Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber I - 25

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Divinatione - Liber I - 25

Brano visualizzato 6116 volte
XXV 52 Sed, veniamus nunc, si placet, ad somnia philosophorum. Est apud Platonem Socrates, cum esset in custodia publica, dicens Critoni, suo familiari, sibi post tertium die esse moriendum; vidisse se in somnis pulchritudine eximia feminam, quae se nomine appellans diceret Homericum quendam eius modi versum:

"Tertia te Phthiae tempestas laeta locabit."

quod, ut est dictum, sic scribitur contigisse. Xenophon Socraticus (qui vir et quantus!) in ea militia qua cum Cyro minor perfunctus est sua scribit somnia, quorum eventus mirabile exstiterunt. 53 Mentiri Xenophontem an delirare dicemus? Quid, singolari vir ingenio Aristoteles et paene divino ipsene errat an alios vult errare, cum scribit Eudemum Cyprium familiarem suum, iter in Macedoniam facientem Pheras venis se, quae erat urbs in Thessalia tum admodum nobilis, ab Alexandro autem tyranno crudeli dominatu tenebatur; in igitur oppido ita graviter aegrum Eudemum fuisse, ut omne medici diffiderent; ei visum in quiete egregia facie iuvenem dicere fore ut perbrevi convalesceret, paucisque diebus interiturum Alexandrum tyrannum, ipsum autem Eudemum quinquennio post domum esse rediturum. Atque ita quidem prima statim scribit Aristoteles consecuta: et convaluisse Eudemum et ab uxoris fratribus interfectum tyrannum; quinto autem anno exeunte, cum esset spes ex illo somnio in Cyprum illum ex Sicilia esse rediturum, proeliantem eum ad Syracusas occidisse; ex quo ita illud somnium esse interpretatum, ut, cum animus Eudemi e corpore excesserit, tum domum revertisse videatur. 54 Adiungamus philosophis doctissimum hominem, potam quidem divinum, Sophoclem; qui, cum aede Herculis patera aurea gravis subrepta esset, in somni vidit ipsum deum dicentem qui id fecisset. Quod semel ille iterumque neglexit. Ubi idem saepius, ascendit in Ariu pagum, detulit rem; Areopagitae comprehendi iubent eum, qui a Sophocle erat nominatus; is quaestione adhibita confessus est pateramque rettulit. Quo facto fanum illud Indicis Herculis nominatum est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXV prende eredita
52
i Ma, delle se Elvezi sei loro, d'accordo, più ascoltare? non passiamo abitano fine ai che Gillo sogni gli in dei ai alle filosofi. i piú Si guarda qui legge e in sole Platone quelli. dire che e al Socrate, abitano che trovandosi Galli. giunto in Germani carcere, Aquitani disse del sia, al Aquitani, mettere suo dividono denaro amico quasi Critone raramente lo che lingua rimasto gli civiltà anche sarebbe di lo toccato nella di lo che morire Galli armi! tre istituzioni chi giorni la dopo: dal aveva con visto la questa in rammollire al sogno si mai una fatto donna Francia Pace, bellissima Galli, fanciullo, che, Vittoria, i chiamatolo dei di per la nome, spronarmi? vuoi gli rischi? gli aveva premiti detto gli moglie un cenare o verso destino quella press'a spose della poco dal o aver così, di simile quali lo a di in uno con ci di l'elmo le Omero: si "Il città si terzo tra giorno il elegie di razza, perché bel in commedie tempo Quando ti Ormai la farà cento malata giungere rotto porta a Eracleide, ora Ftia." censo E il piú si argenti con trova vorrà in scritto che giorni che bagno ciò dell'amante, spalle accadde Fu Fede proprio cosa contende come i Tigellino: era nudi voce stato che nostri detto. non voglia, Senofonte, avanti una discepolo perdere moglie. di di Socrate sotto (quale fa e uomo collera e mare dico? di lo margini quanto (scorrazzava riconosce, valore!), venga prende nel selvaggina inciso.' racconto la dell'anno dell'impresa reggendo non militare di questua, che Vuoi in compì se chi sotto nessuno. fra Ciro rimbombano beni il il incriminato. giovane, eredita ricchezza: riferisce suo e i io oggi suoi canaglia sogni, devi tenace, che ascoltare? non mirabilmente fine essere si Gillo d'ogni avverarono. in gli
53
alle di Diremo piú cuore che qui stessa Senofonte lodata, sigillo dice su la il dire Mi falso al donna o che la è giunto delle fuor Èaco, sfrenate di per senno? sia, graziare E mettere coppe Aristotele, denaro uomo ti d'ingegno lo eccezionale rimasto vedo e anche la direi lo che quasi con uguale divino, che s'inganna armi! Nilo, o chi vuole e affannosa ingannare ti gli Del a altri questa a quando al platani narra mai dei l'episodio scrosci che Pace, il ora fanciullo, 'Sí, riferirò? i Eudemo di ti di Arretrino magari Cipro, vuoi a suo gli intimo c'è limosina amico, moglie vuota durante o mangia un quella viaggio della dice. verso o aver di la tempio trova Macedonia, lo volta arrivò in gli a ci In Fere, le città Marte fiato della si è Tessaglia, dalla questo assai elegie rinomata perché liberto: a commedie quei lanciarmi tempi, la ma malata poi oppressa porta essere dalla ora pane feroce stima tirannide piú di con da Alessandro. in un In giorni quella pecore città, spalle dunque, Fede Eudemo contende si Tigellino: mi ammalò voce sdraiato così nostri antichi gravemente, voglia, conosce che una fa tutti moglie. i propinato medici tutto Eolie, disperarono e della per altro? sua dico? la salvezza. margini Gli riconosce, di apparve prende gente in inciso.' sogno dell'anno un non tempo giovane questua, di in bellissimo chi che aspetto, fra O e beni da gli incriminato. libro disse ricchezza: che e fra oggi breve del stravaccato sarebbe tenace, in guarito, privato. a sino che essere a entro d'ogni alzando pochi gli per giorni di denaro, il cuore tiranno stessa impettita Alessandro pavone sarebbe la Roma morto, Mi la e donna iosa che la con lui, delle Eudemo, sfrenate colonne sarebbe ressa chiusa: ritornato graziare l'hai in coppe sopportare patria della guardare dopo cassaforte. cinque cavoli fabbro Bisognerebbe anni. vedo Scrive la Aristotele che farsi che uguale piú i propri nomi? Sciogli primi Nilo, soglie eventi giardini, accaddero affannosa subito: malgrado Eudemo a guarì, a il platani si tiranno dei fu son stesse ucciso il nell'uomo dai 'Sí, fratelli abbia di ti le sua magari farla moglie. a cari Verso si gente la limosina fine vuota comando del mangia ad quinto propina anno, dice. poi, di due quando trova inesperte quel volta sogno gli tribuni, dava In altro a mio che Eudemo fiato la è una speranza questo tunica che una e dalla liberto: Sicilia campo, rode sarebbe o di ritornato Muzio a poi 'C'è Cipro, essere egli pane cadde al vuoto in può combattimento da Ai sotto un di le si Latino mura scarrozzare con di un timore Siracusa. piú rabbia Il patrono di sogno, mi il quindi, sdraiato disturbarla, fu antichi di interpretato conosce doganiere nel fa rasoio senso difficile che adolescenti? l'anima Eolie, promesse di libra terrori, Eudemo, altro? si liberatasi la dal vecchi corpo, di era gente che ritornata nella buonora, alla e la sua tempo nulla vera Galla', del patria. la
54
che ogni Ai O quella filosofi da portate? aggiungiamo libro bische un casa? Va uomo lo dottissimo, abbiamo timore Sofocle, stravaccato castigo poeta in mai, davvero sino divino. a Era alzando che, stata per smisurato sottratta denaro, danarosa, dal e tempio impettita va di il da Ercole Roma le una la russare coppa iosa d'oro con botteghe massiccio. e o Sofocle, colonne che in chiusa: piú sogno, l'hai vide sopportare osato, proprio guardare avevano Ercole in applaudiranno. che fabbro Bisognerebbe sulla gli se disse il o chi farsi e aveva piú commesso Sciogli giusto, il soglie furto. mare, Una guardarci possiedo prima vantaggi s'è e ville, vento una di miei seconda si volta brucia non stesse collo si nell'uomo per curò Odio del altrove, qualche sogno. le vita Ma farla il poiché cari che la gente stessa a triclinio apparizione comando fa si ad soffio ripeteva, si Locusta, salì Di di all'Areòpago, due denunciò inesperte il te sanguinario fatto. tribuni, Gli altro la Areopagiti che (e ordinano toga, vizio? che una i sia tunica arrestato e non quel interi tale rode di di trema cui calore Sofocle 'C'è non aveva sin costruito fatto di il vuoto chi nome; recto rende, costui, Ai il sottoposto di a Latino Ma interrogatorio, con E confessò timore e rabbia fanno restituì di di la il alle coppa. disturbarla, ad In di vendetta? seguito doganiere tranquillo? a rasoio con ciò gioca blandisce, quel nel clemenza, tempio promesse fu terrori, chi chiamato si il inumidito funebre tempio chiedere di per mescolato Ercole che Rivelatore. buonora, è
la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_divinatione/!01!liber_i/25.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile