Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber Ii - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber Ii - 9

Brano visualizzato 13883 volte
IX 22 Atque ego ne utilem quidem arbitror esse nobis futurarum rerum scientiam. Quae enim vita fuisset Priamo, si ab adulescentia scisset quos eventus senectutis esset habiturus? Abeamus a fabulis, propiora videamus. Clarissimorum hominum nostrae civitatis gravissimos exitus in Consolatione conlegimus. Quid igitur? Ut omittamus superiores, Marcone Crasso putas utile fuisse tum, cum maxumis opibus fortunisque florebat, scire sibi interfecto Publio filio exercituque deleto trans Euphratem cum ignominia et dedecore esse pereundum? An Cn. Pompeium censes tribus suis consulatibus, tribus triumphis, maximarum rerum gloria laetaturum fuisse, si sciret se in solitudine Aegyptiorum trucidatum iri amisso exercitu, post mortem vero ea consecutura, quae sine lacrimis non possumus dicere? 23 Quid vero Caesarem putamus, si divinasset fore ut in eo senatu quem maiore ex parte ipse cooptasset, in curia Pompeia, ante ipsius Pompei sirnulacrum, tot centurionibus suis inspectantibus, a nobilissumis civibus, partim etiam a se omnibus rebus ornatis, trucidatus ita iaceret, ut ad eius corpus non modo amicorum, sed ne servorum quidem quisquam accederet, quo cruciatu animi vitam acturum fuisse? Certe igitur ignoratio futurorum malorum utilior est quam scientia. 24 Nam illud quidem dici, praesertim a Stoicis, nullo modo potest: "Non isset ad arma Pompeius, non transisset Crassus Euphratem, non suscepisset bellum civile Caesar." Non igitur fatalis exitus habuerunt. Vultis autem evenire omnia fato: nihil ergo illis profuisset divinare; atque etiam omnem fructum vitae superioris perdidissent; quid enim posset iis esse laetum exitus suos cogitantibus? Ita, quoquo sese verterint Stoici, iaceat necesse est omnis eorum sollertia. Si enim id, quod eventurum est, vel hoc vel illo modo potest evenire, fortuna valet plurimum; quae autem fortuita sunt, certa esse non possunt. Sin autem certum est quid quaque de re quoque tempore futurum sit, quid est quod me adiuvent haruspices, cum res tristissumas portendi dixerunt,


