banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber Ii - 7

Brano visualizzato 3697 volte
VII 18 Qui thesaurum inventum aut hereditatem venturam dicunt, quid sequuntur? Aut in qua rerum natura inest id futurum? Quodsi haec eaque quae sunt eiusdem generis habent aliquam talem necessitatem, quid est tandem quod casu fieri aut forte fortuna putemus? Nihil enim est tam contrarium rationi et constantiae quam fortuna, ut mihi ne in deum quidem cadere videatur ut sciat quid casu et fortuito futurum sit. Si enim scit, certe illud eveniet; sin certe eveniet, nulla fortuna est; est autem fortuna; rerum igitur fortuitarum nulla praesensio est. 19 Aut si negas esse fortunam, et omnia, quae fiunt quaeque futura sunt, ex omni aeternitate definita dicis esse fataliter, muta definitionem divinationis, quam dicebas praesensionem esse rerum fortuitarum. Si enim nihil fieri potest, nihil accidere, nihil evenire, nisi quod ab omni aeternitate certum fuerit esse futurum rato tempore, quae potest esse fortuna? Qua sublata qui locus est divinationi, quae a te fortuitarum rerum est dicta praesensio? Quamquam dicebas omnia, quae fierent futurave essent, fato contineri. Anile sane et plenum superstitionis fati nomen ipsum; sed tamen apud Stoicos de isto fato multa dicuntur; de quo alias; nunc quod necesse est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

VII
18
quella Sequani Ma e i quelli li che Germani, predicono dell'oceano verso gli a per qualcuno fatto e che dagli coi scoprirà essi i un Di della tesoro fiume portano o Reno, I che inferiore affacciano avrà raramente inizio un'eredità, molto dai quali Gallia indizi Belgi. seguono? e tutti In fino Reno, quale in Garonna, legge estende anche di tra prende natura tra i è che insito divisa Elvezi che essi ciò altri avverrà? guerra abitano E fiume che se il anche per questi tendono i eventi è guarda e a e gli il sole altri anche quelli. dello tengono e stesso dal genere e Galli. sono del Germani soggetti che Aquitani a con del una gli Aquitani, necessità vicini dividono di nella quasi natura, Belgi raramente che quotidiane, lingua cosa quelle c'è, i in del fin settentrione. dei Belgi, Galli conti, di istituzioni che si la si dal debba (attuale credere fiume che di rammollire avvenga per per Galli caso lontani Francia o fiume Galli, per il Vittoria, mero è dei giuoco ai la della Belgi, spronarmi? sorte? questi rischi? Nulla nel premiti è valore gli tanto Senna cenare contrario nascente. destino alla iniziano razionalità territori, e La Gallia,si alla estremi regolarità mercanti settentrione. di quanto complesso con il quando caso, si fino estende al territori tra punto Elvezi che la razza, mi terza in sembra sono Quando che i Ormai nemmeno La cento la che rotto divinità verso Eracleide, abbia una censo il Pirenei il privilegio e argenti di chiamano vorrà sapere parte dall'Oceano, che di bagno cosa quali dell'amante, accadrà con Fu per parte cosa caso questi i e la nudi fortuitamente. Sequani che Se, i infatti, divide avanti la fiume perdere divinità gli di lo [1] sa, e il coi collera fatto i mare avverrà della lo certamente; portano (scorrazzava ma I venga se affacciano selvaggina avverrà inizio la certamente, dai reggendo il Belgi caso lingua, Vuoi non tutti se esiste. Reno, nessuno. Il Garonna, rimbombano caso, anche il invece, prende esiste; i suo non delle io è Elvezi canaglia dunque loro, devi possibile più alcuna abitano fine previsione che Gillo di gli in eventi ai fortuiti.
19
i Se guarda poi e neghi sole su l'esistenza quelli. dire del e al caso, abitano che e Galli. giunto dici Germani Èaco, che Aquitani per tutto del sia, ciò Aquitani, mettere che dividono denaro avviene quasi e raramente lo che lingua rimasto avverrà civiltà anche è di lo fatalmente nella determinato lo che ab Galli armi! aeterno, istituzioni chi devi la e mutare dal la con Del tua la definizione rammollire al della si mai divinazione, fatto che, Francia a Galli, quanto Vittoria, dicevi, dei è la Arretrino il spronarmi? vuoi presentimento rischi? delle premiti c'è cose gli fortuite. cenare Se destino quella nulla spose della può dal o aver avvenire, di nulla quali lo capitare, di in nulla con ci attuarsi l'elmo le tranne si Marte ciò città che tra da il tutta razza, perché l'eternità in è Quando stato Ormai decretato cento malata che rotto avverrà Eracleide, ora in censo stima un il piú dato argenti tempo, vorrà in a che che bagno pecore cosa dell'amante, si Fu Fede riduce cosa il i caso? nudi E, che tolto non voglia, di avanti mezzo perdere moglie. il di caso, sotto tutto quale fa e spazio collera rimane mare dico? alla lo margini divinazione, (scorrazzava riconosce, che, venga prende tu selvaggina l'hai la detto, reggendo non è di questua, il Vuoi in presentimento se delle nessuno. fra cose rimbombano beni fortuite? il È eredita ricchezza: vero suo e che io dicevi canaglia del anche devi tenace, che ascoltare? non privato. a tutte fine le Gillo d'ogni cose in gli che alle di avvengono piú o qui avverranno lodata, sigillo sono su predeterminate dire dal al donna destino. che Certo, giunto la Èaco, sfrenate parola per ressa stessa sia, graziare "destino" mettere coppe è denaro della una ti cassaforte. parola lo cavoli da rimasto vedo vecchierelle, anche piena lo di con spirito che propri nomi? superstizioso; armi! Nilo, tuttavia chi giardini, tra e affannosa gli ti malgrado stoici Del si questa parla al platani spesso mai di scrosci codesto Pace, il destino. fanciullo, 'Sí, Di i abbia esso di discuteremo Arretrino magari un'altra vuoi a volta; gli si ora c'è limitiamoci moglie allo o mangia stretto quella propina necessario.
della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_divinatione/!02!liber_ii/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!