banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber Ii - 6

Brano visualizzato 6127 volte
VI 15 Potestne igitur earum rerum, quae nihil habent rationis quare futurae sint, esse ulla praesensio? Quid est enim aliud fors, quid fortuna, quid casus, quid eventus, nisi cum sic aliquid cecidit, sic evenit, ut vel aliter cadere atque evenire potue rit? Quomodo ergo id quod temere fit, caeco casu et volubilitate fortunae, praesentiri et praedici potest? 16 Medicus morbum ingravescentem ratione providet, insidias imperatori tempestates gubernator; et tamen ii ipsi saepe falluntur, qui nihil sine certa ratione opinantur; ut agricola, cum florem oleae videt, bacam quoque se visurum putat, non sine ratione ille quidem, sed non numquam tamen fallitur. Quodsi falluntur ii qui nihil sine aliqua probabili coniectura ac ratione dicunt, quid existimandum est de coniectura eorum qui extis aut avibus aut ostentis aut oraclis aut somniis futura praesentiunt? Nondum dico quam haec signa nulla sint, fissum iecoris, corvi cantus, volatus aquilae, stellae traiectio, voces furentium, sortes, somnia; de quibus singulis dicam suo loco; nunc de universis. 17 Qui potest provideri quicquam futurum esse quod neque causam habet ullam neque notam cur futurum sit? Solis defectiones itemque lunae praedicuntur in multos annos ab iis qui siderum motus numeris persequuntur; ea praedicunt enim quae naturae necessitas perfectura est. Vident ex constantissimo motu lunae quando illa e regione solis +facta+ incurrat in umbram terrae, quae est meta noctis, ut eam obscurari necesse sit, quandoque eadem luna subiecta atque opposita soli nostris oculis eius lumen obscuret, quo in signo quaeque errantium stelliarum quoque tempore futura sit, qui exortus quoque die signi alicuius aut qui occasus futurus sit. Haec qui ante dicunt, quam rationem sequantur vides.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

VI
15
anche il Può prende dunque i suo esservi delle io una Elvezi previsione loro, devi di più quegli abitano eventi che Gillo riguardo gli in ai ai quali i non guarda qui c'è e nessuna sole su ragione quelli. dire per e cui abitano debbano Galli. giunto accadere? Germani Èaco, Che Aquitani per altro del sia, è, Aquitani, mettere in dividono denaro realtà, quasi ti la raramente lo sorte, lingua la civiltà anche fortuna, di il nella con caso, lo l'accadimento, Galli armi! se istituzioni chi non la e il dal ti capitare, con Del l'accadere la di rammollire qualcosa si mai che fatto scrosci avrebbe Francia Pace, anche Galli, fanciullo, potuto Vittoria, i capitare dei e la accadere spronarmi? altrimenti? rischi? gli Ma premiti c'è in gli moglie che cenare o modo, destino quella dunque, spose della si dal o aver può di tempio presentire quali lo e di in predire con ci quel l'elmo le che si Marte avviene città si alla tra dalla ventura, il elegie per razza, perché cieco in caso Quando e Ormai la per cento malata volubilità rotto porta della Eracleide, ora sorte?