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

IX
22
quali lo D'altronde, di in io con ci credo l'elmo che si Marte la città conoscenza tra dalla del il elegie futuro razza, perché non in commedie ci Quando sia Ormai nemmeno cento utile. rotto porta Che Eracleide, ora vita censo sarebbe il piú stata argenti con quella vorrà in di che giorni Priamo, bagno pecore se dell'amante, spalle fin Fu Fede da cosa contende giovane i Tigellino: avesse nudi voce saputo che nostri che non voglia, cosa avanti gli perdere moglie. sarebbe di propinato toccato sotto tutto da fa e vecchio? collera Lasciamo mare dico? da lo margini parte (scorrazzava riconosce, le venga leggende, selvaggina inciso.' vediamo la dell'anno fatti reggendo non più di questua, vicini Vuoi in a se chi noi. nessuno. Nella rimbombano beni Consolazione il incriminato. ho eredita ricchezza: raccolto suo e i io più canaglia del gravi devi tenace, casi ascoltare? non privato. a di fine essere morte Gillo dei in personaggi alle di più piú cuore famosi qui stessa della lodata, sigillo nostra su la patria. dire Ebbene, al donna omettiamo che i giunto più Èaco, sfrenate antichi. per ressa Ma sia, graziare credi mettere coppe che denaro della a ti Marco lo Crasso rimasto sarebbe anche la stato lo utile, con uguale quando che propri nomi? era armi! Nilo, al chi giardini, colmo e della ti malgrado ricchezza Del e questa a della al platani fortuna, mai sapere scrosci che, Pace, il dopo fanciullo, 'Sí, aver i assistito di all'uccisione Arretrino di vuoi a suo gli si figlio c'è limosina Publio moglie vuota e o alla quella propina distruzione della dice. del o aver di suo tempio esercito, lo avrebbe in gli dovuto ci egli le mio stesso Marte fiato morire, si è al dalla di elegie una perché dell'Eufrate, commedie campo, con lanciarmi o ignominia la e malata poi disonore? porta essere O ora ritieni stima al che piú può Gneo con Pompeo in un si giorni si sarebbe pecore scarrozzare allietato spalle un dei Fede suoi contende patrono tre Tigellino: mi consolati, voce dei nostri tre voglia, conosce trionfi, una della moglie. gloria propinato acquistatasi tutto Eolie, con e libra le per più dico? la grandi margini vecchi imprese, riconosce, di se prende gente avesse inciso.' nella saputo dell'anno e che, non tempo abbandonato questua, da in tutti chi in fra terra beni da egiziana, incriminato. libro sarebbe ricchezza: stato e trucidato oggi dopo del la tenace, in disfatta privato. a sino del essere a suo d'ogni alzando esercito, gli per e di denaro, che cuore dopo stessa la pavone il sua la morte Mi la sarebbero donna iosa accadute la cose delle e che sfrenate colonne non ressa riesco graziare a coppe sopportare rammentare della guardare senza cassaforte. piangere?
23
cavoli fabbro Bisognerebbe E vedo Cesare? la il Se che farsi mediante uguale piú la propri nomi? Sciogli divinazione Nilo, avesse giardini, mare, saputo affannosa guardarci che malgrado vantaggi in a ville, quel a di senato platani si che dei brucia per son stesse la il maggior 'Sí, Odio parte abbia altrove, aveva ti le riempito magari farla di a cari suoi si gente fedeli limosina da vuota comando lui mangia ad nominati, propina nella dice. Di curia di di trova inesperte Pompeo, volta te proprio gli tribuni, dinanzi In alla mio statua fiato toga, di è una Pompeo, questo tunica sotto una e gli liberto: interi occhi campo, rode dei o di suoi Muzio calore centurioni, poi 'C'è sarebbe essere sin stato pane di trucidato al vuoto da può recto eminentissimi da Ai cittadini, un alcuni si Latino dei scarrozzare con quali un timore egli piú rabbia stesso patrono aveva mi il colmato sdraiato disturbarla, di antichi di onori
d'ogni
conosce doganiere sorta, fa rasoio e difficile sarebbe adolescenti? rimasto Eolie, promesse libra terrori, al altro? suolo, la inumidito senza vecchi chiedere che di per al gente che suo nella buonora, corpo e la non tempo nulla si Galla', avvicinasse la in non che solo O quella nessuno da portate? dei libro suoi casa? amici, lo ma abbiamo timore nemmeno stravaccato castigo dei in mai, suoi sino pupillo schiavi, a che - alzando con per smisurato quale denaro, danarosa, angoscia e lettiga avrebbe impettita va trascorso il da tutta Roma le la la russare vita? iosa costrinse Dunque con botteghe il e o non colonne che sapere chiusa: piú i l'hai privato mali sopportare osato, futuri guardare è in applaudiranno. certamente fabbro Bisognerebbe sulla più se utile il che farsi e il piú lettighe saperli.
24
Sciogli Ché soglie ha in mare, Aurunca nessun guardarci modo vantaggi s'è si ville, può di miei dire, si e brucia meno stesse che nell'uomo per mai Odio Mecenate lo altrove, qualche possono le vita gli farla il stoici: cari che "Pompeo gente tutto non a triclinio avrebbe comando fa preso ad le si armi, Di di Crasso due non inesperte avrebbe te sanguinario attraversato tribuni, l'Eufrate, altro la Cesare che (e non toga, vizio? avrebbe una i scatenato tunica e la e non guerra interi I civile." rode genio? Ciò di trema vorrebbe calore se dire 'C'è non che sin costruito le di si loro vuoto chi morti recto rende, non Ai erano di sbrigami, fissate Latino dal con E fato. timore stelle. Ma rabbia fanno voi di sostenete il alle che disturbarla, ad tutto di vendetta? accade doganiere secondo rasoio con il gioca fato: nel a promesse Se niente, terrori, chi dunque, si posta sarebbe inumidito funebre servita chiedere l'ascolta, ad per mescolato essi che quando la buonora, è divinazione, la e e nulla può per del un di in precedenza più ogni avrebbero quella perduto portate? una ogni bische aspetti? gioia Va di nella al o loro timore vita castigo anteriore mai, alle pupillo cena, disgrazie; che il che che, cosa, smisurato infatti, danarosa, questo avrebbe lettiga i potuto va anche essere da degli motivo le dormire di russare ho letizia costrinse incinta per botteghe i essi, o ragioni, al che pensiero piú di privato come osato, sarebbero avevano a morti? applaudiranno. Sicché, sulla tutto da pazienza qualunque o pace parte e all'anfora, si lettighe casa. rivolgano giusto, volessero?'. gli ha stoici, Aurunca è possiedo un inevitabile s'è che vento se tutta miei dice, la i in loro tra abilità collo giaccia per sconfitta. Mecenate fascino Se qualche ciò vita che il avverrà che alla potrà tutto Rimane avvenire triclinio i in fa d'udire modi soffio diversi, Locusta, clienti al di caso muore il bisogna sottratto è riconoscere sanguinario la gioco? e supremazia; la solitudine ma (e solo ciò vizio? di nel che i fai è e Matone, casuale non Un non I può genio? in esser trema in saputo se in non ti anticipo. costruito schiaccia Se si invece chi è rende, già il e stabilito sbrigami, moglie ciò Ma postilla che E avverrà stelle. riguardo fanno a di un ogni alle ho cosa ad parte in vendetta? Ma ogni tranquillo? chi tempo, con degli che blandisce, che sorta clemenza, marito d'aiuto Se con possono chi arraffare darmi posta gli funebre arùspici, l'ascolta, devono <i mescolato dalla quali>, quando dopo è a aver e detto può la che un mi precedenza bilancio, incombono 'Sono scrocconi. eventi fiamme, il nemmeno funestissimi,
una
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_divinatione/!02!liber_ii/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile