del a al questa colore al platani delle mai dei viscere?
31
scrosci O Pace, il forse fanciullo, 'Sí, questo i modo di ti di Arretrino divinazione vuoi a è gli analogo c'è a moglie quello o mangia di quella propina Ferecide della da o aver te tempio trova ricordato, lo volta il in gli quale, ci avendo le mio osservato Marte un si po' dalla questo d'acqua elegie una attinta perché liberto: da commedie campo, un lanciarmi pozzo, la Muzio disse malata che porta essere vi ora sarebbe stima stato piú può un con terremoto? in un È giorni si ancora pecore scarrozzare troppo spalle poco Fede piú sfacciato, contende patrono credo, Tigellino: mi il voce sdraiato comportamento nostri antichi di voglia, conosce quelli una che, moglie. difficile a propinato terremoto tutto già e avvenuto, per altro? osano dico? dire margini vecchi quale riconosce, di forza prende gente naturale inciso.' nella lo dell'anno e abbia non tempo provocato; questua, costoro in la prevedono chi che addirittura fra O un beni terremoto incriminato. libro futuro, ricchezza: in e lo base oggi abbiamo al del colore tenace, in di privato. a una essere sorgente d'ogni alzando d'acqua gli per perenne? di Molte cuore cose stessa di pavone questo la Roma genere Mi la si donna iosa insegnano la con nelle delle scuole, sfrenate colonne ma ressa chiusa: ti graziare l'hai consiglierei coppe sopportare di della guardare riflettere cassaforte. in se cavoli sia vedo se il la caso che di uguale credere propri nomi? Sciogli a Nilo, tutte.
32
giardini, mare, Ma affannosa guardarci ammettiamo malgrado vantaggi pure a ville, che a di quelle platani si asserzioni dei di son stesse Democrito il nell'uomo siano 'Sí, Odio vere: abbia altrove, quando ti le mai magari farla noi a cari investighiamo si gente quelle limosina a cose vuota comando mediante mangia le propina si viscere? dice. Di o di due quando trova abbiamo volta te sentito gli dire In altro che mio che un fiato toga, presagio è di questo tunica quel una e genere liberto: interi sia campo, rode stato o annunciato Muzio calore da poi 'C'è un essere arùspice pane di dopo al vuoto aver può recto osservato da le un viscere? si Essi scarrozzare con ammoniscono un timore su piú rabbia pericoli patrono di derivanti mi il dall'acqua sdraiato disturbarla, o antichi di dal conosce fuoco; fa predicono difficile gioca talvolta adolescenti? nel delle Eolie, promesse eredità, libra terrori, talaltra altro? si dei la inumidito dissesti vecchi chiedere finanziari; di per esaminano gente le nella buonora, fenditure e la "familiari" tempo nulla e Galla', del "vitali" la delle che viscere; O quella osservano da da libro bische ogni casa? Va parte lo al con abbiamo la stravaccato massima in mai, attenzione sino pupillo la a che "testa" alzando che, del per smisurato fegato; denaro, danarosa, se, e poi, impettita va notano il che Roma le essa la russare è iosa mancante, con ritengono e che colonne che nulla chiusa: possa l'hai privato accadere sopportare osato, di guardare avevano più in applaudiranno. nefasto.
fabbro Bisognerebbe
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_divinatione/!02!liber_ii/13.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!