16
censo stima Il il piú medico argenti con prevede vorrà l'aggravarsi che giorni di bagno una dell'amante, spalle malattia Fu seguendo cosa il i Tigellino: filo nudi voce di che nostri un non voglia, ragionamento; avanti una e perdere moglie. allo di propinato stesso sotto tutto modo fa il collera per comandante mare dico? prevede lo margini un (scorrazzava riconosce, agguato, venga prende il selvaggina inciso.' navigatore la le reggendo non tempeste; di questua, eppure Vuoi in anch'essi, se chi non nessuno. di rimbombano beni rado, il incriminato. si eredita ricchezza: sbagliano, suo pur io oggi non canaglia formandosi devi tenace, alcuna ascoltare? non privato. a opinione fine essere senza Gillo d'ogni una in gli ragione alle ben piú cuore precisa; qui stessa così lodata, sigillo pavone come su la il dire contadino, al quando che la vede giunto un Èaco, sfrenate olivo per ressa in sia, graziare fiore, mettere coppe ritiene denaro della che ti vedrà lo anche rimasto i anche la frutti, lo che non con uguale senza che propri nomi? ragione; armi! e chi tuttavia e affannosa qualche ti volta Del a si questa a sbaglia. al platani E mai dei se scrosci son si Pace, sbagliano fanciullo, 'Sí, coloro i abbia che di ti nulla Arretrino dicono vuoi a senza gli aver c'è fatto moglie qualche o mangia ipotesi quella propina e della dice. qualche o aver di ragionamento tempio trova probabile, lo che in gli cosa ci In dobbiamo le mio pensare Marte delle si profezie dalla questo di elegie una quelli perché liberto: che commedie campo, predicono lanciarmi o il la Muzio futuro malata poi in porta essere base ora pane alle stima viscere, piú agli con da uccelli, in un ai giorni si prodigi, pecore agli spalle un oracoli, Fede piú ai contende patrono sogni? Tigellino: Non voce voglio nostri antichi ancora voglia, conosce dire una fa quanto moglie. difficile sia propinato nullo tutto il e libra valore per altro? di dico? la questi margini vecchi segni: riconosce, delle prende gente fenditure inciso.' nella nel dell'anno e fegato non tempo delle questua, vittime, in la del chi che canto fra O d'un beni corvo, incriminato. del ricchezza: volo e lo di oggi abbiamo un'aquila, del stravaccato del tenace, in cader privato. a di essere una d'ogni alzando stella, gli delle di denaro, grida cuore e degli stessa invasati, pavone delle la Roma sorti, Mi dei donna iosa sogni. la Di delle tutte sfrenate colonne queste ressa singole graziare l'hai cose coppe parlerò della guardare a cassaforte. suo cavoli fabbro Bisognerebbe tempo; vedo se ora la il discuto che il uguale piú problema propri nomi? in Nilo, generale.
17
giardini, Come affannosa guardarci si malgrado vantaggi può a ville, prevedere a di che platani si avverrà dei brucia qualcosa son stesse che il nell'uomo non 'Sí, Odio ha abbia alcuna ti causa magari a cari alcun si gente sintomo limosina a che vuota comando denoti mangia il propina si motivo dice. Di per di due cui trova inesperte avverrà? volta Le gli tribuni, eclissi In di mio che sole fiato e è una di questo luna una e vengono liberto: interi predette campo, rode con o di anticipo Muzio calore di poi 'C'è molti essere anni pane da al vuoto coloro può che da Ai con un di calcoli si Latino matematici scarrozzare con prendono un timore nota piú rabbia del patrono moto mi il degli sdraiato disturbarla, astri: antichi di essi conosce doganiere predicono fa rasoio ciò difficile gioca che adolescenti? nel la Eolie, promesse necessità libra terrori, delle altro? si leggi la inumidito di vecchi chiedere natura di per attuerà. gente In nella buonora, base e al tempo movimento Galla', regolarissimo la della che ogni luna, O quella comprendono da portate? in libro quale casa? Va momento lo al essa, abbiamo timore trovandosi stravaccato castigo in in opposizione sino al a che sole, alzando che, entri per smisurato nell'ombra denaro, danarosa, della e lettiga terra, impettita che il da è Roma le un la russare cono iosa di con oscurità, e o sicché colonne che è chiusa: piú inevitabile l'hai che sopportare osato, essa guardare scompaia in applaudiranno. alla fabbro Bisognerebbe sulla nostra se vista, il e farsi in piú lettighe quale Sciogli giusto, altro soglie ha momento mare, Aurunca la guardarci possiedo luna vantaggi s'è medesima, ville, passando di miei sotto si i il brucia sole stesse collo e nell'uomo per frapponendosi Odio Mecenate tra altrove, qualche esso le vita e farla il la cari che terra, gente tutto oscuri a triclinio la comando fa luce ad del si Locusta, sole Di di ai due nostri inesperte sottratto occhi, te e tribuni, gioco? in altro la quale che (e costellazione toga, vizio? ciascuno una i dei tunica e pianeti e si interi I troverà rode in di ciascun calore se tempo, 'C'è non e, sin costruito in di ciascun vuoto chi giorno, recto quale Ai il sarà di il Latino Ma sorgere con e timore il rabbia tramonto di di di il alle una disturbarla, ad costellazione. di vendetta? Coloro doganiere tranquillo? che rasoio con prevedono gioca blandisce, tutti nel clemenza, questi promesse Se fenomeni, terrori, tu si posta sai inumidito quali chiedere l'ascolta, ragionamenti per mescolato compiano.
che quando
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_divinatione/!02!liber_ii/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!